Ed anche Passo Coe è stato finalmente "valorizzato" :(((

Autore Topic: Ed anche Passo Coe è stato finalmente "valorizzato" :(((  (Letto 1872 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.236
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Gli impiantisti di Folgaria, a furia di dai e dai, sono riusciti a ottenere i permessi per realizzare il bacino artificiale che serve per l'innevamento  delle piste. Il "laghetto", di ben 100.000 m3, è il più grande mai realizzato per questo scopo in provincia di Trento. A pochi passi dall'ex Base Militare Nato e da Malga Zonta, è alimentato dagli acquedotti di Francolini e Costa, di proprietà della Carosello Ski, e dovrebbe servire anche da "attrazione turistica". Ora, ammesso e non concesso che il bacino si dovesse fare a tutti i costi, non credo sia necessario essere dei paesaggisti per dire che l'impatto visivo fa schifo: cosa c'entrano le spiagge di pietrame laddove nei dintorni ci sono solo prati e pascoli? E quei due orrendi ponticelli di cementa, con tanto si svaso su letto di pietre che c'entrano niente col contesto, erano davvero indispensabili? Ragioni tecniche, si dirà. Intanto un'altra zona paesaggistica di pregio è stata violentata per favorire gli impiantisti di sci.
(foto di Claudio Raffaelli)
« Ultima modifica: 13/07/2013 18:11 da AGH »

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Wow che bel pugno nell'occhio  >:( Ma vuoi mettere quanti bei soldini che portano in inverno gli sciatori? Altre piste, altri impianti..... E avanti così  >:(
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.422
In tutti i paesi più sensibili al tema ecologia ed anche al problema di calcolare il rapporto costi/benefici,quando si è trattato di valutare l'opportunità di consumare territorio,oltretutto di pregio,per infrastrutture sciistiche si è deciso per un secco no quando la zona è a quote basse.E' innegabile che la zona di Folgaria sia destinata al declino dell'attività sciistica per ragioni climatiche e questo malgrado le eccezioni come l'inverno passato,che per chi studia meteo e ambiente non fà testo.....
Con meno impatto e più ritorno,la zona poteva essere "valorizzata" curando i percorsi per MTB abbinandoli ad un recupero delle attività storiche delle malghe e ad alle tracce della GGuerra.
Del resto quando la mediocrità imprenditoriale si incontra col bassissimo profilo intellettuale degli amministratori e,spesso, con l'ignoranza dei valligiani facilmente preda dei miraggi economici più improbabili,il risultato è scontato

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.236
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
In tutti i paesi più sensibili al tema ecologia ed anche al problema di calcolare il rapporto costi/benefici,quando si è trattato di valutare l'opportunità di consumare territorio,oltretutto di pregio,per infrastrutture sciistiche si è deciso per un secco no quando la zona è a quote basse.E' innegabile che la zona di Folgaria sia destinata al declino dell'attività sciistica per ragioni climatiche e questo malgrado le eccezioni come l'inverno passato,che per chi studia meteo e ambiente non fà testo.....
Con meno impatto e più ritorno,la zona poteva essere "valorizzata" curando i percorsi per MTB abbinandoli ad un recupero delle attività storiche delle malghe e ad alle tracce della GGuerra.
Del resto quando la mediocrità imprenditoriale si incontra col bassissimo profilo intellettuale degli amministratori e,spesso, con l'ignoranza dei valligiani facilmente preda dei miraggi economici più improbabili,il risultato è scontato

il problema sta soprattutto nel manico: finché la Provincia finanzia i "caroselli" ti credo che son tutti lì a volerli fare! In quale altra attività imprenditoriale hai contributi pubblici che arrivano a coprire ben oltre la metà del costo dell'investimento?
Anche secondo me gli Altipiani, che sono bellissimi, potrebbero essere come dici tu valorizzati in ben altro modo: natura, MTB, escursioni, cultura, storia legata agli eventi bellici. Porrebbero essere un immenso giardino, ma ancora si insiste con gli impianti come negli anni '70 :(
Fossero poi chissà quali piste, le pendenze sono così modeste che tocca spesso spingere lungo i "collegamenti" tra una pista e l'altra :(

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.422
Già,oltre a "innevarli" con l'impiego dell'elicottero!