Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)

Autore Topic: Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)  (Letto 5551 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.204
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« il: 25/05/2011 20:56 »
Anche qui in regione, nel nostro piccolo, si svolgono alcuni pellegrinaggi "storici". Non sarà quello di Campostela ma uno dei più noti è quello al Santuario di Pietralba, partendo da Fornace, o da Fierozzo in Val dei Mocheni. Si tratta di 60km a piedini, da farsi in un solo giorno...  Si parte la mattina presto alle 2, si arriva, se si arriva, in serata... ;)
Qualcuno l'ha mai fatto?
-----

Una lunga preghiera, a piedi, da Fierozzo a Pietralba

Come ogni anno, nei giorni scorsi la comunità mòchena ha rinnovato l’antica tradizione della Domenica della Madonna Addolorata: il pellegrinaggio a piedi da Fierozzo fino a Pietralba/ Weissenstein (in mòcheno Baisnstoa’). Una tradizione, il pellegrinaggio, un tempo in uso in molte vallate del Trentino che portava i fedeli a compiere un viaggio di molti chilometri, e a volte anche di più giorni, per far visita ad uno dei più importanti santuari della regione. Dalla Valle dei Mocheni si partiva sempre in occasione dell’Addolorata, la terza domenica di settembre. Era un viaggio lungo e faticoso che, tra andata e ritorno, durava più giornate. Con il tempo, qui come altrove, la tradizione ha conosciuto un progressivo declino dovuto alla diffusione di più comodi mezzi di trasporto. Per cui il viaggio in automobile ha progressivamente sostituito il pellegrinaggio a piedi. Ma, come spesso accade, basta un piccolo intervento per modificare quello che sembra già un percorso segnato ed inesorabile. Era il 1986 e oramai del pellegrinaggio a piedi si conservava solo il ricordo. Due fedeli, Mario Pompermaier e Pietro Moltrer, entrambi di Fierozzo, decisero quasi in sordina di avviarsi a piedi, ripercorrendo la stessa via fatta più volte in gioventù. L’anno successivo un gruppo di cinque giovani li seguì (uno di questi, che in seguito non è mai, nemmeno per una volta, mancato all’appuntamento, ci ha cortesemente fornito le informazioni che riportiamo n.d.r.). L’anno successivo si aggregarono ancora altre persone. Nel 1989 in occasione della visita di papa Giovani Paolo II il pellegrinaggio ebbe luogo eccezionalmente nel messe di luglio, con una grande adesione. E via così, di anno in anno, il gruppo si consolidò fino a rinsaldare la tradizione e farla diventare un appuntamento ormai irrinunciabile. Quest’anno i fedeli sono stati una cinquantina e ogni anno si aggregano anche persone di altre comunità. Da sempre ci si reca al Santuario la terza domenica di settembre. Si parte ilsabato,prima dell’alba, da Fierozzo e ci si incammina verso Palù. Da qui di risale lo Jergereck verso il Sattelenjoch/ Passo Cagnon, ad un’altitudine di più di 2000 metri. Una parte dei pellegrini scende e arriva verso le 5 del mattino presso la malga Cagnon di Sopra dove li aspetta la proprietaria Agnese Jobstraibizer di Fierozzo con un caffè ristoratore e da qui sale poi verso il Passo Cadin. Chi invece non si sente di affrontare la discesa e una nuova salita prosegue in quota verso Passo Cadin. Da qui i pellegrini scendono lungo la valle in direzione di Molina di Fiemme. Dopo una breve sosta lungo la strada, presso il Santuario della Madonna dei Boscaioli, arrivano a Molina e da qui, su verso la Predaia, Aguai e arrivano finalmente verso mezzogiorno a San Lugano, dove sostano per il pranzo. Di seguito proseguono verso Fontanefredde/Kaltenbrunn e, imboccata la strada forestale attraversano il Bletterpach per arrivare a Lerch e da qui, attraversando i boschi di larice di Monte San Pietro/ Petersberg, verso sera giungono infine al Santuario. Dopo la confessione i fedeli assistono alla Santa Messa. Dopodiché una parte fa ritorno in Valle con le famiglie arrivate a prenderli e gli altri si fermano invece fino al giorno successivo quando, insieme a familiari e conoscenti giunti in automobile, assistono alla Santa Messa ed eventualmente alla processione pomeridiana. Prima di sera infine fanno tutti ritorno a casa anche se c’è chi, in alcune occasioni, ha compiuto a piedi anche il percorso di ritorno. LORENZA GROFF
L'Adige pag.47
  24/09/2010
----
http://www.lusern.it/site/pages/de/territorio/rassegna+stampa/leggi+articolo.asp?catalog=8139

