[LAGORAI] Montalon quota m 2430

Autore Topic: [LAGORAI] Montalon quota m 2430  (Letto 310 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.502
[LAGORAI] Montalon quota m 2430
« il: 08/04/2018 10:05 »
Torno sul Montalon q. 2430 in compagnia degli amici valsuganotti. La scelta della meta è condizionata dall'esposizione prevalente a sud, sud-est, dato che non ci sono problemi per l'innevamento, quest'anno veramente eccezionale, con neve che durerà ancora a lungo.
Al ponte Conseria i prati al di là del torrente sono quasi puliti.


Si calzano definitivamente gli sci dopo essere entrati nel bosco. Poco sopra il primo tornante imbocchiamo il sentiero per malga Valsorda seconda e qui l'innevamento è già buono


anche se la qualità della neve non permetterebbe di scendere per questa via in tranquillità. Al ponte del Quarelo


si passa sull'altro versante e si comincia a salire decisamente.


Il lariceto annuncia


i pascoli di malga Valsorda seconda


che tralasciamo per portarci direttamente verso nord, e risalire un ripido ma breve pendio. Da qui un traverso a est ci porta ad una zona ondulata


dalla quale, con un altro strappetto, raggiungiamo la larga cresta che cade al di là sui laghi delle Buse basse.
Appare la cima con la sua ripida pala,


che percorriamo con molte inversioni,


portandoci sul crinale sud della cima. Qui ci fermiamo per maggior sicurezza evitando l'ultimo e più ostico traverso.


Discesa molto bella su firn assai godibile, facile da sciare e con grande soddisfazione.


Lo sguardo è attirato dal bell'imbuto superiore di c. Lagorai con il suo canale inferiore.


Scendiamo fino al pendio alle spalle della malga


e dopo aver attraversato le sue ampie praterie nevose, ci immettiamo sulla forestale che alla cros del Nardo va a congiungersi con la strada del passo Cinque Croci.
Un'impressionante valanga, vista anche altre volte in questo canale, interrompe la strada poco prima del ponte.


Che colpisce non è il volume complessivo ma la compattezza dei blocchi nevosi, la presenza di sassi e terra, le piante travolte che spuntano dalla neve in modo caotico. Una specie di tritacarne.
Poco dopo il ponte


la sciata termina e bisogna spingere fino alla cros del Nardo. Poi si scende con facilità e leggerezza e si tolgono gli sci in vista del parcheggio di ponte Conseria.

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.230
[LAGORAI] Montalon quota m 2430
« Risposta #1 il: 08/04/2018 14:27 »
Confermo l'ottima qualità del firn in discesa.
Assolutamente da evitare di salire o scendere dopo le 11:tutto in giro si vedevano distacchi anche imponenti,quasi sempre valanghe di fondo.
A salire lungo strada mettere in conto qualche tratto sci in spalla,situazione che peggiorerà di sicuro nei prossimi giorni....

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.359
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
[LAGORAI] Montalon quota m 2430
« Risposta #2 il: 09/04/2018 10:03 »
Bella li! Ottimo lavoro ragazzi! Qualcuno di voi ha fatto mai Cima Lagorai? Quel canale sud ha sempre attirato anche me
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.230
Re:[LAGORAI] Montalon quota m 2430
« Risposta #3 il: 09/04/2018 12:14 »
Lo riguardavamo con interesse anche noi....
Per non perdere niente questa mattina di buon'ora rifatto il Cola con Charly e la mia cagnolina Maya.
La strada è aperta con la ruspa,c'è ancora un sacco di neve ovunque.
Siamo saliti su neve dura,rampante per precauzione proprio sulla parte finale e splendida sciata fino alla baita.
Speriamo non piova perchè a 1600m c'erano +5°......

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.856
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
Re:[LAGORAI] Montalon quota m 2430
« Risposta #4 il: 09/04/2018 15:54 »
E ne verrà altra!!!

ANche noi ieri mattina per fare i primi 400m da Malga Mare alla Val Venezia abbiamo dovuto usare i rampant, poi in ghiacciaio si stava decisamente meglio con neve dura, crostosa ma non eccessivamente difficile.