Passeggiata alla Cros de Mala 1584 m -

Autore Topic: Passeggiata alla Cros de Mala 1584 m -  (Letto 232 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.628
Passeggiata alla Cros de Mala 1584 m -
« il: 13/07/2019 14:50 »
Dopo un lungo periodo di inattività mi sono imposto di muovere le gambe. Poiché sono temporanemente di casa a Piné, ho scelto come mèta la Cros de Mala. La dorsale ovest della valle dei Mocheni, che separa Mocheni da Pinaitri, si innalza verso Costalta dal passo Redebus e scende alla località Portèla - niente a che vedere con l'omonimo passo in alta val Cava - dalla quale sale alla boscosa La Brada. Poche decine di metri sotto la quota più alta, un notevole punto panoramico verso la valle dei Mocheni, la piana del Perginese e i laghi, è stato attrezzato con panche, tavoli, altare in legno, edicola ricavata da un tronco e, ovviamente, croce.
Tutta la dorsale è stata devastata dal turbine di Vaia e volevo andare a vedere con i miei occhi e da vicino il disastro. Ho visto...
Non farò una descrizione della mia passeggiata, metterò solo delle foto con didascalia.

Questa è la strada che sale da s. Orsola ai masi Stefani, poco al di là della Portela. Una buona parte di bosco lungo la strada è stata ripulita.


Dai masi Stefani sono risalito fino al doss dei Pini, sulla via per Costalta - assolutamente non percorribile - e la situazione è questa.








Solo la forestale è libera; quando inizia il sentiero, gli schianti chiudono il passaggio.

La dorsale che va alla Brada, anch'essa non agibile.


Tornato sul versante pinaitro, mi sono incamminato su una forestale


verso le cosiddette "baracche dei Russi", erette da prigionieri russi durante la prima fase della grande guerra. Rimangono - ristrutturate - le cucine fisse.


Con salita diretta e senza ostacoli ho raggiunto la croce ed il suo panorama.


Lago di Caldonazzo


Anche vicino alla Cros de Mala la bufera ha picchiato duro.


Scendendo per la stessa forestale ho alzato lo sguardo verso il lontano Brenta ed è tutto un altro vedere.


Qui il futuro teatro di scivolose gesta olimpiche  ;D.


In conclusione, vedendo da lontano i boschi massacrati non si ha un'idea così pregnante dei danni che hanno subito. Sembra quasi che una immensa e proterva mano abbia raccolto le piante in un fascio e dopo averlo torto, le abbia lasciate cadere. Avete presente il gioco dello shangai?

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.414
Re:Passeggiata alla Cros de Mala 1584 m -
« Risposta #1 il: 13/07/2019 21:49 »
Quella dello shangai è ancora più evidente sorvolando in parapendio;questa mattina ho fissato lo sguardo verso le cime per non vedere il disastro sotto ai piedi!

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.378
  • Sesso: Maschio
Re:Passeggiata alla Cros de Mala 1584 m -
« Risposta #2 il: 14/07/2019 13:52 »
Un vero disastro !Ci vorranno  anni per sistemare  un po'  le cose  :'(
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.202
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Passeggiata alla Cros de Mala 1584 m -
« Risposta #3 il: 15/07/2019 11:03 »
Vien da piangere :((( Non ho ancora avuto il coraggio di tornare in Fiemme per vedere i disastri nel mio amato Lagorai :(