[AUSTRIA] Lesachtal - dalla Hubertuskapelle al Wolayersee a mt. 1955

Autore Topic: [AUSTRIA] Lesachtal - dalla Hubertuskapelle al Wolayersee a mt. 1955  (Letto 3062 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.000
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Qualche giorno di vacanza la scorsa settimana nella splendida Lesachtal in Austria.
Lunedì 8 agosto,  si preannuncia una gran bella giornata di sole, ci troviamo con Radetzky per condividere l'escursione al Wolayarsee.
Rad c'è già stato altre volte,  noi invece siamo arrivati al bel laghetto qualche anno fa ma provenendo da Collina in Friuli. 

Da Birnbaum prendiamo la strada che conduce al piccolo e grazioso borgo di Nostra e proseguiamo poi per alcuni km su sterrato, stretto ma in buono stato, che si snoda in un fitto bosco.  Parcheggiamo l'auto subito dopo la Hubertuskapelle a quota 1100 mt ca. Questa particolare cappellina, a ricordo dei caduti di guerra,  fu costruita nel 1916 sopra un anfratto di roccia dove visse un certo eremita Hubertus. Fu poi restaurata  nel 1998. 


Hubertuskapelle



la grotta dell'eremita


Ci avviamo per la strada forestale che sale gradualmente  fino all'alpeggio di Untere Wolayeralm e  dopo  vari  tornanti che salgono ripidi  ci troviamo di fronte ad una grande e fragorosa  cascata con più salti che ci rinfresca un pochino con l'acqua nebulizzata,  fa caldo e ci ristora  :)
Sulla parete a fianco si può ammirare un grande dipinto scolpito sulla roccia in memoria di un comandante della Grande Guerra.
















Attraversiamo il torrente sul ponticello in legno e proseguiamo la salita che si fa ora più impegnativa,  su fondo di ghiaia grossa.  Si fatica un po' e ce ne accorgiamo tutti perchè si parla meno  :P ... si risparmia il fiato per camminare!  Lo scenario circostante  comunque già ripaga ampiamente la fatica! :D





Raggiungiamo la Obere Wolayeralm a 1700 mt ca. in una piana stupenda ai piedi di un grandioso anfiteatro di roccia, sono i monti di Volaia. 



Obere Wolayeralm


Sono le 11 e il caldo comincia a farsi sentire, specie per me che non lo sopporto proprio. Per fortuna è un po' ventilato e  poi mi incoraggia il fatto che intanto 600 mt di dislivello son già fatti.   
Proseguiamo ancora  verso la nostra meta e arriviamo in un altro esteso pianoro dove le marmotte si fanno ben sentire e vedere. Poi ahimè, perdiamo un pò di quota per attraversare un avvallamento e risalire poi nuovamente su tornanti... c'è qualche scorciatoia che li taglia abbreviando il percorso ma è su sentiero più sconnesso ed erto che io cerco di evitare, approfitto di un breve tratto solo perchè vedo che c'è ombra.
Rad invece opta per un paio di scorciatoie, sale più velocemente e ci aspetta poco più su.



altra grande piana







sentinella... che pare stanca 





Ancora  un ultimo  sforzo e,  con  l'imponente Cima del Lastrons del Lago che si staglia nel cielo azzurro davanti a noi,  arriviamo all'incantevole Wolayersee  a mt. 1955 e al Pichl Hütte. I laghetti mi piacciono tutti  e questo mi pare proprio un gioiellino  :D



Ultimo tratto di salita...e Lastrons del Lago



arrivati alla meta



Pichl Hütte



Lastrons del Lago


Scegliamo subito un posticino sui massi in riva al lago e al sole (dato che ombra non ce n'è proprio) per una doverosa sosta e per rifocillarci un pò.
Poi, finchè i due baldi giovani se la raccontano, io risalgo i pochi metri verso il Passo di Volaia, confine tra Italia e Austria dove ci sono fortificazioni di guerra e la bella casetta ex-GdF ricoperta di scandole di legno. Scendo poi al rifugio Lambertenghi, così...giusto per bermi un caffè... in Italia! 8)   


la ex vecchia caserma GdF sul passo di Volaia



 



il Wolayersee visto dal passo 




fortificazioni al passo Volaia



rif. Lambertenghi Romanin in territorio friulano



Completiamo il giro del lago in senso antiorario con la vista spettacolare della parete rocciosa del Lastrons (Gruppo del Coglians) da una parte e la Cima Capolago dall'altra.   



