Autore Topic: Anello di 2 giorni: Rifugio Payer all'Ortles, rifugio del Coston  (Letto 3965 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
In attesa che arrivi la (per me) “buona stagione” (anche se so già che quest’anno combinerò poco), ispirato dai post di Trabuccone che una settimana sì e l’altra anche fa dei giri magnifici nelle zone a me più care, ho scansionato un po’ di foto di un bell’anello di 2 giorni fatto in val di Solda nel 2011.
1° Giorno: Solda – Rifugio Payer all’Ortles, pernottamento al rifugio
2° Giorno: Rif. Payer – Rifugio Coston, pranzo al rifugio e rientro a Solda.
Carta Kompass n.72
La nostra gita ha avuto inizio il 16/08/2011 con partenza dal paese di Solda (m 2.000), sfruttando la seggiovia che permette di risparmiare i primi 300 m di salita giungendo alla stazione “k2” (m 2.330) (si può fare tranquillamente a meno di prendere la seggiovia però la prima parte del percorso, francamente, ha poco da offrire). Premetto che i tempi del primo giorno li avevo volutamente calcolati “larghi” perché la mia dolce metà solo da qualche anno aveva iniziato a fare escursionismo in montagna con me e fino a quel momento non aveva mai affrontato la minima ferrata :). Avendo io già fatto il sentiero in questione da ragazzino, sapevo che il tratto dal rif. Tabaretta alla forcella dell’Orso “tira” abbastanza mentre, superata questa, c’è un breve tratto in cresta con alcuni passaggi un po’ esposti, nella gran parte dotati di cordino, tuttavia poco piacevoli da affrontare in caso di improvviso maltempo (i giorni precedenti vi erano stati parecchi temporali nelle prime ore del pomeriggio e comunque fino a fine luglio c’era ancora neve su quel tratto di sentiero >:(). In ogni caso mi ero portato dietro l’attrezzatura (moschettoni e cordino) per lei in modo da poterle far fare il piccolo tratto di ferrata in totale sicurezza; inoltre per metterla assolutamente a suo agio, per questa escursione avevo insistito per portare io tutto il necessario per entrambi, sacchi a pelo compresi (quindi i tempi “larghi” avrebbero potuto essere utili anche a me se i circa 30kg di zaino si fossero fatti sentire…. ;))
Siamo quindi partiti sul serio (ore 9:45) dalla stazione “k2” seguendo il sentiero n.10, poi n.4 per salire al rifiugio Tabaretta (m 2.556) dove, prendedomela molto comoda puntavo a pranzare.

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
In realtà senza sforzo siamo arrivati lì alle 10:45 per cui, sempre per non correre rischio di incocciare in un po’ di maltempo (visti i giorni precedenti) proprio nel tratto finale in cresta, decido di pranzare molto “alla tedesca” (o meglio, in orario da bambini dell’asilo) e, quindi, alle 11:45 riprendiamo la salita verso la f.lla dell’Orso

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Vista verso la Malga Toro (dove avevamo fatto un bel giro i giorni precedenti) sull'altro lato della valle; vista dalla terrazza del Tabaretta

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
La mia dolce metà, tutta allegra, va su come un treno e in breve siamo alla forcella (m 2.877). Qui, grazie alla giornata magnifica e all’assenza di vento, se la cava egregiamente anche sul tratto in cresta e, poco dopo le 13, siamo al Payer! (m 3.020)  (nella 3° foto dalla f.lla dell'Orso si vedono i tornanti del passo dello Stelvio)

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Nella 1° foto l'ultimo tratto di sentiero dalla f.lla al rifugio (indicato dalla freccia) con sullo sfondo la cima dell'Ortles, nella 3° foto vista verso il lago di Resia

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
A questo punto abbiamo tutto il pomeriggio per goderci una vista da urlo sulle Alpi fino a Zernez prendendo il sole sullo spiazzo sotto il rifugio!! A sera, cenando al rifugio, ci sentiamo immersi nell’atmosfera di “vera montagna” (i ragazzini con le scarpe da ginnastica sono tutti scesi e nel rifugio ci siamo noi ed una quarantina di alpinisti, in gran parte di lingua tedesca, che all’alba saliranno al ghiacciaio ed alla vetta dell’Ortles, tra i quali però vediamo con una certa apprensione un padre ed un figlio piccolo che avevamo notato già nel pomeriggio per l’equipaggiamento decisamente carente rispetto al resto dei presenti – scarpe da ginnastica, pantaloni tipo tuta o poco più, giubbetti “da città” - che parlano con altri tra i pochi italiani presenti per fare il ghiacciaio la mattina dopo!). Noi facciamo amicizia con i nostri compagni di stanza, due ragazzotti della Val Gardena. Verso le 4 del mattino dopo mi sveglio con loro e vado a dare un’occhiata al rifugio che si anima ed i vari gruppi che partono: che meraviglia vedere l’aurora così in alto su queste montagne, me lo ricorderò per sempre!

