Autore Topic: SCI ESCURSIONISMO Proviamo gli sciotti?  (Letto 7359 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
SCI ESCURSIONISMO Proviamo gli sciotti?
« il: 29/10/2007 10:30 »
"Sciotti" è il termine generico col quale si indicano gli sci "stretti" (sci nordico) rispetto a quelli larghi da discesa (sci alpino). Per comodità io chiamo "sciotti" gli sci che uso per fare sci escursionismo. Esiste un'attrezzatura specifica, pressoché introvabile in Italia (e non si capisce perché), mentre è molto diffusa in scandinavia e anche negli USA.

Sostanzialmente si tratta di uno sci di fondo "maggiorato", cioè piu largo e piu robusto, dotato di lamine, con l'attacco a tallone libero che ricalca il vecchio attacco "Rottefella" da 75 mm a tre pin (è una ganascia in cui si infila la scarpa, con tre punzoni che si piantano nella suola della scarpa bloccando il tutto, il tallone rimane libero). Le scarpe sono tipicamente scarponcini appositi.  Lo sci viene usato preferibilmente con le pelli di foca adesive.

La tecnica sarebbe quella dello sci alternato, ma in pratica all'80% si cammina, perché in neve fresca è praticamente impossibile fare il passo alternato per lunghi tratti senza far scoppiare le coronarie :D Su nevi compatte si fa il passo spinta e magari un po di alternato, però la mancanza dei binari non permette chissà che.

Insomma fate conto che praticamente si cammina quasi sempre. Uan camminata molto naturale, dopo la prima mezzora di sconcerto iniziale si prende subito confidenza. La fatica è ridottissima, quasi zero se si va ad andatura turistica.

Chi vuole provare senza spendere soldi nell'acquisto, può pigliare a noleggio un paio di sci con le squame e avventurarsi fuori dalle piste, preferibilmente su percorsi pianeggianti. Basta uno zainetto con un po di viveri, e si può star fuori tutta la giornata lontano dal casino delle piste. Le squame sulle solette sono ovviamente un compromesso, su certe nevi tengono abbastanza su altre no. Teniamone conto: la resa migliore si ha senza dubbio con le pelli, che permettono di superare pendenze notevoli senza scivolare all'indietro. In discesa invece fanno da freno naturale, permettendo di tenere sotto controllo la velocità senza rompersi l'osso del collo :)

Se non sono stato chiaro, prego chiedere :)
« Ultima modifica: 25/01/2015 18:47 da AGH »

Pezz

  • Visitatore
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #1 il: 29/10/2007 22:05 »
Torno a scrivere dopo un pò
Come già detto, mi piacerebbe provarli... in salita non credo di aver problemi... è la discesa che mi spaventa un tantinello.
Stefano

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #2 il: 29/10/2007 22:21 »
ma sai sciare almeno un pochino? hai mai fatto fondo?

Comunque, se la discesa è modesta tiri dei drittoni, calcolando traiettoria e dove fermarti per inerzia :)
Se è ripida fai dei possenti traversi, sempre calcolando traiettoria e il fermo alla fine di ogni diagonale...
Quando sei fermo fai l'inversione a 180°, e avanti cosi. Con questa tecnica scendi quasi dappertutto. Basta avere sufficiente spazio di manovra.

Devi essere un po' come un geometra insomma ;D De tirare una riga da a e b badando di non incocciare in sassi, salti, abeti, rocce etc :D

In ogni caso le pelli si lasciano sempre sotto in discesa, sicché la velocità è modesta e sotto controllo... non è cosi terribile come sembra :)
« Ultima modifica: 30/10/2007 09:45 da AGH »

cri

  • Visitatore
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #3 il: 30/10/2007 15:51 »
e una che era una discreta discesista ma che non ha mai toccato uno sci da fondo?

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #4 il: 30/10/2007 16:00 »
è gia un buon punto di partenza :)

Smit

  • Visitatore
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #5 il: 31/10/2007 08:35 »
e una che era una discreta discesista ma che non ha mai toccato uno sci da fondo?

Si prende gli sci da alpinismo!!!!  ;D ;D ;D
Scusa, ma devo fare concorrenza ad AGH!  ;)

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #6 il: 31/10/2007 08:43 »
e perché concorrenza? :)

Avendo provato l'uno e l'altro, posso dire che sono due modi piuttosto diversi di andare sui monti, e quindi possono tranquillamente coesistere :)

Smit

  • Visitatore
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #7 il: 31/10/2007 09:07 »
e perché concorrenza? :)

Volevo scherzare sul fatto che sei un fervente sostenitore degli sciotti!!!  :)