Monte Capolago , monti di Volaia e  Pichl Hütte


Scendiamo per la strada dell'andata. Inutile dire che io mi prendo continuamente indietro per fotografare panorami, fiori e con un po' di fortuna qualche animale.  Ora che in discesa il fiatone non c'è più, ne approfitto maggiormente  ;) 



cavolaccio alpino (adenostyles)



aquilegia alpina


Molto tenera la scena di due piccolini di pernice di montagna impauriti che "zampettano" davanti a noi nel mezzo del sentiero emettendo continui pigolii.
Ci fanno tenerezza e ci fermiamo per non spaventarli di più,  ma ecco che all'improvviso arriva in volo la pernice adulta, sicuramente la madre, che si fa sentire con energici versi e lui la segue.   


uno dei piccolini e la pernice adulta


Ridiscesi nella grande piana della Obere Wolayeralm ora ci concediamo una bella sosta, non ci sono problemi nè di tempo e nè di meteo.
Qualcuno si tracanna una mega-radler da mezzo litro  ;D  io mi gusto volentieri un bicchierone di latte appena munto...come facevo da mia nonna oltre mezzo secolo fa! 
Seduti sulla panca seguiamo con lo sguardo marmottone grosse come orsetti che si muovono lentamente poco lontano, qualche bel filmatino lo porterò a casa.



...e ridiscendiamo alla Obere Wolayeralm


Rad,  grande amico degli Animali (A maiuscola come mette sempre lui... :) ),  socializza subito con la fauna locale. Attraversando la grande piana distribuisce saluti e carezze a mucche, cavalli, vitellini.  Indubbiamente c'è feeling con loro... e da una bella bionda, dopo le coccole,  riceve pure un bacio!!   Ho colto l'attimo...






attraversiamo l'alpeggio



 

E' un vero peccato allontanarci da un posto così bello... ma dobbiamo rientrare e con calma ci avviamo al parcheggio.
Un bell'itineraio di circa 15 km con un dislivello di 900 mt. ca.   


si scende con calma per la bella vallata


p.s.

Nota per il compagno d'escursione Rad sono luoghi che conosci come le tue tasche, se ho sbagliato o dimenticato qualcosa...correggi eh ;)

Offline southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.134
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Che bello! L'ho fatto anch'io, dal versante italiano però  ;) Saluti a tutti!

Offline Oma

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.474
  • Sesso: Femmina
Bel giro  :) complimenti a tutti!
Il lago Volaya è stupendo ... prima o poi mi sa che ci torneremo, magari copiandoti l'itinerario  ;) a veder le tue foto il percorso sembra più panoramico salendo dal versante austriaco rispetto a quello che sale dal Tolazzi.
Bellissime le foto della pernice e del piccolino e simpatica quella del bacio della "bionda" al nostro Rad!  :o Brava hai veramente colto l'attimo!!  ;D
Ciaoo :)

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.000
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Che bello! L'ho fatto anch'io, dal versante italiano però  ;) Saluti a tutti!
Forza, metti in programma anche dalla Lesachtal, lunghetto ma non ci sono sentieri esposti  ;) Ciao South

Bel giro  :) complimenti a tutti!
a veder le tue foto il percorso sembra più panoramico salendo dal versante austriaco rispetto a quello che sale dal Tolazzi.

Son belli da entrambi le parti  :) Dal versante italiano è più breve e c'è meno dislivello. Si parte dai 1350 mt. del rif. Tolazzi, come ben ricorderai l'abbiamo fatto insieme 3 anni fa.   
Comunque si,  dal versante austriaco  lo spettacolo è grandioso fin dal primo alpeggio della Huntere Wolayeralm e poi ... sempre più bello!     
 

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.364
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Brava Edel! Favoloso!  :) Posti assolutamente sconosciuti per me
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.976
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
mi accodo ai complimenti, giri sempre bellissimi...

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.000
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Grazie  :) 
Sono luoghi molto belli, escursioni ce ne sono tante e per tutti i gusti e la tranquillità è assicurata anche in pieno agosto.  Io ero un pò titubante per il periodo scelto ma mi son dovuta ricredere, nei paesini e borgate regnava la quiete sia di giorno che di sera. 
Un paio di paesaggi rilassanti in valle nei pressi di Maria Luggau e Obertilliach  :)
« Ultima modifica: 19/08/2016 14:42 da edelweiss »

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.869
  • Sesso: Maschio
la piana di Obertilliach con chiesina ed i masetti degli agricoltori meriterebbe, da sola, una giornata intera dedicata alle foto in ogni condizione di luce: è veramente spettacolare !
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !