Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Innanzitutto Grazie per le tue precisazioni.
Da altre fonti, parrebbe che la traccia per la cima del Nona parta dall'ometto di pietra sopra citato (foto 1 pag 5 del pdf). Era però la ns unica opzione, se fosse stato evidenziato... se, invece, salivamo in cima dal Callare allora voleva dire rinunciare a mangiare dal rifugio (gia così ci siamo arrivati dopo 4h, camminando piano per gustarsi il tutto...) e la cosa un po' ci sarebbe dispiaciuta...
Il percorso scelto deriva dal fatto che facendo una trasferta non banale come lunghezza, non si potevano fare tracciati più diretti che sarebbero risultati troppo corti...
In verità , pur facendo un minimo di ricerca sul web non ho trovato relazioni specifiche sul giro in parola (una si, ma lo facevano all'incontrario sostanzialmente...)
comunque a noi è piaciuto molto e non essere andati in cima al Nona sarà un ottima scusa per ritornarci...
2
Racconti di montagna / Re:Il racconto di una valanga
« Ultimo post da AGH il Oggi alle 08:01 am »
Questi post fanno capire, credo, quanto il confine tra una giornata spensierata e di gioia in montagna e la tragedia sia, a volte,  molto sottile :(

Grazie anche a te Jako per la condivisione
3
Estero / Re:[CORSICA] - Una settimana di escursioni in Haute-Corse
« Ultimo post da kobang il Ieri alle 09:41 pm »
Allora potrebbe essere un posto di riserva per future skialp!
4
Estero / Re:[CORSICA] - Una settimana di escursioni in Haute-Corse
« Ultimo post da radetzky il Ieri alle 09:28 pm »
Anch'io ho ricordi bellissimi. E' uno dei pochissimi posti in cui vivrei molto volentieri.
Onore al merito dei Corsi per aver saputo difendere con i denti, ed anche con altro  ;) , la loro isola, assolutamente unica !
P.S. in quanto alla neve...settimana scorsa è nevicato molto più che sulle Alpi !
5
Estero / Re:[CORSICA] - Una settimana di escursioni in Haute-Corse
« Ultimo post da southernman il Ieri alle 09:23 pm »
La Corsica è splendida, purtroppo l'ho visitata solo in ambito marino. Ma mi ricordo le acque cristalline dei suoi ruscelli. E poi il fascino della traversata delle montagne in Panda 30. Trentaquattro anni fa...
6
Estero / Re:[CORSICA] - Una settimana di escursioni in Haute-Corse
« Ultimo post da kobang il Ieri alle 08:30 pm »
Che bello,mi riporta agli anni in cui la Corsica la frequentavo spesso:bellissimi voli in parapendio,conquistati con faticose salite a piedi,qualche spettacolare arrampicata a picco sul mare,con la doppia di discesa conclusa con un tuffo nel blu(!)
L'interno è selvaggio come lo ricordo;nei vari trecking si incontravano branchi di maiali selvatici,talvolta piuttosto...invadenti.
Mi piacerebbe anche ripetere l'esperienza di scialpinismo su quei monti :chissà se capitano ancora nevicate come un tempo da quelle parti.
Complimenti per il reportage e le foto!
7
Racconti di montagna / Re:Il racconto di una valanga
« Ultimo post da piesospinto il Ieri alle 08:02 pm »
Accidenti yakopuz, mi vengono i brividi!
Nemmeno io penso sarei riuscito a raccontare e men che meno a scrivere l'accaduto se l'esito della mia vicenda non fosse stato positivo.
8
Estero / [CORSICA] - Una settimana di escursioni in Haute-Corse
« Ultimo post da piesospinto il Ieri alle 07:16 pm »
10-17 settembre 2017

Dopo mesi di anticiclone imperante, la prima decisa incrinatura meteo si è verificata proprio nella settimana in cui avevamo deciso di fare il nostro giro di esplorazione a medio raggio. E così, dopo aver progettato ben tre giri alternativi (gli altri due erano Alpi Carniche e Dolomiti Lucane + Pollino), all'ultimo momento le previsioni a medio termine ci hanno fatto propendere per la Corsica, che sembrava la zona globalmente meno a rischio.
Ci è andata molto bene: tanto per rendere l'idea, dalla Corsica, dove il tempo è stato decente anche se decisamente fresco, abbiamo visto i fulmini provocati dal terribile nubifragio che ha provocato alcuni morti a Livorno.

