[PASUBIO] Monte Maggio 1852

Autore Topic: [PASUBIO] Monte Maggio 1852  (Letto 406 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
[PASUBIO] Monte Maggio 1852
« il: 24/02/2017 21:55 »

In vetta al M. Maggio

Con qualche ora libera dal lavoro quando siamo a Folgaria, decidiamo di fare una rapida ricognizione al Monte Maggio. In valle c'è un nebbione fitto ma appena siamo a Fondo Piccolo appare il cielo azzurro. A Passo Coe c'è un sole splendido e un caldo quasi africano.  Posteggiamo poco sopra Malga Zonta per evitare il taglieggiamento del parcheggio a pagmento quindi tagliando per il pianoro innevate con faticosa neve crostosa raggiungiamo prima il sentiero E124, poi una traccia che ci porta sul versante nordoccidentale dove c'è un magnifica mulattiera austriaca della Grande Guerra che, con un lungo traversone a ridosso del crinale ci porta verso la cima.


La neve è poca e si cammina abbastanza bene anche senza ciaspole

La magnifica e panoramica strada militare austriaca

Vista verso il Carè Alto

Salendo ammiriamo il magnifico panorama sul Pasubio orientale col Palon, poi Dente Italiano, Dente Austriaco, Roite, Col Santino, Col Santo. La valle di Terragnolo in basso e coperta da uno strato di nubi fitte. Senza difficoltà arriviamo sulla cima con la grande croce, la pianura veneta sotto un mare di nuvole.


Il versante nordoccidentale del crinale di Monte Maggio, "tagliato" in costa dalla strada della Grande Guerra

Vista sul Pasubio

In vetta!

Dopo qualche foto e aver ammirato il grandioso panorama a 360° scendiamo per il sentiero E124 sul versante Nordorientale, quindi tagliamo per tracce, per non calpestare la pista da fondo, fino alla Base Tuono, l'ex base missilistica Nato trasformata in museo, relitto della Guerra Fredda.


Base Tuono, l'ex base missilistica della Nato

A malga Zonta c'è una muta di cani husky che portano a spasso i turisti, ecco un magnifico esemplare

Giro ad anello facilissimo, corto, ultrapanoramico, dislivello appena di 300 metri, sviluppo circa 7 km. Attualmente il tracciato è ben battuto, ma se si vuole tagliare per il bosco conviene avere le ciaspole perché si sprofonda in circa 30 cm di neve ancora cedevole e crostosa

 

« Ultima modifica: 24/02/2017 22:02 da AGH »