Autore Topic: [LAGORAI] Eremo di S.Lorenzo e Monte Armentera m 1500 - Val Sella, Valsugana  (Letto 7605 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.573
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Eremo di San Lorenzo in Val Sella

Sorprendente escursione al Monte Armentera m 1500 in Val Sella. Soprendente perché avevamo sempre trascurato questa meta, dall'altezza modesta e apparentemnte poco interessante. Ci sbagliavamo. L'idea orginale era quella di arrivare almeno fino all'Eremo di San Lorenzo, ovvero fare una escursione a bassa quota visto che la neve rompe ancora le scatole in quota. Sulle carte il percorso dall'eremo alla cima dell'Armentera appare confuso e non troppo affidabile... decidiamo quindi di partite e valutare la situazione sul posto.

Si percorre la Val sella fino all'Hotel Legno dove si parcheggia. Si torna a ritroso per 500 metri lungo la strada fino alle indicazioni del sentiero 210. L'escursione inizia in modo disastroso, con lo scempio imprevisto della nuova strada forestale che ha distrutto il sentiero 210
(vedi http://girovagandoinmontagna.com/gim/index.php?topic=921.0). Saliamo indispetitti prima per la nuova forestale che ha aperto una vasta ferita nel fianco della montagna, poi per la zona disboscata dove passerà la strada. Il legname rende impraticabile il vecchio sentiero, che riemerge tristemente qua e là in mezzo ai tronchi abbattuti e alle ramaglie.

Questo disastro per fortuna si arresta a quota 1100 circa. Con qualche difficoltà rintracciamo il sentiero, che scende un po' di quota e traversa il fianco sud est dell'Armentera, molto bello, per raggiungere la Bocchetta Val di Croce m 1120. Di qui un ultima salita e in 15 minuti arriviamo sul cocuzzolo dove sorge l'incantevole Eremo di San Lorenzo, con romitorio nei pressi. Una botta di c**lo: c'è il custode che sta andando via, gli chiediamo se per caso ci può aprire la chiesa per dare una guardata veloce ai bellissimi affreschi, lui gentilmente acconsente. Ci offre anche una grappa, poi se ne va. Il posto è idilliaco, ci fermiamo per la pausa pranzo anche per seguire l'evoluzione meteo e decidere il da farsi. Dopo il pranzo al sacco e il conseguente fatale abbiocco, decidiamo di salire per l'Armentera visto che il tempo sembra tenere, nonostante il meteo avesse previsto probabili rovesci.

Scendiamo alla selletta e attacchiamo il bellissimo sentiero nel bosco, che sale ben tracciato a zig zag ababstanza ripido per il fianco nord est. Dopo mezz'ora sbuchiamo in una radura con magnifica vista panoramica sulla Valugana. Sulla carta a quota 1349 è segnata uan traccia nera che percorre il lato nord, di cui non troviamo traccia. Seguiamo il sentiero e dopo un'altra mezzora di salita piuttosto ripida, durante la quale il sentiero si sposta e si impenna sul fianco sud est, raggiungiamo la cima, una radura pianeggiante a 1500 metri, con croce in legno. Panorama se ne vede pochino per via della vegetazione. Il custode ci aveva informato dell'esistenza di un  sentiero che prosegue in cresta, anche se non segnato, e poi scende per la Val Viscera. Infatti lo troviamo e lo seguiamo percorrendo le belle creste boscose, con vari saliscendi e a tratti leggermente esposte, con splendidi esemplari di pino silvestre e notevoli squarci panoramici sulla Valsella e sulla Valsugana. Ci dirigiamo quindi verso la sella antistante la Cima della Stanga m 1485.

Arrivati alla sella e non c'è nessuna traccia del sentiero che scende in val Viscera. Attimo di smarrimento, ci buttiamo giù per un'altra ravanata come quella di Cima d'Arza? Mio dio no! Proviamo a proseguire per circa 1 km e troviamo il bivio, senza nessuna indicazione: il sentiero alto va alla cima o probabilmente verso il fondo della Val Sella, noi pigliamo quello basso che poi fa un tornantino e quindi si inoltra, per bellissimi boschi, nella Val Viscera. Attenzione quando si raggiunge l'impluvio, il sentiero sembra scendere invece si sposta sul lato opposto, dove riprenede a caalre dolcemente, con larghi zig zag, per bosco di latifoglie veramente stupendo. Dopo essere scesi parecchio di quota, l'incanto si rompe quando arriviamo allo scempio della strada forestale dell'andata, dalla quale rientriamo mestamente.

Un giro comunque molto bello, consigliabilissmo, dislivello modesto di circa 800 metri. 
« Ultima modifica: 09/05/2015 12:04 da AGH »

villaagnedo

  • Visitatore
ero in val di sella domenica .. la prossima volta ci provo
grazie!

Offline jochanan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.209
  • Sesso: Maschio
incuriosito dall' argomento, ieri sono andato. Mi sono informato. La famiglia del custode sta nell'eremo in luglio e agosto ormai da più di 150 anni! Sono riuscito ad ottenere la chiave della chiesetta al Comune di Borgo. Me la sono guardata bene (un po' me ne intendo) e penso che si dovrebbe procedere ad un esteso strappo / restauro / consolidamento degli affreschi. Forse alcuni sono più antichi di quanti si dice. Qualcuno ha aspetto simile quelli sull'ultima cappella a S.Romedio. Posto e ambiente bellissimo. Mi avrebbe fatto venir voglia di restarci almeno 1 sett. Purtroppo avevo dimenticato i miei amati/odiati tutori e non mi sono sentito di proseguire verso la cima della Stanga. Anche perchè ero solo.
Ancora una cosa: messo sull'avviso dal capo (e dal comune, dove piangevano a calde lagrime sulla nuova strada forestale) ho preso la stradina -non segnata- che parte dal capitello di s.Lorenzo, molto prima dell' ex 210. Era l'antica strada dei pellegrini, allargata molto tempo fa e rettificata in minima parte per permettere l'accesso alla forcelletta ad un piccolo fuori strada (per il custode, credo). Comunque la stradina è bella, i faggi e qualche betulla fanno sempre una galleria naturale, e i ciclamini non si contano)
Grazie per la segnalazione.
il mondo sarebbe veramente noioso senza le montagne (E.Kant, mi sembra, che tra l'altro è sempre vissuto in pianura)

Offline Skyzzato

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 466
  • Sesso: Maschio
vicino c'è un cache ;D
Non si possono nutrire pensieri cattivi al di sopra di una certa altitudine
(François Mauriac)

Offline Claudia

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 6.719
  • Sesso: Femmina
vicino c'è un cache ;D
ahauhauhauahauhauhauahu dovevi dirglielo prima però! adesso mica torna sù per cercarlo...

Offline jochanan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.209
  • Sesso: Maschio
sbaglio o Mauriac mi suggerisce che qualcuno era a quota 0?
e poi: Ich verstehe nicht! Io conoscevo La cache, memoria aggiuntiva o Il cache-sex.... enon mi interessa piu': spiegare, pls
il mondo sarebbe veramente noioso senza le montagne (E.Kant, mi sembra, che tra l'altro è sempre vissuto in pianura)

Offline Skyzzato

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 466
  • Sesso: Maschio
Non si possono nutrire pensieri cattivi al di sopra di una certa altitudine
(François Mauriac)