Autore Topic: Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler  (Letto 2563 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Terzo giorno della mia vacanza alpina solitaria.
Mi porto, la sera prima, in Val di Mazia dove passo la notte in macchina all'altezza dell'Albergo Glieshof. L'indomani, molto presto, mi incammino su per il sentiero che sale sulla sinistra in direzione della MatscherAlm. La comoda forestale prende quota in maniera piuttosto pacata a fianco del torrente ed arriva alla suddetta malga dove termina ed inizia il percorso molto ben tracciato e con dei particolari segnali per la pratica dello scialpinismo. Dopo un tratto piuttosto ripido, segue uno pianeggiante che traversa lo scosceso versante erboso per alcune centinaia di metri: mi addentro così nella selvaggia parte alta della Val di Mazia, con le prima luci in arrivo da est, dietro alle imponenti bastionate di Cima Oberettes e Saldura mentre davanti a me prendono colore la Cima dei Corvi (la mia mèta) e la più alta Cima Barba d'Orso.


Verso l'Alta val di Mazia

Ora il sentiero principale scenderebbe verso il fondovalle per risalire verso il Rifugio Oberettes ma io rimango in quota abbandonando anche il segnato percorso per la Cima di Valbella. Rimane solo una vaghissima traccia segnata con radi ometti che si addentra nell'immenso vallone sotto la Cima dei Corvi: inizia quindi il selvaggio percorso su interminabili ghiaioni, alternando tratti ripidi con alcuni avvallamenti. Sulla mia destra inizia a stagliarsi la maestosa cupola della Palla Bianca, la regina delle Alpi Venoste seconda solo alla Wildspitze in altezza, mentre alle mie spalle prende forma il variopinto sottogruppo di Saldura


Cime di Saldura

Dopo una ravanata laboriosa su frane ciclopiche con sassi non propriamente assestati, giungo al crinale sud vicino alla Schnalser Scharte dove la vista si apre sulla Svizzera spaziando fino al Pizzo Bernina


Verso il Bernina

Con ultima tirata su sfasciumi piuttosto erti, giungo alla Cima dei Corvi, quota 3393 metri, dove una è stata eretta nel 2012 una piccola croce in legno con libro di vetta: la vista spazia a 360 sul gruppo dell'Ortles, le vette dei Grigioni, Cima di Piazzi, Bernina, Similaun, Punta Lago Bianco e, ovviamente, sulla splendida Palla Bianca


Val di Mazia e Cima Saldura da Cima dei Corvi


Cima dei Corvi e Ortles


Palla Bianca e la cresta per scendere al Passo di Mazia


Vedretta di Mazia e Similaun

Il percorso prosegue sulla bella cresta lambita dal ghiacciaio di Planol con alcuni divertenti passaggi in facile arrmapicata fino al Passo di Mazia


Passo di Mazia

Dal passo, prima di scendere, decido di salire anche sulla Cima della Fontana per dare uno sguardo all'omonima vedretta e al versante della Vallunga. Su ripido sfasciume sono sulla cresta e quindi in cima da dove posso dare uno sguardo d'insieme alla Cima dei Corvi e alla Cima Barba d'Orso con Palla Bianca sempre di sfondo


Cima dei Corvi


Cima Barba d'Orso di fuori e Palla Bianca

Tornando giù mi fermo al laghetto del passo a quota 3185 metri dove immergo i piedi nelle gelide acque cristalline


Lago del Passo di Mazia

Mi calo quindi su sfasciumi molto scomodi ma segnati in bianco rosso fino al fondovalle, dove mi aspetta il lunghissimo ritorno al Glieshof


Sul fondovalle di Mazia

Si scende ora gradualmente fiancheggiando il torrente


Sguardo indietro verso il Passo di Mazia

Dopo un lungo tratto alla mia destra ecco la MatscherAlm dove al mattino sono salito


MatscherAlm

Finalmente, dopo un'interminabile discesa, sono al Glieshof dove ho parcheggiato la macchina


Glieshof


In conclusione un giro ad anello tecnicamente facile anche se in quota, ma piuttosto laborioso, adatto a chi ha la pazienza di camminare per chilometri su sfasciumi instabili. Panorami spettacolari e giornata mozzafiato  :D

Sviluppo: 24,7 Km
Dislivello: 2200 metri



Al tardo pomeriggio, uscendo dalla Val di Mazia, la meravigliosa visione dell'Ortles è uno spettacolo unico


Ortles
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler
« Risposta #1 il: 08/08/2013 22:58 »
bellissimo giro, come sempre :) Zone ignote per me, ma prendo nota  ;D

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler
« Risposta #2 il: 08/08/2013 23:57 »
bellissimo giro, come sempre :) Zone ignote per me, ma prendo nota  ;D

Non troppo distante per te Agh  ;) Anzi più vicino rispetto a me.... Poi se ti piace ravanare, qui c'è da divertirsi  ;D
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline PassoVeloce

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 5.806
  • Sesso: Femmina
Re:Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler
« Risposta #3 il: 09/08/2013 08:52 »
Ottima scelta la Rabenkopf!!! anche questa fatta in invernale...ricordo ancora il freddo patagonico in cima  :o
Certo che il panorama a 360 è fantastico...Palla Bianca, Ortles, Saldura...hai beccato un giornatone poi....fortunatissimo!!  ;)

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler
« Risposta #4 il: 09/08/2013 12:15 »
Ottima scelta la Rabenkopf!!! anche questa fatta in invernale...ricordo ancora il freddo patagonico in cima  :o
Certo che il panorama a 360 è fantastico...Palla Bianca, Ortles, Saldura...hai beccato un giornatone poi....fortunatissimo!!  ;)

Infatti sul libro di vetta ho letto che l'ultima firma risaliva a Maggio.. Deve proprio essere una mèta conosciuto solo nello skialp. Visto che l'hai fatta, che difficoltà è con gli sci? Si sale da Planol immagino  :) mi sapresti dare qualche info please?  ;D
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline PassoVeloce

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 5.806
  • Sesso: Femmina
Re:Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler
« Risposta #5 il: 09/08/2013 12:53 »
Infatti sul libro di vetta ho letto che l'ultima firma risaliva a Maggio.. Deve proprio essere una mèta conosciuto solo nello skialp. Visto che l'hai fatta, che difficoltà è con gli sci? Si sale da Planol immagino  :) mi sapresti dare qualche info please?  ;D

Siamo saliti da quella che sei sceso tu...in pratica lungo il torrente e poi si gira a sinistra e si prendono un paio di rampe, mi pare forse che l'ultima sia la più ripida... a dire il vero non mi ricordo granchè dovrei guardare sulle foto  ::) faccio confusione con la salita alla Oberettes  :-[
Dalla foto "Val di Mazia e Cima Saldura da Cima dei Corvi" il percorso è esattamente davanti e sotto dove non si vede...cmq niente di trascendentale..direi MS



Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.883
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
Re:Cima dei Corvi, sconosciuto gigante delle Otztaler
« Risposta #6 il: 09/08/2013 14:09 »
bene, allore me la segno come scialpinistica :P