Autore Topic: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca  (Letto 10131 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
[VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« il: 04/09/2007 14:27 »
Stavo osservando sulla carta il gruppo isolato della Vegaia-Tremenesca, nel quale non sono mai andato, tra la Val di Rabbi e la Val di Sole. Sulla carta pare interessante, ma qual è l'accesso meno ostico? :)

Esclusa l'idea di partire da Mezzana, dove il dislivello è mortale, forse si può salire un po' di quota dalle stradelle che si vedono sulla carta?
« Ultima modifica: 04/09/2007 23:03 da AGH »

Smit

  • Visitatore
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #1 il: 04/09/2007 14:45 »
Stavo osservando sulla carta il gruppo isolato della Vegaia-Tremenesca, nel quale non sono mai andato, tra la Val di Rabbi e la Val di Sole. Sulla carta pare interessante, ma qual è l'accesso meno ostico? :)

Esclusa l'idea di partire da Mezzana, dove il dislivello è mortale, forse si può salire un po' di quota dalle stradelle che si vedono sulla carta?


Ho fatto la cima a fine aprile di quest'anno.
Sicuramente ti conviene parcheggiare lungo la strada bianca dopo l'abitato di Ortise' che si raggiunge imboccando una strada a destra salendo la val di sole tra gli abitati di Mezzana e Pellizzano.
Il panorama dalla vetta non e' affatto male!

Offline Guido

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.379
  • Sesso: Maschio
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #2 il: 04/09/2007 16:27 »
da quelle parti, lungo la stessa catena si sale anche al lago rotondo salendo e parcheggiando dopo il paesino di menas a partire nei pressi di mezzana, sono 1200 metri fino al passo della valletta che è a 2700, ma da lì si gode una vista magnifica sul lago rotondo e le maddalene meridionali, sono quelle belle montagne pratose e verdissime quasi fino alla cima che sono le mie preferite...avevo guardato anch'io per cima vegaia, ma quanto dislivello hai fatto poi partendo da ortisè?
"...sarà da chiedersi se esistano ancora escursionisti capaci di divertirsi sulle medie difficoltà, per trovare sè stessi anche in una giornata senza ambizioni, trascorsa serenamente all'insegna della natura più delicata." Giampaolo Sani

Smit

  • Visitatore
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #3 il: 04/09/2007 17:04 »
avevo guardato anch'io per cima vegaia, ma quanto dislivello hai fatto poi partendo da ortisè?

Lasciando la macchina lungo la strada poco dopo il paese (circa a quota 1450m) il dislivello fino alla cima rimane di circa 1400m. La prima parte su strada forestale fino poco dopo il limite della vegetazione, quindi ci si "arrampica" sui ripidi pendii erbosi fino ad una specie di anticima e poi per una cresta di roccia si raggiunge la vetta.

Il panorama dalla cima e' molto suggestivo...spiccano alcune delle montagne del giro delle 13 cime dell'Ortles-Cevedale e dalla parte opposta si puo' ammirare la Presanella e piu' in lontananza il gruppo di Brenta.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #4 il: 04/09/2007 19:49 »
ma da ortisè si può salire ancora con l'auto? io vedo sulla carta una stada che sale addirittura fino malga Bronzolo 2083 o o del Monte Alta 2106 ma sarà certamente chiusa?

L'idea era di salire al passo valletta, vedere sto benedetto lago e poi salire la cima più interessante: tremenesca è la più alta, ma cima Mezzana mi pare più panoramica, quale è meglio? Tremenesca poi vedo un crinalone, da che parte è meglio salire senza necessariamente ammazzarsi? :)

Vedo sulla carta che ci sono accessi anche dalla val di rabbi ma da s. bernardo si parte da 1085 :( oppure dalla strada di malga stablet m 1589 (a nord ovest di M Polinar) che pare più corta anche se ho grossi dubbi sulla sentieristica...

Smit

  • Visitatore
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #5 il: 05/09/2007 09:00 »
ma da ortisè si può salire ancora con l'auto? io vedo sulla carta una stada che sale addirittura fino malga Bronzolo 2083 o o del Monte Alta 2106 ma sarà certamente chiusa?

Si, per un tratto si puo' salire, poi c'e' uno slargo dove si lascia l'auto e si prosegue a piedi...a meno di permesso ovviamente!

