Sent. L33, fine forestale ex maffei - Rifugio Renzo e Claudio, rovinato!

Autore Topic: Sent. L33, fine forestale ex maffei - Rifugio Renzo e Claudio, rovinato!  (Letto 2766 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 281
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Non so che pensare, visto oggi mentre facevo un giro ad anello dai Carlettini - Nassere, per sentiero dei Nomadi (L31), Nassere - Caldenave, per sentiero dei Zirmi (L37), Caldenave - Tedon per sentiero della cava (L33).

Proprio in quest'ultimo tratto, in particolare dalla fine della strada forestale Ex-cava Maffei alla Malga, scopro ci sono stati dei lavori di "allargamento", per creare una ciclopedonale, così riporta ciò che ho trovato, un'incarico per i lavori da parte del Comune di Scurelle, poco più di 5.000 euro.


Posto tre foto, chi lo ha percorso sicuramente sa di cosa parlo.







La prima è a circa metà sentiero direzione cava, la seconda verso il tratto finale, la terza all'inizio del sentiero-fine strada forestale della cava.

Ora le foto postate da me sono le più belle, per la maggior parte è pantano, almeno oggi, visto ieri ha piovuto, ovvio che l'anello si allaccia con il sentiero dei Zirmi e la strada forestale per Nassere.

Sul sentiero c'erano anche orme di cavallo, non escludo visto a laghezza media di m 1,5, poi ci passeranno pure i quad, molti sassi sono stati o maciullati o messi in parte, comunque un'altro bel sentiero dato ai turisti per facilitare l'economia dei pochi con il favore dei molti.

Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.103
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Ho fatto questo sentiero anni fa, era bello ma impraticabile con la bici, a meno di non caricarsela sulle spalle per lunghi tratti. Vedo che purtroppo la mania di trasformare i sentieri in ciclabili sta prendendo sempre più piede :(

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk


Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 384
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Ho fatto questo sentiero anni fa, era bello ma impraticabile con la bici, a meno di non caricarsela sulle spalle per lunghi tratti. Vedo che purtroppo la mania di trasformare i sentieri in ciclabili sta prendendo sempre più piede :(

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk
Confermo, con la bici era impraticabile, anche se era segnato sulla Kompass come ciclabile. Direi di più: è segnato come tratteggiato, mentre in effetti era poco più che una traccia nel bosco, inclinato, pieno di massi e radici, io l'avrei messo pallinato.
Trattandosi di un breve tratto di raccordo pianeggiante con una forestale, a bassa quota e quindi alla portata del turista non esperto, io non vedo nulla di male nella sua sistemazione anche a scopo ciclabile, dato che era il tratto mancante per completare un bel circuito, adatto alla gente poco esperta a piedi oltre che alle MTB. Sulla qualità del lavoro mi riservo di commentare quando lo proverò.
Mauro

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 384
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Ieri sono andato a provare il nuovo sentiero in MTB. Non facilissimo, essendoci alcune rampe abbastanza feroci, ma ciclabile al 100%.
L'impressione è che il lavoro non sia ancora finito. Lo scavo effettuato in alcuni punti è notevole, ma data la pendenza del versante penso sia il minimo possibile. Penso che in un paio d'anni le ferite saranno riassorbite.

Adesso si può fare un bel percorso ad anello, tutto su strade tranne i due brevi tratti di accesso alla Caldenave, che partendo dal Cristo d'oro di Samone arriva a ponte Conseria sulla provinciale, e torna in quota passando per le malghe Nassere, Caldenave, Cenon e Primalunetta.

@simonegirar: non credo che possano passarci i quad, è troppo stretto. Ad esempio, incrociando dei pedoni in un punto mi sono fermato ed ho messo la bici fuori sentiero per agevolare. Inoltre, proprio i due imbocchi sono stati lasciati ancora più stretti per alcune decine di metri, penso apposta per non dare l'impressione che possa trattarsi di una 'stradina' percorribile.
Mauro

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 281
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Che fosse da finire immaginavo, anche perchè l'entità prevista per i lavori, se non ricordo male, era in totale 40.000 euro, finora spesi sui 5.500 per questo lavoro.
I Quad adesso non passano, ma vedremo quest'autunno, perchè, tanto per farsi un'idea, nel sentiero dei zirmi, quello che da Caldenave va verso Nassere, io l'anno scorso le ruote le ho viste, e non erano moto da Trial  ( a meno che non fosse quella di Bud Spencer ai tempi di "Altrimenti ci arrabbiamo"!).
A parte questo aspetto dove magari esagero, nel passato si era tentato di portare quel sentiero a strada forestale per favorire l'economia di Malga Caldenave, ma fu fermato dagli allora "animalisti".
Oggi non so il valore di queste iniziative, capisco la tecnologia va avanti, per cui sicuramente dal prossimo anno mi aspetto e-bike sempre più presenti e pressanti, come fossero moto da trial, cosa non scontata, capisco che sempre bisogno di favorire un'economia di Valle, però siamo sempre lì, si cerca di attirare e non educare.
Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.103
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
io i quad li ho visti anche in inverno... ad esempio sul M. Cima vengono su dalla forestale  da Strigno/Samone :(