Autore Topic: [MONTI DI FUNDRES] Lago Selvaggio - Wilder See m 2532  (Letto 2790 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Il Lago Selvaggio - Wilder See

Incursione in Alto Adige sulle Montagne di Fundres, sopra Rio Pusteria. L’idea sarebbe di tentare la salita al Picco della Croce 3125 (Wilde Kreuzepitze) ma non ci facciamo troppe illusioni perché il giorno precedente c’è stato grande maltempo con quota neve a circa 2500-2800. Ci portiamo i ramponcelli e andiamo. Da Rio Pusteria raggiungiamo il parcheggio a quota 1422, quindi con navetta (a un prezzo onestissimo di euro 2,50) raggiugiamo l’idilliaco villaggio di Malga Fane 1739.


L'incantevole villaggio a Malga Fane

Un maso isolato

L'antico villaggio

Dopo le foto di rito, per forestale n 17 saliamo di quota quindi con segnavia 18 che ci conduce al bellissimo Pian di Labes 2138 (Labisebenalm), una meravigliosa conca verde con la malga e alcuni edifici: sembra di essere in Norvegia, o in Scozia.


Lebisebenalm

La curiosa "insegna" di Malga Labisenalm

Labisenalm vista dall'alto, sullo sfondo Rotwand 2926 e Ribigenspitz 2930

Proseguiamo col sentiero 18 guadagnando ancora quota per sentiero facile e non troppo ripido, fino al traversone finale, leggermente esposto, che ci porta sulle rive sud del bellissimo Lago Selvaggio 2532 (Wilder See), racchiuso in una conca. Il Lago è molto più grande di quel che ci aspettavamo, c’è addirittura un discreto moto ondoso con le onde che si frangono sulla riva.


Lago Selvaggio - Wilder See

Lago Selvaggio, sullo sfondo a dx la cima Wilderspizte avvolta dalle nuvole

C’è un freddo spaventoso, aggravato da un vento gelido teso e senza tregua: una schiarita ci permette di vedere la cima del Picco di Croce imbiancato dalla neve del giorno prima. Con questo freddo tremendo, vento e neve, inutile andar su a ibernarsi: decidiamo velocemente di rinunciare, sarà per un’altra volta. Dopo aver scattato un po’ di foto e mangiato qualcosa, ci abbassiamo di quota per sfuggire al vento gelido. Decidiamo una variante, e col sentiero 18B raggiungiamo il bel Lago Marblsee 2397 (Lago di Marmo) punteggiato di bellissimi eriofori. Qui per fortuna il vento non c’è, ci fermiamo per scaldarci le ossa in riva la lago con un bel sole finalmente caldo.


Lago Marblsee

Le rive del Marble See punteggiate di eriofori

Ripartiamo scollinando il passo e calando per sentiero ripido alla magnifica malga Aschilaalm 2247. Un sogno ad occhi aperti: adagiata su un costone, con vista magnifica intorno, ha un prato sulla porta dove razzolano delle galline. Un simpatico signore fischietta mentre sta portando legna all’interno per accendere la stufa. Ci vede imbambolati appoggiati sulla staccionata a guardare con invidia quella meraviglia. Ci salutiamo e dopo alcuni convenevoli ci chiede se vogliamo  un grappino. “Certo!” diciamo noi! Ci offre un’ottima grappa al caffè fatta da sua moglie.


Malga Aschilaalm

Il pastore, da 4 anni presta servizio in malga badando agli animali, vacche e pecore

E’ un ex imbianchino, vive quassù nel periodo estivo da 4 anni a questa parte per guardare le vacche e le pecore dei valligiani. Ogni tanto moglie e figli lo raggiungono. Ci dice che il giorno prima ha fatto una tempesta tremenda: ha piovuto tanto e con tanto vento che l’acqua gli entrava in casa di traverso dalle finestre e dalla porta. Chiediamo di poter vedere l’interno della malga, una meraviglia d’altri tempi. Tutta rivestita in legno, pulitissima, una cucina linda e splendente col padellame in bella vista. La malga è autosufficiente, i rifornimenti per trascorrere l’estate quassù, dove non ci sono strade né teleferiche, sono portati con l’elicottero all'inizio della stagione. Appesi ad una parete il cannocchiale e il fucile. C’è un locale-dispensa con le forme di speck appese al soffitto, la rastrelliera per il pane tipico  Schüttelbrot di segale croccante, che si conserva per diversi mesi.


Ospitalità altoatesina

La meravigliosa malga Aschilaalm, un vero nido d'aquila

L'interno della malga

Lasciamo il pastore alle sue occupazioni...

Pensiamo che malghe tradizionali così in Trentino non esistono più. Conversiamo amabilmente, fa piacere anche a lui probabilmente  scambiare due chiacchiere, quassù non passa certo molta gente. Ci consiglia, se abbiamo voglia, di allungare il giro col sentiero 18A che effettivamente avevamo già adocchiato sulla carta.


Riprendiamo il cammino

Verso il Passo Peachenjochl

Il sentiero è decisamente esposto...

Dal passo, sguardo all'indietro con Ochsenalm e il costone appena attraversato

E’ un sentiero decisamente esposto che traversa un costone ripidissimo fino a malga Ochsenalm 2139. Qui scolliniamo al passo Peachnejochl 2201 quindi, salendo ancora di quota lungo il crinale, col sentiero Hoenweg n 9 facciamo un lungo traverso a tratti esposto, ma molto panoramico sulla Valle di Valles (Valser Tal). Quindi in leggera discesa fino a Passo Valles 1920 (Valler Jochl). Di qui rientriamo a valle fino a Nockalm 1766 , poi per un tratto di pista da sci e per sentiero n. 10, fino a raggiungere il fondovalle a 1350 poco a monte di Valls. Ancora 1 km per tornare su per raggiungere la macchina al parcheggio.     


Vista su Valls prima di scendere con un lungo traversone verso valle


Discesa verso Valls

Giro splendido in paesaggi abbastanza inusuali per noi trentini che ricordano la Norvegia o la Scozia. Fino al lago Selvaggio non ci sono difficoltà a parte qualche tratto un po’ esposto nel traverso finale. Il traversone da Malga Aschilaalm fino a passo Valles, per i suoi molti tratti esposti, richiede passo fermo e assenza di vertigini. Dislivello m 950, sviluppo 20 km


Il percorso
« Ultima modifica: 09/11/2017 19:02 da AGH »

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:[MONTI DI FUNDRES] Lago Selvaggio - Wilder See m 2532
« Risposta #1 il: 10/08/2016 17:06 »
Posti bellissimi che ho già avuto modo di vedere! La prossima volta ti consiglio il giro ad anello con salita al Picco della Croce!  :)
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[MONTI DI FUNDRES] Lago Selvaggio - Wilder See m 2532
« Risposta #2 il: 10/08/2016 19:52 »
Si volevamo farlo ma ci ha fermato il freddo spaventoso ma soprattutto la nevicata in quota del giorno prima

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk
« Ultima modifica: 11/08/2016 07:26 da AGH »