[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521

Autore Topic: [GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521  (Letto 2267 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Salendo all'Angelo Grande, vista su Cima Vertana

Molti anni fa salendo al Dossobello - Schöneck m 3128 sopra Solda, ero rimasto affascinato dal profilo dell’Angelo Grande m 3521. A distanza di tanto tempo, torno per tentare la salita. Dopo eterno trasferimento da Piné, arrivo a Solda intorno alle 7.30, dopo aver dormito appena 4 ore :( . Cerco un bar per un caffè. Con la seggiovia al “Pulpito” potrei risparmiare 500 metri di dislivello ma, finché la gamba tiene, cerco di evitare gli impianti e così parto direttamente da Solda m 1860. Di fronte all’Hotel Post c’è un comodo parcheggio gratuito, quindi col sentiero n 5 mi inoltro nella bella Val di Zai (Zaytal) e salgo progressivamente di quota per facilissimo sentiero risucchiando in un fiato gli 800 metri di dislivello fino al Rif. Serristori 2721, dove prendo un té. La vista su Ortles, Zebrù e Gran Zebrù e i ghiacciai è già strepitosa.


Val di Zay

Zoomata sull'Ortles m 3905

Vedo in lontananza l’Angelo Grande: il ghiacciaio è ridotto al lumicino rispetto a come lo ricordavo. Mi faccio rapidamente illustrare dal gestore del rifugio la salita. Apprendo con sorpresa che ci sono dei tratti attrezzati (credevo di no) e passaggi su roccia di grado II. Mi preoccupo un po’ perché non ho imbrago.


Laghetti si Zay, al centro l'Angelo Grande

Col sentiero n. 2 mi inoltro verso la grandi morene. Il sentiero inizialmente è ben tracciato, costeggia i laghetti di Zay poi diventa confuso con selve di ometti e troppi segni gialli sulle pietre che indicano direzioni diverse. Arrivato sulle morene la marcia diventa più faticosa su pietraie, la traccia non sempre evidente anche se la direzione è intuitiva: un cartello aiuta con l’indicazione “Rainstadler Route”, che in sostanza rimonta la grossa dorsale di NO. La Kompass induce in confusione perché riporta ancora la vecchia via verso Passo dell’Angelo, caduta in disuso negli anni recenti per il ritiro del ghiacciaio e per le frane. Sulla OpenStreetmap invece la traccia è mappata correttamente.


Rifugio Serristori con lo sfondo dell'Ortles
Attraverso i torrenti che scendono dal ghiacciaio di Cima Vertana

Le morene con la Croda di Cengles a dx

Angelo Grande a sx, a dx il Passo dell'Angelo dove c'era la vecchia via ora caduto in disuso per frane

All'attacco della dorsale

La parete coi tratti attrezzati

I cordini di sicurezza sono nel tratto più ripido, poi bisogna arrangiarsi

Superati i roccioni della parete iniziale, la dorsale spiana un po'

Senza difficoltà arrivo sotto la parete della dorsale NO, che fa un po’ di impressione perché piuttosto ripida e accidentata. I segni gialli stavolta servono: si rimontano degli sfasciumi e dopo un traverso su una cengia un po’ esposta, ecco i primi cordini che salgono verticalmente lungo la parete.


Incrocio una guida con due clienti, che scendono in conserva

Vista verso Cima Vertana

Lascio i bastoncini in un anfratto. Gli appigli sono molti e la salita abbastanza facile, ma senza imbrago conviene stare molto attenti perché una caduta sarebbe fatale. Dopo aver superato il tratto più ripido i cordini spariscono e si procede “in libera” arrampicando su sfasciumi e roccioni, talvolta un po’ esposti.


Eccomi sulla dorsale, sguardo indietro verso la Croda di Cengles

Quota 3300, si fiancheggia il ghiacciaio

Ultimo tratto ripido

Sono ormai vicino alla cresta del Passo dell'Angelo, spuntano all'orizzonte Zufall e Cevedale

Guardo in basso la dorsale appena salita

Infine si sbuca sulla dorsale dove la pendenza diventa più modesta. Ora si sale per tracce e su pietraie scomode, fiancheggiando il ghiacciaio lungo il quale scorrono torrenti gorgoglianti per il gran caldo. A quota 3300 accuso un po’ la quota con un leggerissimo “rimbambimento”, rallento un po’ e rifiato meglio. Questa per me sembra essere la soglia fatidica: mi accade quasi sempre quando raggiungo questa quota, sento come una specie di “rimbombo” interno, poi per fortuna passa rapidamente e non ho problemi a salire più in alto. Cosa che accade anche stavolta, riprendo la marcia e non ho più problemi, mentre la pendenza aumenta progressivamente fino a raggiungere la prossimità della cresta.