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.204
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #1 il: 25/05/2011 21:48 »
update: ricordavo vagamente il racconto di un pellegrinaggio, il nostro ottimo nic l'ha fatto! :)
http://girovagandoinmontagna.com/forums/index.php?topic=3283.msg43610#msg43610

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.810
  • Sesso: Femmina
Re: Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #2 il: 25/05/2011 23:01 »
Nella mia zona, invece, è tradizione recarsi in pellegrinaggio a piedi al Santuario della Madonna della Corona (VR). Ogni anno, gruppi di pellegrini e sezioni CAI partono da diverse parti della provincia, per recarsi al santuario attraverso l'alta Lessinia. Ho percorso questo tragitto due volte: una prima volta sono partita dal rifugio Cesare Battisti alla Gazza (VI), una seconda invece sono partita da Giazzera (VR). E' uscito anche un libro sull'argomento:

http://issuu.com/babausign/docs/pellegrinaggio
« Ultima modifica: 25/05/2011 23:03 da Franz »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.204
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #3 il: 26/05/2011 06:42 »
Nella mia zona, invece, è tradizione recarsi in pellegrinaggio a piedi al Santuario della Madonna della Corona (VR). Ogni anno, gruppi di pellegrini e sezioni CAI partono da diverse parti della provincia, per recarsi al santuario attraverso l'alta Lessinia. Ho percorso questo tragitto due volte: una prima volta sono partita dal rifugio Cesare Battisti alla Gazza (VI), una seconda invece sono partita da Giazzera (VR). E' uscito anche un libro sull'argomento:

ma quanti km sono?

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.810
  • Sesso: Femmina
Re: Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #4 il: 26/05/2011 14:09 »
ma quanti km sono?

Partendo dal Cesare Battista sono circa 70 km.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.204
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Pellegrinaggio a Pietralba (50 km)
« Risposta #5 il: 11/06/2011 21:22 »
Il prossimo 18 giugno 2011 il pellegrinaggio dal Santuario di Montagnaga (Piné) al Santuario di Pietralba.

Partenza Montagnaga ore 3.00 (del mattino). Arrivo a Pietralba nel tard pomeriggio-sera.
Sono circa 50 km, in parte su strada (fino a montesover) e in parte su strada sterrata.

La partecipazione è libera, per prenotarsi Hotel Posta, sig. Manuel cell. 349 5665446

Percorso di massima

Visualizza
Pellegrinaggio Montagnaga - Pietralba 50 km in una mappa di dimensioni maggiori
« Ultima modifica: 12/06/2011 14:10 da AGH »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.204
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #6 il: 28/05/2019 09:17 »
quest'anno l'8 giugno :)

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Re:Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #7 il: 28/05/2019 10:38 »
Massimo rispetto per chi lo fa.........ma una battuta mi vien da farla, quando ho letto in fondo al depliant, "ritorno autonomo", dopo 50 km fare ritorno per altri 50km, la Madonna si vede due volte........ anzi tre volte, Montagnaga-Pietralba-Montagnaga......... :D
Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.204
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Pellegrinaggio a Pietralba (60 km)
« Risposta #8 il: 28/05/2019 14:48 »
Massimo rispetto per chi lo fa.........ma una battuta mi vien da farla, quando ho letto in fondo al depliant, "ritorno autonomo", dopo 50 km fare ritorno per altri 50km, la Madonna si vede due volte........ anzi tre volte, Montagnaga-Pietralba-Montagnaga......... :D

che problema c'è: non paghi nulla, ti organizzi per il rientro. O pensi che ci sia qualcuno degli organizzatori disposto a scarrozzarti gratis per 50 km a sue spese?  ;D