[LAGORAI] Giro dei Tre Baiti: Val Mattio, Fregasoga, Vasoni Bassa

Autore Topic: [LAGORAI] Giro dei Tre Baiti: Val Mattio, Fregasoga, Vasoni Bassa  (Letto 457 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 18.921
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Tramonto verso il Brenta

Giro senza pretese, a bassa quota, ravanando per vecchi sentieri e strade forestali, partendo da casa qui a Brusago, sull'Altopiano di Piné. Scusate la qualità delle foto ma sono fatte col cellulare. Il giro si sviluppa nei valloni tra M. Rujoch, Monte Croce, M. Fregasoga e M. Cogne. Per sentiero non segnato risalgo il vallone verso Ponte Vasoni, finché non si perde lungo il Rio. Lo riprendo un po' più avanti ravanando nella boscaglia molto scomoda, riesco ad avanzare solo grazie ai ramponcelli. Quando sono sul punto di rinunciare, l'ora è tarda, trovo inaspettatamente una traccia non segnata sulla carta mi porta fino alla bella Baita di Val Mattio m 1697, che non avevo mai visto. Davvero un gran bel posto, anche se la baita è chiusa, evidentemente ad uso esclusivo dei cacciatori. 


Baita (o baracca) di Val Mattio

Veduta sul M. Croce

Proseguo per la strada forestale che fa un tornante proprio nei pressi della baita, e con un facile traversone oltrepasso la dorsale per raggiungere il vallone parallelo dove c'è Malga Fregasoga 1703. Altro gran bel posto con vista super verso il Brenta all'orizzonte. Sul retro della baita c'è un locale - bivacco, piuttosto sporchetto, con stufa, tavolo, soppalco per dormire.


Malga Fregasoga

Tramonto imminente...

Il locale bivacco sul retro

Dalla malga vista verso Passo Scalet

Malga Fregasoga è in un posto bellissimo

Loc. Pecci Rossi con l'immancabile, odioso capanno. Vedo un grosso camoscio nei pressi ma non riesco a fotografarlo

Proseguo per sentiero fino alla dorsale dei Pecci Rossi, quindi per strada forestale arrivo alla Malga Vasoni Bassa 1663. L'edificio secondario ospita un locale - bivacco, addirittura con la luce, ma il locale letti è molto malmesso. In compenso il Comune di Lona Lases proprietario, da' almeno il benvenuto al viandante, anziché ribadire divieti e minacce di multe come per altri Comuni/Asuc. Io comunque non mi fermo di certo, con la pila frontale affronto al buio l'E470 che cala nel bosco fitto e ripido fino a Ponte Vasoni, e di lì a casa.


Vista sul Doss dei Cirmi a sx e Rujoch a dx alle ultime luci

Tramonto meraviglioso, peccato che col telefono renda poco...

Malga Vasoni Bassa

Il bivacco è sempre aperto, con luce elettrica

L'interno

Good night, si scende a valle ormai al buio, con la frontale

Giro complessivamente facile, se si eccettua qualche ravanata cercando il vecchio sentiero non segnato sotto la neve, piuttosto corto ma istruttivo, con gran bei panorami nel cuore del Lagorai occidentale sotto l'imponente M. Croce m 2490. Sviluppo circa 12 km, dislivello m 600.


Il percorso

Visualizza mappa ingrandita
« Ultima modifica: 26/02/2017 23:49 da AGH »

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.324
  • Sesso: Maschio
Non ho ben capito da dove sei salito alla Baita del Mattio  ::)  forse dalla traccia che sale più o meno quasi parallela alla forestale ?
La baita è ad uso esclusivo dei cacciatori,l' hanno costruita loro nel tempo libero,  è stata appena ristrutturata almeno internamente, è stata sostituita la stufa e isolato il tetto  :)
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 18.921
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Non ho ben capito da dove sei salito alla Baita del Mattio  ::)  forse dalla traccia che sale più o meno quasi parallela alla forestale ?

nella parte finale sì, è anche una bella traccia

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.324
  • Sesso: Maschio
nella parte finale sì, è anche una bella traccia

Era la vecchia mulattiera che portava alle malghe della zona distrutta in parte dalla costruzione della forestale e ancor prima dai lavori di sistemazione del rio Sprugio da parte dei bacini montani
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 18.921
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Si lo avevo immaginato.. In basso sono salito in dx orografica, ma la traccia si perdeva

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk
« Ultima modifica: 27/02/2017 20:23 da AGH »