Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!

Autore Topic: Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!  (Letto 11278 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.119
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Una notizia che lascia increduli, sbalorditi: hanno deciso, col via libera della Provincia, di installare cannoni da neve a 3000 metri di quota, sulle piste servite dall'impianto Pejo 3000 sul Vioz. Faccio presente che, tra l'altro, siamo DENTRO il Parco dello Stelvio...

http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/trento/cronaca/2016/08/31/news/cannoni-a-3-mila-metri-il-record-di-pejo-1.14035208

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 158
  • Sesso: Maschio
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #1 il: 01/09/2016 10:10 »
Primo effetto dello smembramento del parco non più gestito a livello nazionale ma da tre enti che per seguiranno prevalentemente gli interessi locali. Al più esteso parco nazionale alpino possiamo tranquillamente mettere una pietra sopra.

Inviato dal mio PULP 4G utilizzando Tapatalk


Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.619
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #2 il: 01/09/2016 10:49 »
Queste scelte sono tristemente coerenti con una filosofia di gestione del territorio estesa a livello nazionale. Le drammatiche conseguenze si vedono in questi giorni e temo che si manifesteranno ancora a lungo.

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.401
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #3 il: 01/09/2016 12:22 »
Avanti così!Potremmo proporre di inglobare i ghiacciai residui in coperture di cristallo refrigerate con accesso a pagamento,fare iniezioni di schiuma epossidica per evitare i crolli da scioglimento del permafrost ed infine produrre apps di simulazione della pratica sportiva ed escursionistica in montagna:ognuno gioca da casa e finalmente possiamo fregarcene di questa ossessione di tutelare l'ambiente!Che mondo di m......

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.872
  • Sesso: Maschio
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #4 il: 01/09/2016 13:04 »
Primo effetto dello smembramento del parco non più gestito a livello nazionale ma da tre enti che per seguiranno prevalentemente gli interessi locali. Al più esteso parco nazionale alpino possiamo tranquillamente mettere una pietra sopra.

gli enti/provincie sono 4 (BZ;TN;BS;SO) ma non cambiano le carte. Ora hanno solo ufficializzato uno smembramento che è tale di fatto da almeno 15 anni (resisteva solo il nome "Parco Nazionale") ovvero da quando le guardie provinciali hanno sostituito il Corpo Forestale dello Stato ovvero gestione provinciale al posto di quella statale..
E dove sono stati assassinati Orsi senza che alcun colpevole sia stato perseguito e, forse, neppure cercato !
Concordo con l'amico kobang: che mondo di m... !
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 158
  • Sesso: Maschio
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #5 il: 01/09/2016 13:33 »
La parte del territorio lombarda è gestita dalla regione, indipendentemente dalla provinciale di appartenenza.
Riporto le parole le parole del sottosegretario alla presidenza della regione Lombardia con delega alle politiche per la montagna, spiegando come verranno investiti i 21 milioni stanziati:
SIA PARCO DEI SI' - "Con i sindaci questa mattina abbiamo anche condiviso le linee di azione del Piano di investimenti del Parco:
un Piano straordinario, che si configura in circa 21 milioni di investimenti gia' garantiti, che permettono di far diventare davvero questo Parco, anche in termini concreti, un'occasione di sviluppo. Mi piacerebbe che diventasse non il Parco 'dei No', ma quello 'dei Si'': si' allo sviluppo, si' alla tutela, si' al coinvolgimento del territorio, si' a un'azione strategica che lo elevi anche a Parco di strategia europea".
Cosa si celi dietro alla parola sviluppo è tristemente immaginabile.



Inviato dal mio PULP 4G utilizzando Tapatalk


Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.872
  • Sesso: Maschio
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #6 il: 01/09/2016 13:46 »
Cosa si celi dietro alla parola sviluppo è tristemente immaginabile.

ti quoto. In quanto alle parole melense dei politici ormai non fanno altro che alimentare l'antipolitica.
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 158
  • Sesso: Maschio
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #7 il: 01/09/2016 13:56 »
Io preferisco chiamarlo dissenso. Il vocabolo "Antipolitica" ha un' accezione negativa ed è stata coniata ed abusata dai politici e dagli organi di informazione, a loro volta controllati da politici.

