[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano

Autore Topic: [CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano  (Letto 2354 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.041
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

In vetta a Cima Boai con vista sui "giganti" del Gruppo del Cevedale: da Punta S. Matteo 3678 al M. Vioz 2645

Avevo adocchiato spesso questa cima isolata sopra Vermiglio, che sovrasta la meravigliosa e ampia Val Comasine sul versante nord. Vista la stagione avanzata però decido la salita dal versante sud, almeno sto al sole invece che in ghiacciaia.


Scendendo dal versante Est con vista sulla Presanella

Parto da Fraviano 1260, sopra Vermiglio. Ho in mente il solito giro ad anello però le info sono scarse, l’idea è infatti di tentare di scendere dal versante Est.  Volevo partire da Dasare 1309 ma mi infogno con l’auto in un intrico di stradine strettissime dentro il paese per cui rinuncio. Parto tardissimo dopo le 10.15, quindi piglio il sentiero 126, piuttosto avaro di indicazioni, specie ai bivi con nuove strade forestali dove manca qualunque indicazione. Grazie al gps del cello mi destreggio bene.


Larici "incendiati" di colori meravigliosi, in alto la Presanella

Verso Colle di Boai
Val Saviana, sullo sfondo la dorsale di Cima Palù

"Sfumature di larici"...

L’inizio è assai ripido, solo verso i Masi Saviana la stradella diventa meno erta. Raggiunta Malga Saviana 1917, faccio breve sosta e poi riparto, il tempo stringe e le ore di luce sono poche: non voglio trovarmi al buio su terreno ignoto e per di più fuori traccia.


Salendo per l'ertissimo sentiero 126, sullo sfondo l'Alta Val Saviana

Breve sosta a Malga Saviana

L'erta micidiale per il Colle Boai

Il versante nord della forcella di Colle Boai, in centro la dorsale di Cima Palù, sullo sfondo il Redival

Il paesaggio è bellissimo coi boschi di larici “incendiati” di colori. Abbandono il sentiero per la Bocchetta Saviana per affrontare la micidiale rampa che sale al Colle Boai 2588, un canalone davvero ripidissimo. La traccia con segnavia 126 è appena visibile tra l’erba stopposa e scivolosa, bisogna stare attenti, un inciampo e si fila a valle senza scampo. Il sentiero sale a stretti zig zag e diventa sempre più ripido man mano che si sale. Poco sotto la forcella incontro tre indigeni che stanno scendendo:  mi rassicurano sulla discesa per versante est come avevo previsto, ci sono costoni ampi e poco ripidi, anche se senza sentiero.


I tre indigeni scendono dal ripido canalone verso Val Saviana

Punta Taviela, Punta Linke e M. Vioz

Vista sulla Presanella

Cima Forzellina al centro vista salendo a Cima Boai

Raggiunta la forcella di Colle Boai 2588 si apre uno spettacolo eccezionale, ma ci vuole ancora mezz’ora per facile cresta e sono finalmente alla Cima Boai 2685, dopo circa 4 ore di dura salita. Panorama eccezionale a 360 che spazia dalla Presanella alle Dolomiti di Brenta, fino al Vioz. Divoro i panini, faccio foto, guardo i panorami sconfinati e poi tocca scendere purtroppo, sono già le 15 passate e ho appena due ore e mezza di luce.


In vetta a Cima Boai,  vista sulla Valle Comasine e il Vioz sullo sfondo al centro

Dalla cima verso la Val di Sole, sullo sfondo a sx il Brenta

Vista verso la Val di Pejo, a sx il vioz

Superata una pietraia facile poco sotto la cima, calo per l’ampia dorsale pratosa senza grosse difficoltà, non ci sono tracce ma l’orientamento è elementare. Arrivato ad un rudere di una baita, come mi avevano detto i tre indigeni, trovo qualche traccia discontinua che mi permette comunque di abbassarmi di quota evitando l’erba secca assai scivolosa.


