Autore Topic: [AVISIO] 54a esplorazione: da Valda a Maso Rella per storiche mulattiere  (Letto 1135 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.422
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Magico Avisio

Abbiamo rifatto in parte una spettacolare esplorazione dell'anno scorso, partendo da Valda. Siamo ai piedi del Lagorai versante Val di Cembra. Abbiamo raggiunto loc. Ischia, un piccolo pianoro coltivato a vigna 50 metri sopra il fiume, per una facile strada di campagna. Qui abbiamo girovagato nella boscaglia tra i ruderi della vecchia frazione abbandonata.


Frazione Ischia

Quindi abbiamo proseguito per l'antica mulattiera scendendo fin sull'Avisio, individuata perfettamente grazie alle mappe austriache del 1850. Bellissima la grande golena a valle che, se non fosse per gli immancabili muri a secco, ha un aspetto simil-amazzonico con la sua vegetazione lussureggiante. Rintracciamo le mura perimetrali degli antichi edifici vicino alla riva, e poi fino alla forra a vedere la bella ansa di acqua calma. Un luogo quasi primordiale veramente meraviglioso.


Masetto abbandonato nella boscaglia

Masi abbandonati

La giungla

Sulla grande golena

La vegetazione amazzonica

Tratto spettacolare sull'Avisio

Risaliamo ora la riva verso Gresta, superando dei fantastici roccioni a picco sull’acqua, quindi fino all’antico edificio abbandonato sulla riva. Nei pressi dell’entrata, scopriamo semisepolta una ruota di pietra: ha il basamento convesso e la parte superiore concava, sembrerebbe essere una specie di macina.


Selvaggio Avisio

Lungo le rive dell'Avisio

Pausa prima di affrontare "la traversata" verso Maso Rella

Proseguiamo per i grandi terrazzamenti ormai invasi dal bosco, ingombri di schianti che obbligano a giri tortuosi, e i soliti colossali castagni che un tempo era coltivati, ma ormai sono morenti in completo stato di abbandono. Dopo aver passato un impegnativo impluvio, siamo finalmente sulla golena sotto la frazione abbandonata di Maso Rella.


Sotto Maso Rella

Proseguiamo lungo la riva verso Maso Rella

Discesa nell'impluvio rognoso

Stavolta cerchiamo l’antica mulattiera a sud, che risaliva fino alla frazione dal fondo dell’Avisio. E’ perfettamente segnata sulla mappa austriaca, e grazie al GPS troviamo l’imbocco al margine della golena boscosa. Prima di salire però andiamo fino alla forra sotto Gresta, saltellando sui macigni della riva pianeggiante con bei banchi di sabbia finissima.


Abbiamo fatto un ometto coi sassi avisiani

La mappa austriaca del 1850 con le antiche mulattiere che salgono a Maso Rella

Eccoci sulla storica mulattiera che sale a Maso Rella

A destra la forra di Gresta, a sx il percorso della storica mulattiera segnata col GPS. Nel cerchio in alto Maso Rella sepolto nella boscaglia

Quindi torniamo indietro a cercare la storica mulattiera. Troviamo rapidamente l’attacco grazie al gps e alla mappa d'epoca. Nonostante sia passato qualche secolo, con parecchi schianti e parecchi macigni franati sul percorso, la mulattiera si vede ancora piuttosto bene, con suggestivi tratti scavati nella roccia. Si arrampica sul ripido versante con vari traversi e tornanti, fino alla frazione abbandonata di Maso Rella, che riusciamo a raggiungere dopo aver lottato dolorosamente con cortine di rovi spinosissimi.


Masi sperduti nella boscaglia

Il paese fantasma di Maso Rella

Facciamo una rapida ricognizione tra le rovine del paese fantasma - sta facendo buio- che già conosco, e che un tempo quando era abitata deve essere stata bellissima. Scopriamo sulla fontana esterna una iscrizione che non avevo notato in precedenza, per via della vegetazione che ha ormai avvolto i vecchi edifici quasi per intero, con enormi ammassi di edera che hanno avviluppato ogni cosa. Passiamo attraverso ad altri cespugli di rovi che hanno chiuso il sentiero e finalmente siamo fuori: raggiungiamo la strada provinciale e quindi torniamo a Valda dove abbiamo l’auto.


La vecchia fontana con l'iscrizione

Ultimo sguardo indietro a Maso Rella, prima di risalire

Per quanto piuttosto impegnativa, questa è una delle più belle escursioni che si possono fare in Avisio per bellezza dei paesaggi, varietà di panorami selvaggi e vestigia del passato: quasi come essere fuori dal mondo e fuori dal tempo. In tutto il giorno non abbiamo incontrato anima viva. Sviluppo circa 12 km, dislivello 350 metri circa. Le mulattiere d’epoca ora sono mappate su OpenStreetMap, a disposizione di tutti.


Il percorso
« Ultima modifica: 25/02/2020 22:16 da AGH »

Offline moreb

  • Newbie
  • *
  • Post: 2
  • località di residenza: Dolo
E' possibile visualizzare tali percorsi delle mulattiere d'epoca nella mappa di Openstreetmap per poi poter esportare le varie esplorazioni documentate di questo blog in formato .gpx? Grazie tante.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.422
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
E' possibile visualizzare tali percorsi delle mulattiere d'epoca nella mappa di Openstreetmap per poi poter esportare le varie esplorazioni documentate di questo blog in formato .gpx? Grazie tante.

no perché sono quasi sempre lunghi concatenamenti di vari percorsi, tra strade di campagna, sentieri, tracce, vecchie mulattiere più o meno visibili o ravanate fuori sentiero e fuori traccia. Una parte dei sentieri di accesso, laddove visibili, li ho mappati su OSM ma sono, come detto, solo una piccola parte visto che ho percorso complessivamente oltre 400 km sull'Avisio.