[LATEMAR] I magnifici sentieri di Pala di Santa 2488, versante sud

Autore Topic: [LATEMAR] I magnifici sentieri di Pala di Santa 2488, versante sud  (Letto 608 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)

In vetta alla Pala di Santa

L’anno scorso ho esplorato la Pala di Santa 2488 per i versanti ovest, est e nord, con un largo giro ad anello partendo dal Passo Lavazè. Rimaneva da esplorare il versante sud: sulle carte però sembrava non ci fossero quasi sentieri, cosa abbastanza improbabile. Su OpenStreetMap c’è un enorme “buco”: sulla Kompass, solo un sentiero molto alto in quota. Decido dunque di andare a vedere e mappare quello che trovo.


Vista verso Fiemme, con il CucĂ l sulla dx e Lagorai sullo sfondo

Da Tesero risalgo verso Pampeago, parcheggiando prima della seconda galleria a quota m 1510. Per la strada provinciale dismessa a fianco del tunnel, seguo la strada forestale salendo per qualche km con un lungo traversone. Tento di alzarmi di quota prendendo una traccia che dovrebbe intercettare il sentiero alto, ma si perde presto in un canalone valanghivo. Per soli 10 metri, lo scoprirò poi, manco il sentiero forestale che faceva un traversone poco sopra.


Veduta verso il M. Agnello

Torno giù sulla forestale e la percorro fino alla fine in prossimità di un vallone, sperando ci sia una sentiero che prosegue. Non c’è nulla, solo una traccia che scende. L’idea sarebbe quella di arrivare alla sella a nord del M. Prestavel e da lì salire alla cima per la dorsale SO. Ma il versante è lungo, ripido e non troppo comodo da attraversare. Torno indietro per qualche km per prendere una traccia che avevo notato in precedenza, che però va verso est. La seguo, è molto bella e ben tracciata: spero che si alzi di quota prima o poi e mi permetta di arrivare al sentiero alto. Ma ben presto mi rendo conto che non ne ha nessuna intenzione: in realtà fa un lunghissimo traversone che, come immaginavo, mi porta poco sopra Pampeago. Pazienza, intanto ho mappato anche questo sentiero.


Il sentiero forestale verso Pampeago, sullo sfondo il M. Agnello

Il bellissimo sentiero forestale

Da Pampeago ravano nel bosco in salita per cercare la traccia che secondo la Kompass sale a zig zag per prendere il sentiero forestale alto. Interseco varie volte il tracciato sulla mappa ma sul terreno non c’è nulla. Faticosamente mi alzo di quota per il bosco ripido e finalmente trovo (con gioia) il traversone. Vado ancora verso est per vedere dove sbuca: arriva direttamente sulla pista da sci! Qui ci sono dei cartelli: Lavazè - Stava. Perfetto: quindi torno indietro e inizio un lunghissimo traversone verso ovest, verso la Mandrolina (Kompass).


Sentiero forestale, non segnato sulle mappe ma ben tracciato sul terreno!

Il sentiero è bellissimo, quasi pianeggiante, fiancheggiato da grossi alberi. Dopo vari km arrivo a un bivio: a sx per il Lavazè, a dx per Stava. Ottimo, ci siamo. Il sentiero sale finalmente di quota fino ad un valloncello dove ci sono le tracce di una vecchia miniera di porfido, con i resti di due baracche.


Le baracche di pietre nei pressi della cava di porfido

Proseguo ancora seguendo il lunghissimo traversone che attraversa vari canaloni valanghivi che aprono squarci nel bosco. Sono di fronte alla lunga dorsale del Cornon, Dos dei Branchi e M. Agnello, sullo sfondo le cime della Catena del Lagorai. Il gps del cello è un grande aiuto per controllare la posizione. Arrivo sotto la verticale della cima, sarei quasi tentato di salire direttamente ma è troppo ripido e desisto.


Quasi sotto la verticale della cima

Baita dei Daiani

Panorama verso il Cornon, col Lagorai sullo sfondo

Arrivo ad una splendida baita, la Baita dei Daiani a quota 2110, dove trovo un signore che guarda il panorama, il primo essere umano della giornata. E’ un tizio di Tesero, facciamo due chiacchiere. Secondo lui in cima non si arriva perché c’è ancora troppa neve. Non è una bella notizia. Ma voglio andare a vedere di persona. La baita è bellissima, ristrutturata anni fa, molto accogliente all’interno con tavolo, letti a castello, stufa. Una fontana poco a valle raccoglie l'acqua piovana.


Baito dei Daiani, sempre aperto

L'interno molto confortevole

La vista sulle cime "epiche" del Lagorai, teatro della Grande Guerra

C’è un bel sole caldo, una vista grandiosa su Cima d’Asta e il Lagorai. E’ parecchio tardi però. Col signore facciamo assieme il tratto fino al passo, poi lui torna giù scollinando per il M. Prestavel dove, mi dice, c’è una traccia. Io decido comunque di provare a salire alla cima. Sono piuttosto stanco, vado su piano fino al Baito dei Bissi, dove vedo la cima da lontano: effettivamente sul sentiero verso la vetta c’è neve, sono tentato di rinunciare. Guardando meglio però mi pare che si possa salire per delle roccette, evitando il ripido con la neve nel tratto finale.