La discesa per il versante est di Cima Boai non ha sentieri o tracce, ma è piuttosto facile

Le praterie d'alta quota: l'erba secca è piuttosto scivolosa

Scendendo per il versante est, ci siamo: il rudere della baita e la radura in basso a cui puntate per scendere verso Malga Boai

Calando verso valle tiro le somme: un'altra giornata spaziale... :)

Il versante est digrada dolcemente con ampie balze

Grazie al Gps del cello trovo facilmente la direzione per una radura a monte di Malga Boai: trovo una buona traccia nel bosco che cala di quota fino a due baite ristrutturate, da dove scende una ripida strada forestale che mi conduce a Malga Boai 1807. Ora il più è fatto, ormai sono sulla forestale e se arriva il buio sono al sicuro. Dalla malga tuttavia decido di tagliare per una vecchia stradella, senza indicazioni, che mi permette di evitare i larghi tornanti della forestale, risparmiando diversi chilometri, fino a intercettare la forestale più in basso verso la chiesetta di Dasare a quota 1309.


Il sole cala inesorabile e le ore luce si assottigliano; vista sulla Presanella

Di qui rientro alla macchina alle 17.30 giuste giuste, ha appena fatto buio ma ancora una volta sono sano e salvo. Una possibile alternativa per un rientro più largo era scendere per la cresta nord del monte Mason, interccetare la forestale e rientrare dai Masi Gaggio per un traversone di cui però, nonostante sia segnato sulle carte, nessuno sa nulla.


Ultimi raggi di sole a Malga Boai, ma ora sono al sicuro sulla strada forestale

Quasi buio...

Scendendo verso Fraviano all'imbrunire, incontrando bellissime baite...

Ed eccomi arrivato al termine della escursine, alla bella piazza di Fraviano dove ho la macchina

In conclusione un giro magnifico e ultrapanoramico, in posti pochissimo o per niente battuti. Tecnicamente non difficile, anche se bisogna arrangiarsi con l’orientamento per scendere dal versante Est senza sentiero o traccia. Dislivello 1425, sviluppo 16 km.


Il percorso

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.364
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #1 il: 06/11/2016 10:24 »
Bella lì Agh!  ;) Come ti dicevo, ho percorso alcune parti della tua stessa gita qualche giorno prima. Ho notato che ci sono diversi sentieri non ufficiali che però sono discretamente segnati e permettono di variare di molto l'itinerario. Nei pressi di Malga Saviana io ho deviato a destra verso Malga Boai e poi sono salito in direzione della dorsale sud est
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline giesse59

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 307
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Migliarino Pisano (PI)
[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #2 il: 06/11/2016 11:25 »
Davvero un giro spaziale  :)

La mia unica salita (cui si riferisce la foto) alla Boai è stata nel 2004, dalla Val Comasine, anche da quel versante bella lunga e, nella prima parte da Pejo Fonti, anche bella ripida. Ricordo che al Colle Boai c'era il segnavia che indicava la traccia per Vermiglio, quasi "apuana" nella sua ripidezza e nell'essere poco visibile nell'erba alta. 

Una domanda, che sentiero è quello così evidente nella neve nella foto in cui si vede il Redival?


Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.041
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #3 il: 06/11/2016 11:49 »
E' quello che sale alla forcella di Colle Boai, versante nord, salendo da Val Comasine

Offline giesse59

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 307
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Migliarino Pisano (PI)
[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #4 il: 06/11/2016 14:50 »
ok, grazie.

E' quindi quello che ho salito io 12 anni fa, me lo ricordavo più stretto ... o forse è l'effetto del bianco della neve che lo "amplifica" dal punto di vista visivo.
 