Personalmente non ho mai provato lo sciescursionismo che effettivamente deve essere affascinante.
Quello che mi piace dello scialpinismo e' che dopo aver raggiunto la meta di salita che non deve essere necessariamente una cima, ma tranquillamente una malga o un rifugio oppure un passo, trovo estremamente gratificante la discesa (a volte in neve fresca, a volte su strade forestali) perche' posso unire il divertimento dello sci alpino con la pace della montagna.
« Ultima modifica: 31/10/2007 09:14 da Smit »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #8 il: 31/10/2007 09:42 »
senza dubbio, ma per goderti la discesa devi avere una tecnica non banale, che non è alla portata di tutti. Gente che scia veramente bene in fresca se ne vede in giro pochina :)
« Ultima modifica: 09/03/2015 14:29 da AGH »

Smit

  • Visitatore
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #9 il: 31/10/2007 09:52 »
senza dubbio, ma per goderti la discesa devi avere una tecnica non banale, che non è alla portata di tutti. Gente che sia veramente bene in fresca se ne vede in giro pochina :)

Infatti cri diceva di sciare discretamente in discesa.

Comunque non e' che si debba sciare veramente bene per divertirsi...io non faccio serpentine strette ed eleganti, ma dai costoni mi mollo giu' senza grandiose difficolta' nonstante la mia tecnica sia limitata (discesista autodidatta con qualche dritta da amici maestri)! La tecnica serve di piu' se la neve e' crostosa...in questo caso sono veramente pochi quelli che sanno sciare bene!!!

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #10 il: 31/10/2007 12:17 »
ennò guarda: la tecnica serve SEMPRE :) Caschi di meno, fai MENO FATICA, ti diverti di più.

Dalla pista alla neve fresca non è un salto proprio banale. Chiaro che è sempre meglio avere una solida base discesistica su pista piuttosto che iniziare da zero (nel qual caso è durissima, se non quasi impossibile): ma sciare bene fuori pista richiede molta pratica, anche perchè la neve che incontri non è mai uguale


Smit

  • Visitatore
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #11 il: 31/10/2007 12:42 »
ennò guarda: la tecnica serve SEMPRE :) Caschi di meno, fai MENO FATICA, ti diverti di più.

Su questo non c'e' dubbio, ma lo stesso discorso vale per lo sci alpino. Piu' bravo sei piu' ti diverti meno rischi...su questo non ci piove! Pero' non penso che tutti quelli che incontri su cime o piste siano dei provetti Tomba, eppure si divertono come matti!  :o

Dalla pista alla neve fresca non è un salto proprio banale. Chiaro che è sempre meglio avere una solida base discesistica su pista piuttosto che iniziare da zero (nel qual caso è durissima, se non quasi impossibile): ma sciare bene fuori pista richiede molta pratica, anche perchè la neve che incontri non è mai uguale

La tecnica e' sicuramente diversa tra pista e fresca...e' come imbiancare un appartamento col pennello o col rullo... :)
Pero' per gustarsi una discesa in neve fresca (ho detto fresca intesa come farina, non crosta...gia' prima ho detto che la crosta e' un casino) non serve essere Valeruz.
Soprattutto secondo me si tratta di vincere la paura della neve fresca che di solito ha chi ha fatto sempre e solo pista. Una volta che ci si lascia andare la tecnica si acquisisce con la pratica (e diversi voli!) come in qualsiasi altro tipo di attivita'

Offline enry69

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 472
  • Sesso: Maschio
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #12 il: 06/11/2007 19:37 »
 ;D
"Tra le montagne mi sforzo di perfezionarmi fisicamente e spiritualmente. In loro presenza cerco di capire la mia vita, di neutralizzare la vanità, l'avidità, la paura. Esamino il mio passato, sogno il futuro e avverto in maniera particolarmente acuta il presente. Ad ogni impresa rinasco".  AB

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.341
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #13 il: 06/11/2007 20:17 »
non conoscevo queste guide, che mi sembrano vecchiotte (?). C'è un'altra guida sciapinistica con oltre 100 itinerari di Luciano Navarini, mi pare molto ben fatta, anche se con gli sciotti certi itinerari è meglio evitarli :)
http://www.passionemontagna.it/Recensioni/scialp/SALagoraiNav.htm

Offline enry69

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 472
  • Sesso: Maschio
Re: Proviamo gli sciotti?
« Risposta #14 il: 07/11/2007 12:43 »
Citazione
non conoscevo queste guide, che mi sembrano vecchiotte (?).

...vero, sono vecchiotte. Ma solo di un anno rispetto alla data di pubblicazione della guida che hai citato tu.
Me le tengo care perchè sono le prime che ho acquistato quando ho iniziato ad andar per fresca e adesso sono introvabili. Tra l'altro gli itinerari sono esattamente gli stessi (ovvio) e sono corredati di foto e relativa mappa...
"Tra le montagne mi sforzo di perfezionarmi fisicamente e spiritualmente. In loro presenza cerco di capire la mia vita, di neutralizzare la vanità, l'avidità, la paura. Esamino il mio passato, sogno il futuro e avverto in maniera particolarmente acuta il presente. Ad ogni impresa rinasco".  AB