L'idea era di salire al passo valletta, vedere sto benedetto lago e poi salire la cima più interessante: tremenesca è la più alta, ma cima Mezzana mi pare più panoramica, quale è meglio? Tremenesca poi vedo un crinalone, da che parte è meglio salire senza necessariamente ammazzarsi? :)

Personalmente ho fatto la parte piu' a ovest della zona.
Ho seguito la strada per malga Pozze, poi ho tagliato per prati fino alla cima Vegaia. Le cime che citi tu stanno piu' a est e non le ho fatte.

Vedo sulla carta che ci sono accessi anche dalla val di rabbi ma da s. bernardo si parte da 1085 :( oppure dalla strada di malga stablet m 1589 (a nord ovest di M Polinar) che pare più corta anche se ho grossi dubbi sulla sentieristica...

Da Rabbi dovrebbe esserci il sentiero 121 che passa per il lago di Soprasasso e il lago Rotondo e quindi il passo Valletta. Per esperienza so che da malga Polinar fino a Soprasasso non esistono sentieri segnati, solo tracce di sentiero tipiche dei cacciatori (peraltro molto panoramiche). Per raggiungere Soprasasso esiste un sentiero da Rabbi (forse sempre il 121).
In ogni caso sia Soprasasso che il lago Rotondo (ed eventualmente lago Alto) una visitina la meritano. E' un posto dove e' molto frequente incontrare camosci!

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #6 il: 05/09/2007 09:57 »
grazie per le dritte smit, ora studio ancora un po' le carte... :)

A proposito di carte: io ho una pessima kompass 1:35.000 n 095 :(
Poi ho la komapss 648 in 1:25.000 che piglia la vegaia ma non la zona a sud di cima mezzana
Esistono altre carte a 1:25.000?

Smit

  • Visitatore
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #7 il: 05/09/2007 10:22 »
A proposito di carte: io ho una pessima kompass 1:35.000 n 095 :(
Poi ho la komapss 648 in 1:25.000 che piglia la vegaia ma non la zona a sud di cima mezzana
Esistono altre carte a 1:25.000?

Anche io ho la Kompass n. 095...  :-\
Se non erro esiste la Tabacco 048 (Val di Peio Rabbi Sole) 1:25.000, magari...
« Ultima modifica: 05/09/2007 10:24 da Smit »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #8 il: 05/09/2007 10:44 »
la kompass 095 è veramente uno schifo :) Sembra un ingrandimento maldestro della 50.000  :P

Smit

  • Visitatore
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #9 il: 05/09/2007 10:55 »
la kompass 095 è veramente uno schifo :) Sembra un ingrandimento maldestro della 50.000  :P

Dai un'occhiata qui:
http://www.marilleva.it/it/estate/cartina.htm
Vai alla sezione "VERSANTE NORD (Zona di Mezzana)": gli itinerari dal 33 in poi potrebbero fare al caso tuo!
« Ultima modifica: 05/09/2007 10:59 da Smit »

Offline Guido

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.379
  • Sesso: Maschio
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #10 il: 05/09/2007 11:06 »
La salita al passo valletta da s. bernardo è improponibile, l'ho fatta in discesa e c'ho messo più di 3 ore, è veramente ripida e non lascia mai fiato... considerate che sale a fianco delle cascate...comunque con un passaggio in macchina a s.bernardo e guardando la parete ci si rende subito conto...

la cresta che sale a sx del passo valletta verso la vegaia è impestata e piena di sfasciumi, non so dopo...cmq guardo se ho qualche foto in merito e poi la posto...
"...sarà da chiedersi se esistano ancora escursionisti capaci di divertirsi sulle medie difficoltà, per trovare sè stessi anche in una giornata senza ambizioni, trascorsa serenamente all'insegna della natura più delicata." Giampaolo Sani

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #11 il: 05/09/2007 11:07 »
grazie! :)

certo che la salita alla tremenesca stando alle carte è un rebus... a parte che non c'e' nessun sentiero o traccia... non si capisce quale sarebbe la via di salita piu fattibile...
Ma tutto dipende dal dislivello, ovvero da che quota si può raggiungere al punto di partenza con l'auto. Perché se arrivo al passo valletta già "cotto" per me è la fine. Posso arrivare al massimo a 1500-1600 complessivi, ma sono già al limite e non ho molta voglia di fare scalcagnate :)