Si sale per sfasciumi e roccioni, affacciandosi di tanto in tanto verso il ghiacciaio

La dorsale verso la cresta: il ghiacciaio in forte ritiro permette di camminare sempre sulle rocce

Vista verso Vioz, Zufall e Cevedale, in primo piano al centro la vedretta del Rosim

Ormai è quasi fatta! Mi resta il traversone e sono in vetta. Mi affaccio sull’esposto versante sud dove si apre la grandiosa vista sopra la Vedretta di Lasa. Tenendomi a ridosso della cresta traverso arrampicando su roccioni e aggirando da sopra il ghiacciaio ripido che precipita a valle. Infine per la facile cresta finale arrivo alla grande croce dell’Angelo Grande m 3521.


Ultimo traverso e sono in vetta!


Una grande soddisfazione, con dei panorami sconfinati che non ci si stancherebbe mai di guardare. Per fortuna il tempo che era bigio a metà mattina sta migliorando e i temuti temporali pomeridiani sembrano scongiurati così ne approfitto per fermarmi in cima per guardare un bel po’ di cime e fare foto. Lo stato dei ghiacciai appare davvero catastrofico: il colore è grigiastro o addirittura giallognolo, spesso emerge il ghiaccio vivo scuro, che privo di copertura nevosa si scioglie rapidamente.


Vedretta di Lasa

Grande Angelo, il confronto con la foto sotto del 1990 fa impressione

Stesso ghiacciaio nel 1990, foto di Francesco Candiz

Inizio la discesa

Eccomi di nuovo sulla morena

Ritorno ai Laghi di Zay nei pressi del rifugio

Poco prima delle 15 arriva l’ora di scendere, mi attende una lunga discesa fino a Solda ed è meglio che mi dia  una mossa. Per la stessa via dell’andata calo di quota con calma ed attenzione fino al tratto attrezzato, che scendo con prudenza ma senza difficoltà. Arrivato sulla morena la traccia dall’alto si vede molto meglio e ripercorro il tragitto fino al rif. Serristori dove faccio una pausa tè all’esterno.


Di ritorno al rif. Serristori (a dx)

Tira un vento quasi gelido. Dopo mezz'ora assieme a un gruppo di tedeschi che ridono ininterrottamente per tutto il tempo, senza capire cosa dicessero, tolgo il disturbo. Inizio la discesa a valle, con qualche bel scorcio fotografico del tramonto, concludendo una giornata bellissima da mettere in cornice :)


Sguardo indietro all'Angelo Grande appena disceso

Rientro a valle

Conclusioni: magnifica escursione nei grandiosi paesaggi dell’Ortles coi suoi quasi 4000 metri. Itinerario non troppo difficile ma da non prendere sottogamba, fisicamente impegnativo se si parte da Solda. Sviluppo 19 km, dislivello 1800, passaggi di I e II grado senza protezione.


Il percorso

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.854
  • Sesso: Maschio
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #1 il: 07/08/2017 21:15 »
Hai fatto bene: fra un paio d'anni non ci sarà + neppure quell'esile lingua di ghiaccio...è finita ormai ! :'(
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 292
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #2 il: 08/08/2017 09:35 »
Bel report, e belle zone, che frequento da parecchi anni sia d'estate che d'inverno.

Quando il ghiacciaio era decente, attorno al 1998, portai sull'Angelo grande due colleghi di lavoro inglesi, marito e moglie, non allenati. Io pensavo di fare un giretto attorno al Serristori ma loro insistettero per fare la cima. Al ritorno a Solda erano demoliti  :)

Un'altra volta (nell'era pre-internet) a Pasqua avevamo deciso di fare la classica traversata scialpinistica della Vertana pernottando al Serristori. Temevamo non ci fosse posto, dato che avevamo deciso all'ultimo. Telefonai, il gestore mi rispose che aveva posto. Poi si aggiunsero altri amici, ritelefonai, e il gestore mi disse che non c'era problema, c'era un sacco di posto!
Alla fine mi venne un dubbio: ritelefonai e chiesi com'erano le condizioni della neve...
"Non ce n'e'!" fu la risposta.  ;D
Mauro

