Autore Topic: [AVISIO] 44a esplorazione fluviale: il paradiso esiste  (Letto 414 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.311
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Spettacolo!

Dopo 44 esplorazioni l’Avisio dovrebbe uscirmi dagli occhi, e invece resto ogni volta travolto dalla sua bellezza. Oggi ho unito un altro tassello entusiasmante che ancora mi mancava: il tratto Tra Grauno-Flimacion e Altei. A Flimacion ero capitato per caso in una precedente esplorazione, ravanando sulle rive dal Pont dela Rio. Quando credevo di restare bloccato dalle solite rocce a picco sul fiume, ho avvistato un sentierello che risaliva il costone. L’avevo seguito con emozione, come sempre mi accade quando scopro un vecchio sentiero: dopo un lungo traversone per  una cengia sopra l’Avisio, ecco apparire i terrazzamenti coi ruderi del magnifico “Mas del Vent”. Dev’essere stato una meraviglia ai suoi tempi: mentre mi aggiro tra le rovine provo la solita stretta al cuore nel vedere pezzi di vita contadina che scompaiono inesorabilmente… Quasi di fronte, sull’altra riva, ci sono altre rovine del (ex) maestoso Castelìr: tra i due vecchi masi c’è una stretta gola scavata dall’Avisio.


Mas del Vent inghiottito dalla vegetazione amazzonica

Stavolta riprendo dunque l’esplorazione dal Mas del Vent. Da Grauno mi calo per una vecchia mulattiera (si stacca quasi nascosta dalla strada provinciale) che scende lungo una serie imponente di terrazzamenti, anche qui con colossali castagni abbandonati. Qua e là i ruderi di antichi edifici nel fitto della boscaglia. Da uno di questi, fugge al mio arrivo un gruppo di cerve che si involano nella foresta. In breve sono al Mas del Vent, faccio un rapido giro attorno ai ruderi, che ho già visto, e cerco quindi una traccia per scendere verso riva. La trovo subito: c’è ancora il vecchio sentierello che scende al fiume costeggiando un grande muro a secco alto 4 metri!


Castagno secolare

L'antica mulattiera che scende al Mas del Vent, non la percorre più nessuno

Ruderi di antichi masi nela boscaglia

Gli imponenti terrazzamenti

Mas del Vent, già il nome evoca qualcosa di leggendario...

Scaletta in legno nelle cantine

L'intrico di liane ostruisce le stradelle di accesso al maso

Mas del Vent sorge un grande terrazzamento, ormai invaso dalla vegetazione

I possenti muri a secco resistono ancora dopo un secolo, questo è alto 4 metri!

Una costruzione circolare: forse una fornace, o una calchera

Arrivo nella golena, c’è un rudere di costruzione circolare, probabilmente una fornace, una calchera.. o forse un pozzo? C’è ancora una scala all’interno... Attraverso la golena e sbuco sulla riva, qualcosa di spettacolare: da una parte i salici con la spiaggia pianeggiante di ghiaia fine, dall’altra le pareti a picco. In mezzo l’Avisio con l’acqua color smeraldo. Un colpo d’occhio fantastico che finora ero riuscito ad osservare solo da lontano dalla riva del Castelir.


Sulla spiaggia nella magnifica forra sotto al Mas del Vent

L'Avisio nella forra forma un laghetto color verde smeraldo

Altro scorcio spettacolare

Supero la forra lungo la riva pianeggiante...

Sull'altra riva spuntano i ruderi del Castelir

Ora che sono giunto sulla riva il problema è: si riuscirà a risalire verso monte? La riposta è subito NO. Mi affaccio verso monte e vedo i soliti roccioni verticali che incombono sul torrente. Eppure qualcosa ci deve essere, penso tra me. Torno su al Mas del Vent a cercare: infatti trovo un sentierello, un po’ esposto, che si inoltra in costa sopra i versanti scoscesi sul fiume. Quindi calo con dei ripidi tornanti in un valloncello e sono nella golena boscosa più sotto.


L'antica mulattiera che conduce al Mas del Vent, 80 metri sopra al fiume

L'Avisio scorre magnifico nella forra

Provo a seguire la riva per un po’ ma incontro un altro roccione verticale: cercando un po’ nei dintorni mi pare di vedere delle tracce che salgono nella boscaglia, le seguo e trovo un esile sentiero. Riesco a passare il roccione dall’alto, scendo di nuovo nella golena: è un posto strano, quasi mistico, circondato da alte rocce verticali, la boscaglia scura, la sabbia zeppa di impronte di cervi.


Nella golena tra rocce, terrazze e banchi di sabbia

Ho superato i primi roccioni verticali, sguardo indietro

La mulattiera risale una stretta gola rocciosa grazie a dei tornanti con muri a secco

Risalgo in quota per superare le rocce a picco, sguardo verso valle, in fondo la Forra del Castelir

La risalita al torrione roccioso

Avanzo ancora verso un torrione roccioso, che sbarra il passo: riprendo quindi a salire ancora, ma stavolta mi ricongiungo con una ripida mulattiera a stretti tornanti per un valloncello, con muri a secco per reggere le massicciate. Salgo in cima al torrione per dare una occhiata dall’alto, c’è una vista davvero spettacolare, sotto ci sono 30 metri di vuoto.


Di nuovo sono a riva...

Altra risalita con vista spettacolare sull'Avisio, sullo sfondo in alto l'abitato di Piscine

Le pietre dell'Avisio

Ormai sono vicino al Maso ai Piani (ruderi), già visto in una precedente esplorazione. Invece che salire al maso decido di proseguire ed esplorare un ignoto sentierello che mi riporta di nuovo al fiume, sbarrato da un altro torrione roccioso. Risalgo ancora per vaghe tracce fino a raggiungere una dorsale, dove riconosco un capanno di caccia che avevo già incontrato mesi fa provenendo da Altei. Missione compiuta!


Il tratto di Avisio verso monte, sulla sinistra la golena verso Altei

La strada selciate che risale in quota

Salendo verso la strada provinciale, un'oasi per animali con baita

Torno su quindi per l’erta finale, per una ripida strada selciata fino alla strada provinciale, dove ritorno alla macchina. Esplorazione bellissima, non avrei sperato di fare un tragitto così lungo sull’Avisio stavolta, troppa grazia! Ma chi la dura la vince: l’Avisio è tenace, io di più:). E certi paesaggi ripagano ampiamente ogni fatica e ogni dura ravanata. Dislivello circa 500 metri, lunghezza 7 km. 


Il percorso
« Ultima modifica: 07/10/2019 12:43 da AGH »