L'ideale sarebbe un 1300 di dsl...
« Ultima modifica: 05/09/2007 11:13 da AGH »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #12 il: 09/09/2007 22:12 »
Tremenesca "conquistata" ma è stato un vero massacro :)
Anche piuttosto pericoloso perchè i versanti sono ripidissimi e rognosissimi tra pietraie selvagge, salti di roccia, ghiaino scivolosissimo... nessuna sentiero, nessuna traccia... insomma una ravanata come ai vecchi tempi. Ora sono groggy, domani posto relazione :)

In ogni caso, paesaggi fantastici!!!!

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.352
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #13 il: 10/09/2007 14:44 »

Lago Rotondo m 2427

Ecco la relazione alla salita di Cima Tremenesca m 2882 come promesso :)

Le difficoltà iniziano fin da subito, dopo il paese di Menas non ci sono indicazioni, salvo quelle per Malga del Monte Bassa, che non interessa. Infatti la stradella giusta è quella che al bivio sale sulla sinistra, si sale di poco in auto fino a quota 1600 circa. Si parte con baldanza lungo la stradella che sale con vigorosi strappi per poi diventare sentiero. Si sale fino a circa 1900 metri quando il sentiero traversa sull'altro versante e si incontra una strada forestale che non c'e' sulla pessima carta kompass 095 in scala 1:35000. Poco male,  riprendo a salire e poco dopo finalmente il paesaggio si apre con vista grandiosa sulla val di Sole e sul Brenta. Eccoci a Malga del Monte Alta m 2106. Qui arriva anche la mazzata psicologica. Il cartello dice: Passo Valletta h 1.50. Ho sottovalutato le distanze sulla carta, abituato alle 1:25.000. Il gruppo di montagne è molto arretrato rispetto al fondovalle, dove non si vede neppure. Breve sosta alla malga (con locale sempre aperto, senza brande, fontana all'esterno) e ripartenza.

Si sale la bella dorsale pratosa sopra Malga del Monte ma ben presto il sentiero di perde nell'erba. Delle tracce maligne mi inducono a scendere dalla dorsale e quando ho perso troppa quota mi accorgo che finirò nel solito casino di sfasciumi ed erba alta. Poco male, scendo nel vallone e riattacco a salire, quindi riprendo il sentiero 121 che con ampi zig zag risale delle bellissime balze erbose fino sotto lo strappo finale del passo. Sulla pessima Kompass non è chiaro dove sia e quanto sia alto Passo Valletta, pare strano che cima Valletta sia alta solo 2694 metri! Infatti quella è la quota del passo Valletta, 2691 metri per la precisione come recita il cartello. Il panorama che si apre arrivando al passo è fantastico! Si vedono i tre magnifici laghi in sequenza con colori diversi: uno azzurro, uno verde e quello piu basso color blu cobalto. Faccio una sosta per rifiatare, mi sono già ciucciato 1100 mt di dislivello.

Arrivano da Cima Mezzana, scendendo per sfaciumi orrendi e con l'aria abbacchiata, due tizi (gli unici incontrati in tutta la giornata), anzi una coppia: sono duramente provati, hanno risalito la cresta sud di cima mezzana, un casino allucinante dicono. Ora proseguono per cima Valletta, che pare la cima a ovest sopra al passo con la croce, e invece è molto piu arretrata verso nord. Gli chiedo quale è secondo loro cima Tremenesca (dal passo non si capisce), estraggono un libro e mi indicano con sicurezza Cima Valletta :)

