[VAL DI PEJO] Scialpinismo al Monte Redival 2973 metri da Nord

Autore Topic: [VAL DI PEJO] Scialpinismo al Monte Redival 2973 metri da Nord  (Letto 602 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
E' da molto che non scrivo sul forum, un pò per pigrizia e un pò per mancanza di idee su nuove gite in Trentino. L'inverno è stato avaro di neve a sud delle Alpi e la maggior parte delle mie uscite si è svolta al confine con l'Austria se non più a nord. Come al solito, qualche colpo di coda in stagione avanzata salva la situazione e mi sono tolto lo sfizio di portare a termine due gite da anni in cantiere nella zona della Val del Monte, splendida vena periferica del Trentino Nord-Occidentale.

Giungiamo verso le 9 al fontanino di Celentino, nessuno in giro come previsto: sci ai piedi dal parcheggio, saliamo per la mulattiera e velocemente giungiamo al lago di Pian Palù. Una breve discesa e percorriamo il lungolago fino sotto ad un ampio pendio punteggiato da larici.


sotto alle pareti della Val Comiciolo

Risaliamo con larghe zeta fino sotto ad una bastionata e ci coglie il primo dubbio: dobbiamo decidere quale canale affrontare ma sono tutti scarsamenti innevati e con molti ontani ancora semi-scoperti. Stiamo quindi più a destra (salendo) e iniziamo ad inerpicarci per un canale più ampio ma scosceso: dopo una dura tirata, incrociamo il sentiero estivo e, con delicato traverso, tagliamo tutto a sinistra portandoci così sul pendio superiore alla parete. Continuiamo a traversare fin quasi all'impulvio del torrente principale e riprendiamo la salita su una dorsale boscosa fin sotto ad un altro salto che si supera sempre utilizzando il sentiero estivo e su terreno un pò esposto.


uscita dal secondo traverso

Il terreno si apre un pò ma rimane piuttosto ripido


Ripide zeta

Finalmente si svela l'ampia e solitaria Val Comiciolo che sfoggia   tutto il suo candido splendore, completamente vergine. Iniziamo a tracciare dapprima su terreno pianeggiante, poi lungo un dorso al centro della valle.


il tratto piano


all'inizio del dorso


sul dorso con alle spalle le grandi cime del gruppo Cevedale

Finito il dorso entriamo in un catino al quale segue un tratto ripido e, dopodichè, un'altra piana


Sempre da tracciare

All'ennesima tirata, segue un breve traverso che conduce al canale terminale, piuttosto ripido. Decidiamo di proseguire con i ramponi e gli sci in spalla perchè, sotto allo strato di polvere, il fondo è ghiacciato. Con notevole sforzo, giungiamo sulla facile cresta nord-est che conduce rapidamente in vetta. Foto di rito con panorama ormai ampiamente conosciuto ma spettacolare nonostante sembri più maggio che marzo.


Ultimo tratto sotto la croce


Sambo con la Punta San Matteo di sfondo


La Val di Sole


Sambo in discesa lungo la cresta

Mentre Sambo decide di scendere un pezzo a piedi, io calzo gli sci da poco sotto la croce. Inizio con delle curve controllate per poi mollare tranquillamente su ottima polvere.


Il ripido pendio sotto la croce di vetta

Ripercorriamo quindi l'itinerario a ritroso su splendida polvere in totale solitudine!


Divertimento puro


Splendida visuale su San Matteo


Bella discesa anche nel tratto inferiore sebbene su neve più umida

Infine, per evitare il tratto pianeggiante sul lungo lago, traversiamo verso destra (scendendo) utilizzando l'esile traccia del sentiero estivo che ci porta direttamente alla diga. Da qui, giù per la mulattiera ghiacciata fino alla macchina.

Una splendida gita esplorativa che sognavo da anni, su neve fantastica ed in totale solitudine!
Dislivello: 1350 metri
Sviluppo: 13,6 km
« Ultima modifica: 05/04/2019 19:00 da trabuccone »
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.177
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Bellissimo giro, che ho fatto a piedi. Certo ricordando le pendenze non banali, con gli sci avrei avuto strizza...

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
L'avevo fatto anche io ma ero sceso di notte e ricordavo solo le pendenze accentuate. Noi l'abbiamo trovato in condizioni buone, 20 cm di polvere non ventata e fondo duro quindi non ci ha creato grosse difficoltà. In alto, la traccia è diversa rispetto a quella estiva.
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline Jader

  • Full Member
  • ***
  • Post: 100
  • Sesso: Maschio
  • Never stop exploring!
  • località di residenza: Bussolengo
Usualmente d’inverno non esco dalle mie zone (piccole e prealpi) ma volevo dare un colpo “al  90º “ a questo inverno secco prima di archiviare le picche..obbiettivo proprio zona Pejo, Val Venezia...pensavo a Cima Marmotta o la Pontevecchio partendo da Malga Mare. :)
Jader
"L’alpinismo è salire per la via più facile alla vetta, tutto il resto è acrobazia" (cit. B.Detassis)