Ancora foto del rif. Payer, nell'ultima si vede l'inizio del sentiero che porta al ghiacciaio ed alla cima

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Con tranquillità, poi, noi partiamo verso le 8:30, scendendo di nuovo al Tabaretta ed arrivando alla stazione “k2” (m. 2.330) che sono le 10:30 circa. Proprio in quel momento sentiamo lo sventagliare delle pale di 2 elicotteri del soccorso alpino che accorrono veloci verso la cima dell’Ortles e nella successiva mezzora li vediamo che girano più volte attorno alla stessa, in cuor nostro speriamo che non sia accaduto niente al papà ed al ragazzino ???!!

Foto sulla terrazza del Payer, la mattina, sopra le nuvole (foto 1 e 2)
Foto di un tratto attrezzato tra il Payer e la f.lla dell'Orso (foto 3 e 4)

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
A questo punto comunque, vedendo che la giornata si mantiene fantastica, proseguiamo nel bel traversone in quota con vista sulla parte finale della valle di Solda (sentiero n.3) che ci porta sino al rif. Coston (m 2.651) raggiunto giusto all’ora di pranzo! Durante il percorso incontriamo poche persone e invece passiamo molto vicino ad un bel gruppo di pernici bianche che becchettano tra i massi!  :D

(nella foto ho cerchiato le pernici,  si confondono bene tra le rocce!)


Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Il rifugio del Coston offre una vista davvero straordinaria sul gruppo del Cevedale – Gran Zebrù  :D….oltre ad un ottimo menù tirolese! ;D

Foto verso il Cevedale (sulla sinistra), il Gran Zebrù e lo Zebrù (sulla destra)

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Il Gran Zebrù

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Da qui proseguiamo con il sentiero n.2, poi n. 1, infine n.7 scendendo la testata della valle e rientrando, verso le 18 al parcheggio a Solda (vicino alla chiesa di St. Gertrude) , felici della bellissima escursione fatta con un tempo veramente magnifico. :D
Dislivello 1° giorno m 1020 tutta salita (di cui 300 circa evitabili con seggiovia).
Dislivello 2° giorno salita 321 m , discesa 690+651= 1341 m.
Volendo strafare si potrebbe anche pensare di fare tutto il giro in un giorno ma, secondo me, i paesaggi in questione sono tanto incantevoli da meritare anche il giusto tempo per ammirarli e non vale la pena passare l’intera giornata a guardare dove mettere la punta dello scarpone, un passo dopo l’altro…; più sensato sarebbe salire al Payer nel pomeriggio.
Piuttosto varrebbe sicuramente la pena aggiungere al giro in questione la salita alla vetta dell’Ortles, desiderio che forse prima o poi appagherò, previo però accompagnamento da parte di qualcuno di veramente esperto nell’ambiente ghiacciaio (sul quale, pur avendo ramponi, ghette e piccozza, mi sono avventurato poche volte e solo in compagnia di altri più esperti di me) o di una guida alpina.

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Bravo Normanno  :) La vista dal Payer è magnifica! Ci ero salito in autunno l'anno scorso. La salita all'Ortles attira parecchio anche me ma ho sentito che ultimamente sta diventando una via pericolosa causa lo scioglimento dei ghiacciai. Ora, da quanto ho capito, è più percorribile (anche se più tecnica) la via del Coston perchè si svolge più su roccia
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline Normanno

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 346
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Campagna Lupia (VE)
Grazie Trab! Ogni volta che vedo un tuo post mi viene nostalgia...  :)
Per l'Ortles mi dai una triste notizia :( Mi informerò sulla via del Coston anche se quello della cima dell'Ortles non è un progetto a breve termine!

Offline Oma

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.488
  • Sesso: Femmina
Bravi!!  :) E' da tempo che ho in mente anch'io di salire al Tabaretta, chissà che prima o poi si presenti l'occasione.  ;) In zona Solda siamo stati solo al Madriccio e al Serristori. Posti davvero molto belli!  :D

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.008
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Bellissimo itinerario, complimenti!  :)
Mi piace molto la zona di Solda e abbiamo avuto modo di effettuare varie escursioni alla nostra portata verso i rifugi o le malghe. Tutti percorsi molto appaganti dal punto di vista panoramico, spettacolare la salita alla Punta Beltovo di Dentro !!
Il rif. Payer l'avevamo messa in nota ma il maltempo ci ha bloccati poco dopo il rif. Tabaretta quando ci siamo trovati in mezzo a nebbia fitta, purtroppo abbiamo dovuto rinunciare.
Peccato perchè ci tenevo molto...ma  rimane sempre in lista, non si sa mai   ;)