[GRUPPO PUEZ] Dal Sas Ciampac al Col Dala Pieres - 29 Settembre 2018

Autore Topic: [GRUPPO PUEZ] Dal Sas Ciampac al Col Dala Pieres - 29 Settembre 2018  (Letto 390 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
Selva di Valgardena, posteggio della Vallunga ancora a pagamento. Il tempo non è come pensavamo…speriamo migliori…

Entriamo in Vallunga e alla chiesetta di San Silvestro imbocchiamo il sentiero che risale la Val Chedul per la F.la di Crespeina. La salita è tranquilla, senza mai grossi strappi ma piuttosto lunga. Dalla F.la di Crespeina proseguiamo lungo il sentiero a dx per salire velocemente al Sas Ciampac. Purtroppo il panorama è molto compromesso dalla nuvolaglia. Scendiamo a una forcelletta senza nome, dove parte la traccia, qualche bollo blu e ometti per salire al Sas Ciampei. Giunti in cima, anche se non ci sono tracce, pensiamo che si possa scendere dal versante opposto. Facendo attenzione al ghiaino, scendiamo verso l’unico punto un po’ ostico, un breve salto di roccia. Ci sono due brevissimi canali paralleli, noi prendiamo quello più a dx, dal basso vediamo che anche l’altro era fattibile. Continuiamo la discesa rimanendo ancora un poco lungo la dorsale dopo di che cercando di sfruttare il più possibile le zone erbose, cominciano a scendere fino a incrociare il sentiero proveniente dal Sas Ciampac. Giungiamo quindi alla F.la Ciampei e quindi continuiamo in direzione del Rif. Puez. Al cartello per il Sassongher svoltiamo a dx e poco dopo a sx, indicazione Gardenaccia. Arriviamo ai piedi del Col dala Sone, il motivo per cui oggi siamo qui!. Ci siamo passati accanto innumerevoli volte negli anni in cui facevamo le ferie a La Villa, ci ha sempre incuriosito, lì da sola in mezzo alla piana, sembra quasi un vulcano…più volte ci siamo chiesti come avremmo fatto per salirla e, recentemente ho trovato una relazione, per cui non possiamo farci mancare l’occasione. Giunti ai sui piedi svoltiamo a sx e poco dopo troviamo una traccetta nelle ghiaie, ci portiamo sul versante opposto dove, su terreno libero, raggiungiamo velocemente la croce di vetta. Altra breve sosta e quindi discesa e proseguimento per il rifugio Puez che troviamo ancora aperto.

Sosta birra e poiché abbiamo fatto prima del previsto e il tempo sta via via migliorando, decidiamo di proseguire in direzione del Rifugio Firenze e di evitarci l’ennesima discesa in Vallunga.

Quindi, al bivio per la Vallunga proseguiamo lungo l’AV2 e risaliamo alla F.la de Sieles. Qualche tratto attrezzato. Risaliamo al Col dala Pieres, anche qui nei primi metri ci sono vari tratti attrezzati, poi un lungo traverso porta sull’ampissima cima dove, a picco su Selva, è stata posta una bella croce lignea. Poco prima della croce parte il sentiero di discesa per il rifugio Stevia. Scendiamo con una serie di tornanti su ghiaino facilitati da transenne in legno e cavi fino a portarci su un più comodo sentiero che con un ampio anello giunge alla F.la del Piza dove si potrebbe scendere al rifugio Firenze. Noi proseguiamo per il rifugio Stevia facendo prima una veloce deviazione per il Monte Stevia e quindi per prati scendiamo al rifugio.

Una ripida discesa, una sorta di lunga scalinata a tornanti, sentiero Palota, ci porta poco sopra Selva. Svoltiamo quindi a sx, andiamo a incrociare la Via Crucis che abbandoniamo poco dopo il bivio per i ruderi del Castello Wolkenstein. Attenzione perchè il bivio non è segnalato. Giungiamo quindi alla strada asfaltata e, fatti pochi metri, siamo al posteggio.

Ora non è più presto…ma nemmeno tardissimo!

Sassi
GPS:   Dislivello 2272 m + 27,60 km
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
 :)
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
 :)
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
 :)
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
 :)
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
 :)
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
 :)
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.134
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Giro enorme, in ambiente splendido. Nel mio piccolo mi sono solo avvicinato alle Odle. Bravi.

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 181
  • località di residenza: Breganze (VI)
Gran bel giro.
A me è piaciuta tantissimo la zona del Rifugio Stevia - Col dla Pieres.

Offline PassoVeloce

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 5.771
  • Sesso: Femmina
Wow che bello!!! pensa che l'anno scorso avevo programmato lo stesso giro ma in senso inverso..con eventuale salita al Piz Duleda e/o Puez..dovrebbe essere abbastanza facile  ::) cioè non mi sembra terreno infido come quello del sasso Vernale per intenderci..o sbaglio?? forse sono ancora in tempo per farlo...

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 181
  • località di residenza: Breganze (VI)
Wow che bello!!! pensa che l'anno scorso avevo programmato lo stesso giro ma in senso inverso..con eventuale salita al Piz Duleda e/o Puez..dovrebbe essere abbastanza facile  ::) cioè non mi sembra terreno infido come quello del sasso Vernale per intenderci..o sbaglio?? forse sono ancora in tempo per farlo...
Piz Puleda e Piz Puez sono facili: lunghe camminate, praticamente non appoggi quasi mai le mani.
Da verificare la situazione neve adesso.

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
Wow che bello!!! pensa che l'anno scorso avevo programmato lo stesso giro ma in senso inverso..con eventuale salita al Piz Duleda e/o Puez..dovrebbe essere abbastanza facile  ::) cioè non mi sembra terreno infido come quello del sasso Vernale per intenderci..o sbaglio?? forse sono ancora in tempo per farlo...

Confermo, terreno facile, tutto camminabile, forse un po' ripido il Puez, tra l'altro è fattibile velocemente anche la cimetta di fronte al Puez che si affaccia sopra il rifugio Puez...quanti Puez :)

Sasso Vernale non difficile ma terreno infido :(
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
Giro enorme, in ambiente splendido. Nel mio piccolo mi sono solo avvicinato alle Odle. Bravi.

Le Dolomiti sono spettacolari...poi terminata la ressa di agosto :D
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"

Offline roen

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.015
  • Sesso: Maschio
Gran bel giro.
A me è piaciuta tantissimo la zona del Rifugio Stevia - Col dla Pieres.

E' tutto molto bello, ci incuriosiva tanto il Col dala Sone, ci eravamo passati troppe volte sotto per non salirlo ;D
"Non il riposo è riposo, bensì il variar fatica alla fatica è riposo"