Inviato dal mio PULP 4G utilizzando Tapatalk


Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.401
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #8 il: 01/09/2016 19:00 »
Il solo fatto di invocare ancora sviluppo e crescita rende l'idea di quanto siano idioti; mondo intero è come una palla che rimbalza sul soffitto: sale (sviluppooooo,crescitaaa!),sbatte  (crisiiii,economia stagnanteeee!),scende a terra (deflazioneee,recessioneeee!) e avanti così nell'illusione perversa che esista un mondo senza limiti fisici,energetici,temporali e così via.
O si cambia scala dei valori,banalmente considerare che una VITA (che sia animale,vegetale,umana),un LAGO,un BOSCO,un GHIACCIAIO,un FIUME,una NEVICATA non può valere meno di nessuna cifra in porcoeuro,porcodollaro ecc.,se non si capisce che il solo sviluppo da cercare è quello dell'equità,della qualità della vita che sia decorosa per chiunque,se continuiamo ad avere bisogno di bagatelle tecnologiche effimere,a rappresentarci attraverso ciò che possediamo e non attraverso ciò che siamo bè non ci vorrà molto a sbattere una brutta musata contro la realtà.....
I parchi sono per definizione santuari della conservazione,non centri di sviluppo.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.119
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #9 il: 01/09/2016 20:13 »
ancora un volta, perfetta identità di vedute con Kobang, che sottoscrivo parola per parola. La domanda però è: come contrastare questa tendenza? (ammesso sia possibile)

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.401
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #10 il: 01/09/2016 21:14 »
La risposta che posso proporre contiene ,purtroppo,anche il presupposto della quasi inutilità:serve un deciso e generalizzato salto culturale,qui si un vero sviluppo.Disgraziatamente questo è sempre stato un processo lento,ma ormai quello che manca è proprio il tempo.
Come molti teorici della decrescita,credo che ormai ci siamo spinti troppo oltre nello sfruttamento dei nostri habitat,e ci siamo spinti troppo avanti anche nell'assuefazione ad eventi tremendi,eri shocks di sistema che in altri tempi avrebbero accelerato il cambio di cultura.
La crisi petrolifera,il tracollo della grande economia americana,la fine della potenza russa,gli tsunami che hanno devastato il pianeta da est ad ovest,le mostruose eruzioni vulcaniche le cui conseguenze sul clima viviamo ancora oggi,il disastro nucleare di Fukuschima,le alluvioni in Lousiana,poi nel nord Europa e nei paesi dell'est:tutte catastrofi globali che ormai tengono la ribalta solo finchè aggrada ai media e poi vengono tranquillamente rimossi dalla coscienza collettiva.
Cosa fare?Personalmente cerco di applicare buoni principi nella mia vita quotidiana,di coinvolgere gli amici,di spingere sulla condivisione di beni e servizi,ma spesso ho la sensazione che servirà più che altro a mettermi a posto la coscienza piuttosto che ad innescare un processo più collettivo che possa dare risultati in tempo utile...
Oggi in ambulatorio una giovane signora mi ha detto che rinunciava alle cure per non dover pagare il ticket sanitario:quei soldi le servivano "perchè sta per uscire il nuovo iPhone".....
Vale la pena che questo pianeta sopravviva per ospitare una così miserevole umanità?

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.119
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #11 il: 01/09/2016 21:41 »
:( temo di no...

Offline alpe

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 73
  • località di residenza: Trento
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #12 il: 03/09/2016 11:35 »
il problema è che facciamo parte tutti di un grande meccanismo, nel quale, se un ingranaggio importante si rompe, ne risente tutta la macchina

anche a me da un enorme fastidio leggere dei cannoni a 3000 metri
di contro mi chiedo quale possa essere l'alternativa

sono passato in questi giorni dalla Val di Fassa e ho proprio pensato a quale desolazione mi sarei trovato a percorrere, se il turismo non esistesse

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.401
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #13 il: 03/09/2016 22:15 »
Ci sono e ci sono state forme di turismo meno invasive e devastanti dell'attuale.Spesso fare un passo indietro riserva piacevoli sorprese.
Quello che non va,non è più sostenibile (anche come bilanci per gli interessati) è questo modello di economia di consumo,turismo di massa ecc.Le valli depurate dalle troppe infrastrutture,meno congestionate,più silenziose?Un paradiso che ora puoi apprezzare solo in posti remoti,in nazioni che ne hanno fatto un vanto e la cui gente gode i frutti di un turismo consapevole,lucrativo,ma non destruente.

Offline alpe

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 73
  • località di residenza: Trento
Re:Arrivano i cannoni da neve a 3000 metri sul Vioz!
« Risposta #14 il: 07/09/2016 13:31 »
principi giusti e condivisibili
ma bisogna vedere se sono adattabili, e soprattutto in che tempi, ad una socialità ormai radicata

persino il feldmaresciallo Merkel ha mostrato una flessibilità sulla questione Apple- IIrlanda, a dimostrazione che i suoi rigidi principi economici non sono a tenuta infinita, ma sono rivedibili quando gli interessi generali sono troppo grandi

ubi maior minor cessat