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #3 il: 08/08/2017 09:42 »
Il Vertana visto dall'Angelo Grande sembra proprio inavvicinabile per l'escursionista. Giù al rifugio ho visto che ci sono dei cartelli per salirlo da NO. Pare si possa salire anche dalla dorsale di SO. Qualcuno ha provato queste vie?
« Ultima modifica: 08/08/2017 09:45 da AGH »

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #4 il: 08/08/2017 11:24 »
Bel report agh! Zone che conosco bene! La salita alla vertana si effettua dalla val di rosim per la pala sud. Dalla cresta nord, collegata all'angelo, si faceva anni fa quando non era così malmessa. Poi c'è la cresta sopra al rifugio che è una via di roccia di terzo grado
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #5 il: 08/08/2017 11:32 »
ma come è questa pala sud?

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #6 il: 08/08/2017 11:48 »
Facile, c'è un brevissimo tratto su ghiacciaio, tipo zufall (se c'è ancora) e poi sfasciumi fino in vetta. L'ho fatta col cane anche.. la fai senza problemi
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #7 il: 08/08/2017 12:42 »
ah, buono a sapersi :) grazie

Offline Alex Bear

  • vif
  • *****
  • Post: 790
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #8 il: 08/08/2017 12:54 »
Bel report!  :)     Mi fanno impressione il confronto delle due foto del ghiacciaio...  :'(
Vado in montagna più per la paura di non vivere che per quella di morire.

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 145
  • località di residenza: Breganze (VI)
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #9 il: 08/08/2017 19:26 »
Bello Agh!
Zone molto distanti per me purtroppo.
Il confronto delle foto del ghiacciaio è veramente impietoso. :(

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.828
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #10 il: 09/08/2017 16:50 »
Bellissimo report, bellissime zone da scoprire ancora per me...
L'arrampicata di secondo grado è fattibile? In giù bisogna disarrampicare o è semplicemente da stare attenti?

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #11 il: 09/08/2017 17:35 »
Bellissimo report, bellissime zone da scoprire ancora per me...
L'arrampicata di secondo grado è fattibile? In giù bisogna disarrampicare o è semplicemente da stare attenti?

tutto è fattibile, ovviamente con la dovuta attenzione. Tu non dovresti avere alcun problema

Offline Jader

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 68
  • Sesso: Maschio
  • Never stop exploring!
  • località di residenza: Bussolengo
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #12 il: 10/08/2017 12:48 »
Gran bel giro, impressionante la differenza delle tue foto  :o
Jader
"L’alpinismo è salire per la via più facile alla vetta, tutto il resto è acrobazia" (cit. B.Detassis)

Offline stef48

  • Full Member
  • ***
  • Post: 126
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Bolzano
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #13 il: 25/09/2017 18:22 »
ma come è questa pala sud?

Facile, c'è un brevissimo tratto su ghiacciaio, tipo zufall (se c'è ancora) e poi sfasciumi fino in vetta. L'ho fatta col cane anche.. la fai senza problemi

Confermo, ma occhio alla vedretta; vedi questa:
http://girovagandoinmontagna.com/gim/alto-adige/vertana-e-approfondimento/msg109686/#msg109686

Offline stef48

  • Full Member
  • ***
  • Post: 126
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Bolzano
Re:[GRUPPO ORTLES] Angelo Grande - Hoher Angelus m 3521
« Risposta #14 il: 27/09/2017 18:06 »
Aggiungo, visto che allora ho parlato del buco sul crepaccio in terza persona, che in quel buco son finito io (posso scriverlo perchè finalmente ho trovato il coraggio di dirlo a mia moglie) dove ho mulinato le gambe per qualche secondo in cerca di un inesistente appoggio e guardato con apprensione il piccolo buco adiacente che si espandeva inghiottendo la neve del ponte. Ancora oggi non so come son riuscito a forza di braccia a uscirne e allontanarmi, come riportato, Quindi, per esperienza, occhio a quella vedretta! Quest'anno, visto che ero da solo come alla Vertana, ho rinunciato alla Hohe Wand in val di Vizze in una delle poche limpide giornate, perchè il percorso prevede di costeggiare una vedretta che, quando l'ho vista, mi ha troppo ricordato quella del Rosim.
« Ultima modifica: 27/09/2017 18:36 da stef48 »