Autore Topic: Giro ad anello Fracena-Col Fortin-Sentiero Ponte dell'orco-Col dei Oci.  (Letto 616 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 313
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Giro sicuramente adatto a "sgranchir le gambe", fatto oggi, perchè il meteo nel pomeriggio non prometteva niente di buono, e poi la mattina causa mia incombenza non ho potuto andare a farmi un giretto in montagna, nonostante questo lo avessi pensato già da diversi giorni e mi interessava farlo, perchè un sentiero tutto non lo conoscevo.

Le foto degli stoli militari non le ho fatte, sono comunque visibili durante il tragitto sulla stradina per Col Fortin, lascio ad ognuno provare la propria esperienza in loco.

Lasciato la macchina a lato dello slargo presso il bivio strada forestale Coste - ex-Residenza Vendemiano, scarico il cane, tempo di resettare il GPS, e mi avvio.


Prendo la strada per la residenza, passo via la stessa nell'ampio cortile per raggiungere la vecchia strada di servizio che sale da località Borgo Careno, frazione della località Villa-Agnedo, ormai abbandonata ed in disuso, usata come sentiero, anche se ormai i rovi cominciano a imperare, scendo, passando via il sentiero che porta a Col Fortin, perchè pieno di schianti, per cui evito.
Arrivato in fondo, giro a sinistra per la stradina fino a Col Fortin.






Lungo la strada per col fortin





Per chi vuole riposare, ma non mi fiderei, è un pò abbandonata da troppo tempo.





Uno sguardo verso Il Colazzo.




Poi dopo esser passato davanti a stoli militari lungo la strada, arrivato al termine, inizia il sentiero che da Col Fortin mi porta al paese di Ospedaletto, il sentiero è facile, costeggia tutta la collinetta, a parte l'ultimo tratto di una quarantina di metri a scendere che rischia di far scivolare, ma niente di particolarmente difficile, nonostante la vegetazione impera, il tragitto è abbastanza visibile, si passa nell'ultima parte davanti ad uno stolo militare con vasche, e di lì in poi si scende.






Lasciato Col Fortin si vede Ospedaletto dal sentiero.





Ultimo tratto prima della strada asfaltata del paese.





Fiori che prendono il sole..... :D





lungo la via del paese, in uno spiazzetto privato, capretta, anatra, e "oca da guardia", mi brontolava finche non son passato via. :)





Dopo aver lasciato la breve stradina di campagna, mi immetto in Via Saltorati, per portarmi dopo 7 minuti circa, in Piazza Garibaldi, e di li giro a sinistra salendo per Via Garibaldi, successivamente Via Bronzale e salendo così, oltrepassando l'incrocio per il santuario della Rocchetta, verso lo spiazzo/parcheggio dove inizia il sentiero del Ponte dell'Orco.





Sguardo verso Monte Mezza dal Parcheggio all'inzio della strada forestale Val Bronzale.





Verso il sentiero del Ponte dell'Orco, si vede a destra recintata la vecchia calcherà, fornace per la calce dei tempi passati.





Dal parcheggio uno sguardo verso valle, si intravede a destra il Civeron, e in centro (al versante sinistro del Civeron) la Val Coalba.





Preso il sentiero del Ponte dell'Orco, mi porto un pò a raggiungere il bivio con il sentiero Col dei Oci, non mancando di vedere anche lì il passaggio di Vaia, nonostante questo, i volontari hanno fatto un encomiabile lavoro di ripristino dei due sentieri.






Di sicuro con tre segnaletiche difficile sbagliare..... :)





Fiori particolari lungo il percorso.








Nostante i lavori di ripristino, qualcosa resta dei danni.





Stolo naturale nell'avvicinarsi al sito del Ponte dell'Orco.





Sono al bivio, a sinistra si intravede ancora un pò di terreno divelto, ma comunque ripristinato.





Non manca un'occhiatina veloce al ponte.





Lungo il sentiero del Col dei Oci.





Di nuovo uno sguardo verso Mnte Mezza, al centro cima la Presa, in basso parziale veduta della Val Bronzale.





Ultimo tratto prima di incrociare il Sentiero delle svolte (sentiero SAT E329) che sale al Lefre.





Lasciato il Sentiero Col dei Oci, che lungo il tragitto mi ha permesso di far bere il cane ad un piccolo albio con acqua sorgiva zampillante, scendo per il Sentiero delle Svolte,  per poi continuare sulla strada Forestale delle Coste, nonostante ciò, dopo un minuto vengo attirato per un breve tragitto dalle faralline colorate di rosso, probabilmente in periodo di accoppiamento, almeno penso, sono molte, non numerose ma si fanno apprezzare.





Lungo il sentiero a scendere.





Altro particolare fiore con farfallina.




Raggiunta la strada forestale, scendo, passo i due stoli di guerra comunicanti, ed arrivo dopo 10 minuti alla macchina.




Ultimo tratto con caratteristico muro a secco.


Lunghezza del percorso quasi 7 chilometri, dislivello circa 470 metri, quota massima m 675 circa, quota di partenza m 353 circa, tempo quasi 2 ore.



Mappa del percorso e traccia GPX.





In allegato la traccia GPX.
Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.370
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Bene ma al Ponte dell'Orco non hai fatto foto???

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 313
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Bene ma al Ponte dell'Orco non hai fatto foto???
Sarebbe la foto dopo al bivio Ponte dell'Orco, Col dei Oci, solo che l'automatismo mi si è concentrato sulle fronde degli alberi, e la foto è fatta in fretta, per cui il ponte sarà per altre occasioni.  ::)
Libero come il software che uso.