[Pfunderer Berge] Wilde Kreuzspitze, rifugio Bressanone, Gliederscharte

Autore Topic: [Pfunderer Berge] Wilde Kreuzspitze, rifugio Bressanone, Gliederscharte  (Letto 205 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Ciao a tutti,

relaziono questo giro di due giorni che ho effettuato il 13 e 14 agosto 2017 in val di Vizze e che mi ha permesso di raggranellare una cima e 5 passi, oltre a riempirmi la memoria della fotocamera!

La partenza l'ho effettuata dalla piccola frazione di Burgum, una delle prime salendo in valle. Si sale la Burgumer Tal seguendo il sentiero nr.2 (decisamente anonimo nella prima parte del tracciato) in direzione del rifugio Vipiteno, che fino a qualche anno fa era gestito. Se si vuole dormire al rifugio dovete chiamare la sezione AVS di Vipiteno:
http://www.alpenverein.it/de/berg-wanderfreunde/avs-hütten/avs-schutzhütten-biwaks-282.html?hID=82649176-9667-4ba6-a39d-d9eed36539ca

Al rifugio, incredibile a dirsi, ho incontrato tre ragazzi israeliani che mi hanno offerto un caffè aromatizzato con qualche spezia orientale sconosciuta. La cosa che mi ha lasciato allibito è che avevano fornello, pentolone, scatole di latta e quattro (4!!) bicchieri in vetro. Penso si portassero sulle spalle minimo 25 kg ciascuno  :o

Dopo i saluti di rito mi sono incamminato verso il passo senza nome, che mette in comunicazione la Burgumertal con la Großbergalmtal, e poi ancora più su su sfasciumi, dove i bollini erano pochi e radi e le rocce decisamente traballanti. Si arriva a una selletta sulla spalla sud-ovest della vetta e poi su fino alla croce a 3132 metri. Si tratta della vetta più alta del gruppo delle Pfunderer Berge e pertanto offre un panorama istruttivo verso le Dolomiti a sud e verso lo spartiacque alpino a nord. Purtroppo eravamo a cavallo di Ferragosto e quindi c'erano torme di escursionisti, tutti in salita dal rifugio Bressanone. Sono riuscito a stare da solo in vetta per un paio di minuti al massimo!

Dopo la pausa sono risceso verso il Rauhtaljoch e da lì giù verso il rifugio Bressanone, dove ho pernottato.

Il giorno dopo il tempo era un po' peggiorato, con nuvole basse che coprivano le vette sopra i 2500 metri. Un clima un po' uggioso e nefasto per fare foto panoramiche.

Sono salito quindi alla Steinkarscharte per poi proseguire lungo l'Alta Via di Fundres passando per il pianoro della Weitenbergalm. Da lì per verdi prati fino al bivio con il sentiero nr. 20, che sale verso il Weitenbergsee, un piccolo laghetto di montagna. Nei pressi del lago, veramente minuscolo, ho fatto una breve pausa per rifocillarmi e sono subito ripartito per evitare la pioggia prevista per il pomeriggio. Col senno di poi avrei potuto prendermela comodo, perché verso pomeriggio il tempo non faceva che migliorare.

Dal lago si sale ancora un po' verso la Seescharte sopra il Grindelbergsee, dal quale si gode la vista verso l'ultima forcella di giornata, la Gliederscharte che mi avrebbe riportato in Pfitschtal. Da qui si apre una vista meravigliosa verso l'Hochfeiler e i suoi ghiacciai, una cima che la mia compagna ha fatto anni fa in giornata (1825 metri di dislivello!) e che io non sono ancora riuscito a salire.

Dopo un'altra meritata sosta con il sole che iniziava a picchiare e mi costringeva a prendere la crema dallo zaino, iniziavo la lunga discesa verso l'Unterbergtal seguendo il sentiero nr. 8, che poi si ricongiungeva in basso con l'altro proveniente dall'Hochfeiler Hütte.

E qui sorgeva un piccolo inconveniente: arrivato al terzo tornante della strada che sale al Pfitschjoch, cercavo in tutti i modi la prosecuzione del sentiero nr. 1, che rapidamente mi avrebbe dovuto portare fino ai masi Anger, dove mi aspettava un autobus. Purtroppo il sentiero non c'è più e mi sono dovuto incamminare lungo la strada bianca perdendo tempo prezioso. Alla fine ho mancato clamorosamente la coincidenza, ma una gentile turista tedesca, vedendomi disperato mi dava un passaggio fino alla macchina!

Giro molto lungo, ma panoramico con contrasti tra verdi vallate e ghiacciai eterni (si fa per dire…).

