Girovagandoblog

Escursioni in Trentino – il blog del forum girovagandoinmontagna.it

Micro guida per mappare su OpenStreetMap

| 0 commenti

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Micro guida per mappare su OpenStreetMap (per montanari)

Schermata 2017 02 20 alle 21.15.58

Iscrizione

Schermata principale

Cosa mappare e come

Punto, linea, area

Mappare una cima

Mappare un lago

Mappare un sentiero

Quale tag?

Conclusioni

Iscrizione

Per mappare su OpenStreetMap (OSM), è necessario anzitutto iscriversi

Schermata principale

Dalla schermata principale si può navigare liberamente nella mappa col mouse oppure cercando un luogo specifico nella casella di ricerca a sx.

Per noi montanari meglio selezionare la visualizzazione mappa ciclabile dall’elenco a dx che rende meglio la morfologia del territorio. Si entra quindi nella modalità Modifica con ID
Schermata 2017 02 19 alle 08.57.14

Pic 1: schermata principale

Cosa mappare e come

La prima schermata è oggettivamente terrificante per il novizio. Appare un guazzabuglio di linee, aree colorate e simboli incomprensibili. Ma non devi lasciarti spaventare, in realtà i concetti sono semplici. Conviene anzitutto togliere gli elementi di “disturbo”, deselezionando usi del territorio e confini per avere una mappa meno affollata di dati e più pulita.

Cosa mappare? Tutto quello che ti pare e che ovviamente manca nella mappa: una malga, un laghetto, un sentiero, una forcella, una croce di vetta. Non è indispensabile avere per forza un GPS: puoi anche aggiungere informazioni di cui sei a conoscenza diretta e di cui sei sicuro, es. il nome di una forcella, o di una malga. Puoi aiutarti eventualmente con altre mappe, per esempio la Kompass online o altre mappe su carta, anche se è sempre  preferibile mettere informazioni rilevate in prima persona, così eviti di copiare errori altrui 🙂

Schermata 2017 02 19 alle 09.22.46

Pic 2: deselezionare usi del territorio e confini per avere una mappa più “pulita”

Punto, linea, area

Tutti i dati contenuti in OSM sono inseriti per mezzo di: punto, linea, area.

Es: una cima è un punto, un sentiero è una linea, un lago è un’area

Schermata 2017 02 19 alle 08.58.06

Pic 3: tutti gli elementi nella mappa sono definiti con punti, linee o aree

Quindi, a seconda di quello che vuoi mappare, basta selezionare il punto, la linea o l’area, e posizionarlo in mappa.

Mappare una cima

Selezionando il simbolo del punto, posizionare la vetta in mappa. Ogni elemento aggiunto in OSM, oltre alla sua posizione geografica, deve avere dei tag (etichette) che ne definiscono le caratteristiche. I tag sono in realtà migliaia ma per mappare una cima ne sono sufficienti 3: il nome, la quota, il tag “natural=peak” che definisce il punto come elemento naturale. Col tasto salva immetti il nuovo elemento aggiunto alla mappa, che sarà visibile in genere nel giro di pochi minuti in tutto il mondo. Al momento di salvare è opportuno mettere un breve commento su quello che hai mappato: “es mappata Cima Costalta”, come promemoria per te o per altri che, in futuro, esamineranno l’elemento.

Schermata 2017 02 19 alle 08.59.37

Pic 4: Selezionando un elemento in mappa, appaiono sulla sx i relativi tag che lo definiscono

Mappare un lago

Il procedimento è identico a quello di mappare una cima, salvo che si userà il simbolo area anziché il punto: individuato il lago da mappare, e verificato che non sia già mappato (in questo caso è coperto da un’area azzurra) delimitare il contorno dello specchio d’acqua con una serie di punti. L’area si chiuderà quando fai coincidere l’ultimo punto col primo. Quindi è necessario assegnare i tag, in questo caso: nome, quota, natural=water, water=lake. Quando hai finito clicca su salva.