Riprendo il cammino e mi illudo di raggiungere Cima Tremenesca traversando a nord ovest,  senza alcuna traccia, per costoni erbosi  e senza perdere troppo quota. Passo sotto cima Valletta sul fianco est senza grosse difficoltà, quindi arrivo sul ciglio di un vallonazzo con pietraie che mi separa da quella che credo sia Cima Tremenesca. Prima di buttarmi nel vallonazzo mi viene l'idea di osservare meglio da un piccolo poggio nei pressi. Quando l'ho salito mi accorgo con orrore che non è cima Tremenesca quella che mi sta davanti, ma che è la cima che sta un bel po' DIETRO! Che fare? Non si vede la cresta quindi non si sa se si può traversare o meno. Considerando le creste circostanti tutte molto tormentate e rognose, decido di non rischiare e di scendere di quota, aggirare la montagnazza che mi sta davanti e pigliare il vallone giusto. La discesa, pur di evitare il vallonazzo con pietraie oscene, è insidiosa lungo una dorsale con salti di roccia poco simpatici. Riesco con difficoltà a scendere nel vallone e attraversando una dura pietraia arrivo finalmente nel ripidissimo costone erboso che si arrampica sul fianco est di Cima Tremenesca. La guida del Gadler se la cava sbrigativamente indicando la salita per "un intaglio" della cresta SE: grazie tante, ma quale? La cresta SE è tutta un casino di intagli!

Sono colto da molti dubbi: salire? Rinunciare? Il costone est sembra davvero molto ripido. Decido di provare ad andar su, se diventa pericoloso torno indietro. Salgo faticosamente la rampa, bandando bene a dove metto i piedi. I primi tre quarti bene, l'ultimo tratto come prevedevo diventa ancora più ripido ma, quel che è peggio, finisce a ridosso della cresta rocciosa che è un ammasso incasinatissimo di macigni e sfasciumi. Con molto "intuito" riesco a trovare la via meno rognosa e arrivare fin poco sotto la cima, che è una placconata di roccia inclinata: dall'altra parte un orribile precipizio :)

Risalgo con attenzione anche la placconata e finalmente sono in cima, dove c'è a melapena il posto per sedersi. Il panorama è davvero grandioso, si vedono sotto i laghi della valle di Soprasasso, le Maddalene, il Brenta, la spettacolare valle di Cercen con lo sfondo i ghiacciai del Cevedale.

Sono abbastanza stanchino e ora c'e' il problema del rientro: l'idea è di evitare il costone ripido e insidioso della salita e traversare via per le creste, che però si rivelano ben presto impraticabili. Sono tutti macigni instabili e franosi. Scendo allora sul fianco est di Cima Tremenesca per un canalino franoso un po' meno ripido, fino a che non intercetto una traccia di sentiero che traversa verso sud. E' larga quanto uno scarpone, la seguo con molta attenzione traversando diversi tratti esposti. Dopo appena 500 metri la traccia si perde in una pietraia oscena che sono costretto ad attraversare, per poi risalendo un'anticima di 2800 metri. Dalla vetta mi rendo conto di essere finalmente di fronte al vallonazzo che avevo aggirato all'andata. Poco male, scendo, risalgo le pietraie e sono finalmente a nord-est di Cima Valletta, in vista di Passo Valletta che raggiungo facilmente per la stessa via dell'andata. Quindi inizia la lunga discesa. L'idea di fare una digressione verso i fantastici pascoli che scendono a Malga Bronzolo viene scartata per l'ora un po' tarda e la fatica che si fa sentire. Arrivo alla macchina dopo la lunghissima discesa con i piedi che FUMANO. Levo le scarpe e sono sicuro che gli effluvi potrebbero uccidere all'istante qualsiasi esemplare di zanzara tigre nel raggio di 1800 metri.

Conclusione: gran bel giro ma veramente incasinato e piuttosto faticoso. La bellezza strepitosa dei posti vale sicuramente la sfacchinata. Oltretutto ora sarebbe tutto relativamente più semplice dopo essermi schiarito le idee con questa prima esperienza :)
« Ultima modifica: 14/07/2015 20:22 da AGH »

Offline Guido

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.379
  • Sesso: Maschio
Re: [VEGAIA - TREMENESCA] Cima Tremenesca
« Risposta #14 il: 10/09/2007 15:14 »
cavoli, complimenti!!! :o si salito a sx del passo valletta? è quella li la tremenasca? (la cartina l'ho su nella casa in montagna) te l'avevo detto che era bello sto benedetto lago rotondo ;D ;D ;D
"...sarà da chiedersi se esistano ancora escursionisti capaci di divertirsi sulle medie difficoltà, per trovare sè stessi anche in una giornata senza ambizioni, trascorsa serenamente all'insegna della natura più delicata." Giampaolo Sani