[AVISIO] 27a esplorazione: 4 discese al fiume da Verla

Autore Topic: [AVISIO] 27a esplorazione: 4 discese al fiume da Verla  (Letto 577 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.202
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)

Splendido scorcio sotto Ronchia, praticamente inaccessibile da questo versante

Caldo africano oggi, veramente sfiancante, con ben quattro discese al fiume partendo dall’abitato di Verla. La prima incompleta perché sono stato fermato, a 60 metri di dislivello dalla riva, da un indigeno piuttosto nervoso che non voleva scavalcassi le sue reti intorno alla vigna. Per evitare duelli rusticani alla roncola (la sua) ho lasciato perdere. Peccato perché ero riuscito a trovare una traccia di sentierino che prometteva bene.


Discesa verso Ronchia per i terrazzamenti coltivati a vigneto: sul versante opposto le orride cave di porfido

Il paradiso terrestre...

Risalgo per le erte strade di campagna per poi ridiscendere più a ovest nei pressi di un maso, ci dove ci sono indicazioni “Torrente Avisio” e dei cartelli illustrativi sull’ambiente fluviale fatti da una scolaresca. Qui un altro villico più socievole voleva offrirmi un bicchiere di vino rosso, che alla due del pomeriggio col solleone che batteva implacabile sul coppino, ma soprattutto col pranzo ancora nel gozzo, sarebbe stato sicuramente letale. Calo col sentiero che avevo fatto in un’altra escursione precedente. Arrivato a riva, mi rendo conto che con la piena di fine ottobre è cambiato tutto. La spiaggia sabbiosa è quasi sparita, la golena ha ora due diramazioni separate dal torrente ed è impossibile da attraversare a piedi, anche per le tonnellate di schianti e ramaglie dappertutto.


Vedo fantastiche spiagge in lontananza...

Arrivarci però è un dramma: qui sono in una specie di "Pantanal" senza vie d'uscita

Provo a risalire per un tratto ma poi lascio perdere, troppa fatica per fare solo pochi metri, col rischio di scivolare in acqua dai roccioni pieni di rovi. Riesco a scattare solo poche foto. Ritorno su con le pive nel sacco e riprendo la stradella di campagna verso ovest. Ad un impluvio ritrovo una vecchia strada agricola che scende al fiume. Anche in questo caso l’Avisio è irriconoscibile: tutta la vegetazione ripariale è stata spazzata via, vicino a riva c’è un dossone di sabbia e pietre per arrivare all’acqua.


L'Avisio qui è irriconoscibile: tutta la vegetazione ripariale è stata "spianata"

Accumuli di pietraie e sabbia

Scatto poche foto e torno su di nuovo, proseguo ancora per la stradella verso ovest, sono appena 50 metri sopra il fiume: osservando bene, mi pare di intuire una possibile discesa,  in lontananza vedo delle belle e ampie rive “spiaggiose”. Devo però stare attento perchĂ© in questo tratto c’è una ripida scarpata quasi a picco sulla riva.


Torno su e mi dirigo ancora a mezzacosta per le stradelle di campagna, cercando una via di discesa. Sullo sfondo la Paganella

Rieccomi sulla riva, in una bellissima ansa

Qui l'Avisio ha fatto una bella erosione della riva, impossibile passare

Imbocco una stradella di campagna e scendo fin sul ciglio del vigneto, dove scopro una traccia di pescatori disagevole che scende tra la boscaglia. Dopo qualche sacramento tra rovi e tratti ripidi scivolosi, sono di nuovo a riva, stavolta direi che la scelta è stata ottima: c’è una golena da esplorare lunga quasi mezzo chilometro, mi pare senza ostacoli.


Dopo aver aggirato dei grossi scogli, altra discesa e altro scorcio fantastico: poco prima ero sulla riva che si scorge a monte

Piscinone naturale

Costeggio il fiume scendendo verso valle, un po’ dentro la golena e un po’ sul ciglio della riva. La "brentana", come dicono qui (la piena), ha cambiato letteralmente il paesaggio del fiume, che comunque resta sempre fantastico con scorci meravigliosi. La piena ha aperto degli ampi varchi nella vegetazione della golena, che altrimenti sarebbe stata assai ostica da attraversare.


Qui la pendenza è modesta è l'acqua scorre placidamente

Sono lungo l'ampia golena, sguardo indietro

Arrivo fino in fondo sulla spiaggia, sbarrata da un promontorio roccioso: l’Avisio passava di qui prima di ottobre, ora il letto del torrente si è spostato di quasi 150 metri più a sud, lasciando una spiaggia di sabbia soffice. Impossibile comunque passare perché c’è un’ansa che lambisce la roccia a picco sul fiume.


Spiagge di sabbia soffice

Un tratto ampio e tranquillo

Ecco il roccione che mi sbarra il passo, di qua non si passa

I bellissimi ciottoli colorati

La spiaggia zeppa di orme di animali

Il caldo mi ha svuotato delle forze: vagolo un po’ per la golena facendo foto, cerco anche una possibile risalita verso Mosana, ma le rocce in questo tratto sono pressoché verticali, interrotte solo da ripide vallette dove scorre dell’acqua: non è il caso di impelagarsi su terreni ripidi e scivolosi. Ritorno quindi indietro riattraversando la golena, risalgo la erta nella boscaglia e sono di nuovo sulla strada di campagna asfaltata. Di qui prendo una stradella all’ombra, finalmente trovando un po' di riparo dal sole cocente, che mi riporta con svariate rampe poco a ovest di Verla.


Angolo "amazzonico"

Torno indietro percorrendo l'altro lato della golena

Sassi, sabbia e impronta... che animale sarĂ ?

Rieccomi ai roccioni, ora risalgo verso le stradelle di campagna dei terrazzamenti soprastanti

Muri a secco

Rieccomi in vista di Verla

Serratura del portone di un vecchio maso

Anche oggi Avisio di una magnificenza unica. Per via del caldo tremendo e la ripresa vegetativa ormai imperiosa penso che questa sarà una delle ultime uscite. Se ne riparlerà forse in autunno, anche se ormai angoli inesplorati non me ne sono rimasti molti: ho percorso finora circa 250 km lungo il fiume. Ovvero 5 volte la lunghezza dell’Avisio da Molina di Fiemme a Lavis. Sviluppo di oggi circa 8 km, dislivello sui 600 metri.


Il percorso con le 4 discese sull'Avisio
« Ultima modifica: 23/04/2019 10:07 da AGH »