Schermata 2017 02 19 alle 11.09.46

Pic 5: con lo strumento “area” si mappano superfici: edifici, laghi, radure boschive, etc

Mappare un sentiero

Questo è un procedimento leggermente più impegnativo dei precedenti, ma il principio è sempre lo stesso. Avendo una traccia in formato .gpx (ottenuta con uno strumento GPS o anche con lo smartphone), bisogna caricarla in OSM sotto la voce tracciati GPS – carica un tracciato (o ancora più semplicemente, trascinarla nella finestra di OSM aperta in modalità “modifica”)

Schermata 2017 02 19 alle 10.13.40

Pic 6: i tracciati gpx vanno caricati in Osm

Il principio è che il tracciato NON apparirà automaticamente in OSM, ma ti servirà per ricalcare una traccia “pulita”. Perché? Perché le tracce gps non sempre sono perfette e pulite: se ti sei allontanato dal sentiero per andare a fare una foto, per correre dietro a un camoscio o semplicemente per andare a cagare :), è meglio che queste digressioni non siano riportate in OSM. Carica la traccia quindi clicca su modifica e ti apparirà la traccia in mappa.

Schermata 2017 02 19 alle 10.15.27

Pic 7: la vostra traccia gpx pronta da ricalcare

A questo punto ricalca con una serie di punti la tua traccia, aiutandoti con l’immagine aerea dello sfondo. E’ importante che il sentiero sia collegato, all’inizio e alla fine, ad altri sentieri, strade, strade forestali se presenti, per stabilire una relazione con gli altri elementi: per esempio, se un sentiero si stacca da una strada, il sentiero va collegato alla strada cliccando il primo punto su di essa. Idem per l’arrivo se si collega ad un altro sentiero o una strada. Disegnato il nuovo tracciato, occorre come al solito definire i tag, selezionando dall’elenco a sx la tipologia (strada, sentiero, etc) e quindi, a cascata, i sottomenu fino alla definizione dei tag.

Schermata 2017 02 19 alle 10.25.01

Pic 8: Inserito l’elemento, si assegnano i tag dal menù a sx

I sentieri possono avere molti tag che lo definiscono: il nome (es. E324, o “Sentiero delle Caore”), il tipo di fondo (pietroso, terroso, erboso, etc), la difficoltà (sentiero turistico o alpinistico etc), la visibilità (presenza o meno di segnature, cartelli etc) percorribilità con MTB etc.

Non è obbligatorio riempire tutti i campi ma solo quelli che riteniamo importanti: per esempio il numero di sentiero, il grado di visibilità e difficoltà sono sufficienti.

Quale tag?

I tag come detto sono migliaia, perché definiscono migliaia di elementi naturali e artificiali. Come orientarsi? Il montanaro userà per forza di cose un numero di tag ridotto perché in montagna non ci sono ferrovie, metropolitane, aeroporti o altre infrastrutture che hanno bisogno di tag specifici. In caso di dubbio, per taggare correttamente una malga, una sorgente, una panchina, un bivacco, basta consultare la guida dove potete trovare tutti i tag possibili e immaginabili.

Conclusioni

Ultima raccomandazione: prova, smanetta, bestemmia. Non è così difficile come sembra. Se fai disastri basta non salvare nulla, in ogni caso è sempre possibile recuperare la situazione precedente. Non mappare a casaccio, cerca di essere più preciso possibile. Per rispetto di te stesso e della grande comunità di cui entri a far parte nel momento in cui inizi a inserire informazioni. Tutti vorremmo avere sempre informazioni affidabili.

La comunità dei mappatori è grande e si autocorregge quando i dati sono sbagliati o imprecisi. Tu stesso puoi correggere errori di altri. In questo modo OSM cresce e diventa sempre migliore, a disposizione di tutti, gratis. Non di rado le mappe OSM sono più dettagliate e aggiornate di quelle commerciali. In montagna ad esempio sono enormemente migliori delle mappe Google, che non hanno nessun sentiero. Non è meraviglioso?

Questa micro-guida non ha certo la pretesa, impossibile, di insegnare a usare bene OSM, ma solo lo scopo di far comprendere i concetti basilari. Poi il resto viene provando, smanettando, impegnandosi un po’, ciascuno secondo le sue capacità e possibilità, per un mondo migliore :).

Se avete suggerimenti per migliorare questo documento: aghezz@gmail.com
Scritto da Agh per girovagandoinmontagna.com
febbraio 2017

Openstreetmap – sito ufficiale
Guida ai tag per mappare
La cartografia OpenStreetMap per l’escursionismo in montagna (in breve)

Autore: Agh

Content manager portali turismo e montagna, fotografo, cameraman

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.