Dal Bait dei Bissi, lungo la dorsale che sale alla cima

Riparto lentamente per la dorsale e affronto la serie di strappi fino in vetta, che raggiungo senza difficoltà evitando piccoli nevai. In cima recupero le forze per la contentezza, il panorama è bellissimo, la soddisfazione di essere riuscito ad arrivare in cima è tanta.


In vetta!

Veduta sul Latemar

Vista verso Monte Agnello in primo piano e Lagorai con cima Cece sullo sfondo

Neve quasi non ce n’è, è rimasta solo la traccia di una cornice lungo il crinale est. Faccio una breve sosta per rifiatare, mi aspetta una lunga discesa ed è tardissimo, sono già le 17 passate. Torno giù fino al passo quindi mi dirigo verso Passo Lavazè, fino al bivio con la strada forestale che torna verso sud aggirando il M. Prestavel.


In vetta alla Pala di Santa

Quando penso di essere ormai al sicuro, con le tenebre che calano, ecco l’imprevisto: la strada forestale invece che iniziare a scendere sale decisamente con alcuni tornanti. Un errore della mappa? Provo a proseguire ma la forestale si alza sempre di più, fino a diventare sentiero che sale verso il M. Prestavel. Ma porc! Controllo sul gps del cello e mi accorgo di essere decisamente fuori strada.


Veduta verso il M. Cornon, Lagorai sullo sfondo

Potrei tagliare giù per il bosco per cercare la forestale sottostante, ma è ripido e col buio che incombe non è il caso. Nella testa si fa già strada l’idea fastidiosa del bivacco forzato: anche se sono ben equipaggiato, non sarebbe una esperienza troppo piacevole anche se per fortuna la temperatura non è rigida. Del resto muoversi di notte nel bosco ripido e infido non sarebbe prudente. Torno giù veloce sperando di trovare in fretta qualche soluzione perché sta facendo buio: per fortuna, non so se più per intuito che per c*lo, intravedo una traccia che scende dietro un grosso albero crollato. Lo scavalco e, con la poca luce rimasta, seguo la traccia che per fortuna sembra abbastanza segnata. Dopo 20 minuti di discesa inquieta accade il miracolo: arrivo sulla forestale, salvo!!!


Calano le tenebre sul Corno Bianco

Faccio una piccola sosta, bevo, mi tranquillizzo, accendo la luce frontale e inizio la lunga discesa verso valle. Incontro il bel Baito Piave, aperto e abbastanza confortevole, ormai è buio pesto, potrei passare qui la notte ma decido di rientrare. Con lunga marcia sulla strada forestale raggiungo la strada provinciale, quindi mi toccano 2 km in salita su asfalto per andare a riprendere la macchina, dove arrivo stanchissimo.


La baita Piave, potrei fermarmi a bivaccare ma decido di scendere

Morale: partire PRIMA, e tenersi sempre un paio d’ore di luce per sicurezza, specie sui rientri che non si conoscono. Sono regole che conosco perfettamente eppure ogni tanto ci ricasco per pigrizia mentale. Giro lungo e magnifico, con qualche difficoltà di orientamento battendo questo versante ignoto. Panorami bellissimi, ora i sentieri sono mappati su OpenStreetMap e a disposizione di tutti. Sviluppo 23 km, dislivello 1350 circa coi vari saliscendi.


Le "spazzate" cercando i sentieri per salire in quota

Offline pianmasan

  • Global Moderator
  • *****
  • Post: 2.423
Ho seguito il tuo itinerario sulla mappa Tabacco "Latemar". Ci sono quasi tutti i sentieri, mancano quello che ti ha portato a Pampeago e la traccia di raccordo tra le due forestali nel rientro. Assenti del tutto le indicazioni dei baiti.
Quello che non mi torna è la quota della partenza, 1510 m.
Mandami il gpx, se lo hai, grazie.

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)
riprendo l'immagine delle "spazzate". La Tabacco non ce l'avevo mi sono basato sulla Kompass online e su OpenStreetMap (dove non c'era praticamente niente).



n 1: c'era la forestale si, ma ho dovuto partire da sotto perché c'è il tunnel e la strada vecchia parallela in disuso ha un divieto
n 2: non c'era nulla sulle mappe, ho mappato il sentiero fino a Pampeago: di qui la salita, fuori traccia, per prendere il traversone sopra.
n 3: questo è l'altro sentiero forestale, molto bello, a un certo punto ha un bivio che scende verso Stava

Il traversone in salita che hai segnato in rosso l'ho cercato, c'era sulla Kompass ma praticamente non esiste (solo un breve tratto iniziale poi si perde). Se guardi la traccia vedrai che ho mancato di intersecare il sentiero che c'era sopra per 10-15 metri :)

A sud di M. Prestavel la forestale invece che scendere inizia a salire, il tratto in viola, una traccia appena visibile, l'ho trovato per c*lo e per il rotto della cuffia 10 minuti prima che facesse buio :)
Ora comunque è tutto mappato su OpenStreetMap.

Allego traccia gpx

« Ultima modifica: 28/03/2017 18:48 da AGH »