[ADAMELLO] Giro del Monte Frerone per Val Bona e Val Cadino

Autore Topic: [ADAMELLO] Giro del Monte Frerone per Val Bona e Val Cadino  (Letto 1154 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 377
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
E' un po' lontano da Trento, è vero, ma questo versante inaspettatamente dolce dell'Adamello merita una visita. Noi siamo rimasti affascinati dal contrasto tra i pascoli e le dorsali delle medie quote, dove sembra di stare in Appennino, e la severità delle zone di alta quota, dove prevale il bianco ed il grigio.

Se siete appassionati di geologia, questo è una specie di parco giochi, dove si incontrano un sacco di rocce diverse, dal calcare alle sedimentarie al granito di varie foggie.
Se siete appassionati di fiori, non mancate di visitarlo tra giugno e luglio, ha una ricchezza che ho visto solo nella zona del Baldo.

Finita domenica scorsa la stagione scialpinistica, abbiamo iniziato quella estiva in trasferta verso ovest fermandoci dalle parti del passo Crocedomini, ed  abbiamo fatto un itinerario circolare di dislivello contenuto (circa 1100 metri in tutto) cercando di districarci nel dedalo di sentieri segnati sulle carte ma non presenti, di sentieri presenti sul terreno ma non sulle carte, il tutto unito a qualche tratto di sano ravanamento non troppo complicato.
Siamo rimasti praticamente soli tutto il giorno.
Abbiamo scoperto che invece gran parte di quelli che partono ad est o ad ovest del passo Crocedomini si accontentano di fare andata e ritorno al lago della Vacca lungo i vecchi sentieri di guerra.


Partiti dalla malga Bazena, ad ovest del passo, abbiamo seguito il sentiero n1 (alta via dell'Adamello) che, passando vicino alla malga di val Fredda e attraverso la val Bona, arriva al passo di val Fredda. Di qui un sentiero a sinistra ci ha portato, con l'attraversamento di un paio di lingue di neve un po' delicate (ma che dureranno poco), sul versante ovest del Frerone, che poi si sale con qualche svolta. La vista dal Frerone è spettacolare, ma purtroppo eravamo in cima nel momento di massimo sviluppo dei cumuli per cui era tutto un vedo/non vedo.


La malga val Fredda: in fondo il Frerone, il passo di val Fredda ed il monte Cadino


In val Bona, il lago di Valfredda ed il monte Mattoni


Il costone di Val Bona salendo al Frerone


A destra il Frerone, a sinistra il monte Stabio


Stratificazioni bellissime


Affascinanti anche le rigole nella valle a nord del Frerone

Un inaspettato sentiero con tanto di segni biancorossi ci ha permesso di scendere lungo la bella cresta nordest verso le foppe di Brao ed il passo di Terre Fredde o passo del Frerone. Di qui, attraversando qualche placca di neve ci siamo portati sui laghetti che circondano il lago di Cadino alto (ancora ghiacciato) e, per facili placche granitiche, sull'ampia cresta sudest delle Terre Fredde, a picco sul lago della Vacca e sul rifugio Secchi (e sul Cornone di Blumone, naturalmente). Questo tratto è segnato da qualche ometto.


Sulla cresta verso il passo di Terre Fredde: Cornone di Blumone e creste di Laione


Il Pizzo Badile Camuno


Cima di Terre Fredde e la cresta che dà sul lago della Vacca


L'occhio di uno dei laghetti di Cadino alto


Dal crestone, il Cornone di Blumone, passo di Blumone, cima Laione e lago della Vacca


Verso il Frerone ed il monte Stabio


Tenaci fiorellini sul granito


Dopo pranzo siamo scesi in diagonale ad est della cresta, che nella parte meridionale diventa più 'adamellina', fino a ricongiungerci col sentiero 1 (e con la gente) al passo della Vacca. Di qui fin verso il lago nero di Cadino il sentiero 19 è stato ritracciato e trasformato, chissà perché, in un lastricato insidioso in quanto ovviamente di ghiaino. Noi abbiamo seguito il vecchio tracciato militare che rasenta le creste di Laione. A metà della diagonale il granito lascia il posto al calcare: l'ultima parte delle creste ha un aspetto dolomitico. Poco dopo la Corna Bianca (di candido calcare), abbiamo abbandonato il sentiero (e la folla) per seguire la pista silvopastorale che, costeggiando i laghetti delle Moie, porta al Casinetto di Mezzo e ai ruderi del Casinetto dei Dossi.


Dal passo della Vacca, il lago Nero ed i dossi di Cadino


Il casinetto di Cima


Qui sembra di essere in Dolomiti: creste di Laione


Fioritura ad uno dei laghetti di Moie


Casinetto dei Dossi

Tra marmotte e una fioritura spettacolare abbiamo seguito delle tracce accennate sul versante est del monte Mattoni, per risalire in cresta, con breve ravanata, sulla quota 2213 a sud dello stesso. Di qui un sentiero ci ha portato al passo di Bazenina dal quale siamo scesi liberamente a ovest lungo il greto del torrente fino a ritrovare il sentiero 1 a poca distanza dal parcheggio.


Marmotte di guardia sul sentiero


Il pezzo forte della gita: una fritillaria


Sulla cresta a sud del monte Mattoni. In basso la malga Bazena


Fantastico sasso a fette di arenaria e calcare


Questo, a grandi linee, è il percorso che abbiamo seguito.
Mauro

Offline Dellas

  • Newbie
  • *
  • Post: 33
  • località di residenza: Cles (TN)
[ADAMELLO] Giro del Monte Frerone per Val Bona e Val Cadino
« Risposta #1 il: 12/06/2018 23:56 »
Bello! Posti a me sconosciuti.. da programmare anche se fuori zona.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.031
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
[ADAMELLO] Giro del Monte Frerone per Val Bona e Val Cadino
« Risposta #2 il: 13/06/2018 09:04 »
Sono zone molto belle, peccato siano così lontane. Bel giro complimenti. Una volta ho fatto un "girone" ad anello al M. Bruffione, posti spettacolari e selvaggi. Ma tutta la Val del Chiese e valle laterali sono bellissime, mi è rimasto ancora qualcosa da esplorare... :)

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.876
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
Posti spettacolari che ho visto durante la gara del Trofeo Ravasio, che sarebbe l'Alta via 1 in uno o due giorni.

Del passo della Vacca vi allego una foto all'Alba che ho fatto e mi porto nel cuore.
Spettacoli simili sono rari e vanno conservati bene.

ll giro è stupendo seppur molto ad Ovest  ;D, ma la zona dell'Adamello merita tutta davvero!!! E' sbalorditiva