Offline miki

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.156
  • Sesso: Maschio
  • Miky
Re:[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #5 il: 29/05/2017 21:09 »
Ieri sono stato in zona, precisamente ho raggiunto la bocchetta saviana partendo da fraviano. Da quest'ultima guardando a sinistra, a sud ovest verso il monte Palù c'è una bella traccia. Ne ho percorsi senza alcuna difficoltà qualche centinaio di metri fino ad una cimotta, da li la traccia proseguiva invitante ma l'ora (e la morosa ;D) ne sconsigliavano il proseguimento. Presumibilmente porta alla cima del Monte Palù.. L'avete mai percorsa? alla cima ci si arriva con la medesima facilità? Prosegue? mi piacerebbe intercettare il sentiero che sale al redival (ma mi sa dura :-\)

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.364
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #6 il: 30/05/2017 10:08 »
Ieri sono stato in zona, precisamente ho raggiunto la bocchetta saviana partendo da fraviano. Da quest'ultima guardando a sinistra, a sud ovest verso il monte Palù c'è una bella traccia. Ne ho percorsi senza alcuna difficoltà qualche centinaio di metri fino ad una cimotta, da li la traccia proseguiva invitante ma l'ora (e la morosa ;D) ne sconsigliavano il proseguimento. Presumibilmente porta alla cima del Monte Palù.. L'avete mai percorsa? alla cima ci si arriva con la medesima facilità? Prosegue? mi piacerebbe intercettare il sentiero che sale al redival (ma mi sa dura :-\)

Ciao Miki.. Io ho fatto tutta la traversata fino al Redival.. Ho trovato difficoltà sulla cresta verso il Palù tanto che sono sceso poco sotto e ho fatto il grande pendio sulla sinistra. Poi, da lì al Redival, è abbastanza facilotta.
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline Ste82

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 80
  • località di residenza: Rumo, TN
Re:[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #7 il: 22/11/2018 16:00 »
Domenica ho tentato di salire a Cima Boai percorrendo questo itinerario, partendo da Fraviano e passando da Malga Saviana, per salire poi lungo il sentiero SAT 126 lungo il fianco ripidissimo che scende dal Colle Boai.
Ebbene, non me l'aspettavo così ripido...cavoli  :o :o
Sarò arrivato un centinaio di metri sotto il Colle ma ho preferito tornare indietro, troppo ripido ed esposto, erba secchissima e scivolosissima come il sapone e neve a tratti lungo l'esile traccia del sentiero, ho avuto il mio bel daffare per tornare sano e salvo senza scivolare giù, se lì si parte non ci si ferma più e si scivola giù fino in fondo, non mi è piaciuta molto come esperienza, anzi.
Ad ogni modo, giornata bellissima, tempo stupendo e la Presanella sempre davanti!
Di sicuro voglio ritentare la salita magari quest'estate, con l'erba non così secca e senza neve.

Il fianco ripidissimo che sale al Colle Boai visto da sotto



Da poco sotto Colle Boai, vista verso Presanella, Cima Busazza, Cima Presena etc



Verso il Rédival



Presanella e Cima Vermiglio



Zoom sulla Presanella e sulla parete nord




Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.041
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #8 il: 22/11/2018 23:50 »
Bello! :) In effetti è molto ripido, con neve è ancora più ostico. Utili i ramponcini in questi casi. Rinunciare richiede sempre un po' di "coraggio", ma è giusto non insistere se non si è convinti e non ci si sente sicuri. La montagna resta lì e si può tornare con condizioni migliori

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk
« Ultima modifica: 23/11/2018 07:08 da AGH »

Offline Ste82

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 80
  • località di residenza: Rumo, TN
Re:[CEVEDALE] Cima Boai m 2685, anello da Fraviano
« Risposta #9 il: 27/11/2018 19:53 »
Bello! :) In effetti è molto ripido, con neve è ancora più ostico. Utili i ramponcini in questi casi. Rinunciare richiede sempre un po' di "coraggio", ma è giusto non insistere se non si è convinti e non ci si sente sicuri. La montagna resta lì e si può tornare con condizioni migliori

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk

Sì, ti dirò che mai come questa volta son stato davvero contento di aver rinunciato alla cima, che di per sé costa sempre un po' di fatica. La pelle viene prima della conquista della vetta...spirito di sopravvivenza :D :D