Dati escursione:
Lunghezza: 27,4 km
Ore di cammino: circa 11:50 senza soste
Dislivello positivo: circa 2630 metri
Dislivello negativo: circa 2500 metri


Foto_1: Il giro secondo Alpenvereinaktiv.com
Foto_2: Dalla Burgumertal verso la cima bifida della Wilde Kreuzspitze, ancora immersa nelle nubi.
Foto_3: Prima di arrivare alla Sterzingerhütte si nota come un settore della cresta sia collassato completamente, lasciando aperta una finestra nella cresta stessa e un tappeto di detriti in basso.
Foto_4: Il rifugio e la vetta. Quella più alta è la sinistra.
Foto_5: Al passo che si affaccia sulla Großbergalmtal si mostra questo pinnacolo con pareti picco.
« Ultima modifica: 11/11/2017 12:01 da Luca_BZ »

Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Foto_1: Poco prima di scavallare la cresta sud-ovest della Wilde Kreuzspitze. Si ravana parecchio, tra sassi mobili e terriccio che non permette la presa.
Foto_2:  Sguardo verso la croce di vetta.
Foto_3: Panorama dalla vetta verso il massiccio dell'Hochfeiler. Da sinistra la vetta dell'Hochfernerspitze, l'Hochfeiler e l'Hoher Weißzint. Nel mezzo i due ghiacciai Weißkar- e Gliederferner.
Foto_4: Il Wilder See, da quello che sappia il più profondo lago naturale dell'Alto Adige.
Foto_5: La Burgumertal con la via di salita.

Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Foto_1: Dalla vetta verso la conca di Vipiteno con la zona industriale di Gasteigm da cui si diparte la Ratschingstal e a destra la Ridnauntal.
Foto_2: Verso il massiccio dell'Hochfeiler.
Foto_3: In discesa verso il rifugio Bressanone, guardando il Rauhtaljoch.
Foto_4: La piana della Tracuhtal prima del rifugio. Dietro il crinale la valletta con l'Alta Via di Fundres, che avrei percorso il giorno dopo.
Foto_5: La Steinkarscharte tra le nuvole. Qui la giornata era ancora incerta da un punto di vista meteo.

Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Foto_1: Lungo l'alta via in località Mittermoos sopra creata. Sotto le nuvole si intravede il Pfunderer Joch.
Foto_2: Il Grindelbergsee con la Gliederscharte.
Foto_3: L'Hochfeiler a destra del ghiacciaio, come visto dal passo.
Foto_4: Stessa foto con cerchiato l'Hochfeiler Hütte.
Foto_5: Vista delle morene e depositi lasciati dal ghiacciaio negli ultimi secoli.

Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Foto_1: La valle Unterberg verso il Pfitscher Joch, sovrastato dall'Hohe Wand e dallo Schrammacher. A destra il sentiero che porta all'Hochfeiler.
Foto_2: Foto verso la valle Unterberg appena percorsa.

Offline PassoVeloce

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 5.742
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Pom Valley
Wow che bel giro!!!!!  :o 8)  uff che tristezza vedere il Gran Pilastro...anche x quest'anno il me lo sono perso  :-\...chissà magari potro farlo con gli sci  8) ::)

Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Wow che bel giro!!!!!  :o 8)  uff che tristezza vedere il Gran Pilastro...anche x quest'anno il me lo sono perso  :-\...chissà magari potro farlo con gli sci  8) ::)

Allora siamo in due con lo stesso desiderio.
Sono almeno cinque anni che vorrei salirlo, ma tra tante montagne da scegliere vicino casa...
Il dislivello da fondovalle è tanta roba e in giornata secondo me non ne vale la pena, a meno che  non si abbiano le ore contate.
L'ideale sarebbe di spezzare il giro allungandolo, magari verso la Weißenbachtal o perfino alla Ahrntal.
Allora avrebbe più senso secondo me.

Per gli sci mi sto ancora attrezzando: è solo dall'anno scorso che ho iniziato. Penso che ne dovrò mangiare di minestra prima di fare l'Hochfeiler sci ai piedi :)

Tschüß

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.412
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Bellissimo giro, complimenti davvero! Posti che non conosco, ovviamente, ma per conoscere tutto il Trentino e tutto l'Alto Adige ci vorrebbero almeno due o tre vite...
Grazie per la condivisione!

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk


Offline Luca_BZ

  • Newbie
  • *
  • Post: 29
  • località di residenza: Bolzano/Bozen
Bellissimo giro, complimenti davvero! Posti che non conosco, ovviamente, ma per conoscere tutto il Trentino e tutto l'Alto Adige ci vorrebbero almeno due o tre vite...
Grazie per la condivisione!

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk



Penso che ogni appassionato di montagna abbia lo stesso problema: manca sempre il tempo per andare in altre regioni per godere di panorami sempre nuovi. Nel mio caso manca giustamente la possibilità per andare per valli trentine o di scavallare il Brennero, ma spero in futuro di colmare questa lacuna :)
Come dici tu bisognerebbe avere due vite o per i più fortunati vivere di rendita e stare sempre in giro!

Ciao