Ci siamo sbizzarriti con ben sette escursioni (al solito, a volte in MTB, a volte a piedi) spaziando tra Capo Corso, deserto des Agriates e la valli centrali: zona litoranea, media ed alta montagna. Abbiamo trovato sole, vento – MOLTO vento, freddo, nebbia, un po' di pioggia. Posti comunque bellissimi.

La cosa più bella? I commoventi pini larici delle valli centrali: alberi imponenti, che crescono in zone dal clima quasi impossibile. Da abbracciarli uno ad uno.

Ecco un assaggio di ciascun giro. Spero perdonerete qualche immagine non proprio 'montana'.

Capo Corso  - Sentier des douaniers da Tollare a Macinaggio

Si tratta di un bel sentiero costiero, che in alcuni tratti è a livello del mare, seguendo la spiaggia, in altri si eleva sulle alture costiere fino a 150 metri di quota con numerosi saliscendi. I paesaggi sono stupendi, le rocce, molto aspre, in alcuni tratti hanno un particolarissimo colore verde.
In effetti noi siamo partiti da Macinaggio ed abbiamo raggiunto Tollare per strade interne, per poi fare il sentiero in MTB (spesso spingendo la MTB, non è proprio molto ciclabile)


I borghi dell'entroterra sono inghiottiti dalla macchia.


Le particolari rocce di Capo Corso


Un tratto del sentiero costiero


Torre dell'Agnello con alle spalle il faro della Giraglia, isolotto molto noto ai velisti.


Questa è una 'scogliera vegetale': si tratta infatti di accumuli di posidonia, pianta marina importantissima per la produzione di ossigeno e per il suo contributo alla mitigazione del moto ondoso, e quindi alla protezione della costa.


Resti della torre genovese di Santa Maria


Deserto des Agriates – spiagge di Saleccia e Loto

Il deserto des Agriates non è un deserto, ma una zona ondulata di macchia dove in pratica non c'è nessuna costruzione. Si tratta di un posto abbastanza inospitale, vuoi per il caldo (in estate è un forno), vuoi per il vento, che spesso soffia impetuoso. Per arrivare alle spiagge di Saleccia e Loto, molto belle, si parte da Casta e si devono percorrere una quindicina di chilometri di pista sterrata e polverosa. Non consiglio di farla a piedi, il traffico di quad e fuoristrada è notevole anche fuori stagione. Molto meglio arrivare alle spiagge con il traghetto da St Florent e seguire il sentiero litorale, molto bello.
Come in altre zone forestali della Corsica, anche questa zona viene spesso chiusa per pericolo di incendio: giornalmente viene emesso un bollettino del tutto analogo al nostro bollettino valanghe, con la scala di pericolo per le varie zone. Molto utile per evitare di 'bruciarsi' una gita.


Si pedala su strade polverose


Una delle rarissime costruzioni nella zona


La meta è questa bellissima spiaggia


Il paesaggio degli Argiates al tramonto


Deserto des Agriates – da Ghignu a l'Arghiaghiu

Anche la cala di Ghignu si raggiunge tramite una lunga strada sterrata, una ventina di chilometri. Però questa è molto più dissestata e molto meno frequentata dai veicoli, quindi si presta ad una bella escursione. Inoltre in questa zona degli Agriates c'è una rete di sentieri più sviluppata che permette di disegnare degli anelli in parte sulla costa, in parte nell'interno. Il sentiero litorale che collega le varie baie è stupendo.


Nei pressi della spiaggia di Ghignu una serie di semplici costruzioni serve da punto tappa della traversata del sentiero litorale.


Una delle indicazioni del sentiero litorale


Un tratto del sentiero


Bagnanti in spiaggia


Valle della Restonica

Si passa dal mare all'alta montagna. La valle della Restonica è una delle valli più frequentate della Corsica centrale. L'idea era di fare un'escursione fino ai laghi di Melo e di Capitello, ma a causa del peggioramento del tempo ci siamo limitati alla salita in MTB lungo la strada che si inoltra per una quindicina di chilometri nella valle. Il paesaggio è molto interessante, con la stretta valle incassata tra rocce granitiche a cui si aggrappano alberi maestosi.


Nelle gole della Restonica


Alberi meravigliosi




Punta Artica – valle di Calacuccia

La valle di Calacuccia si trova alle pendici orientali del monte Cinto. Ha caratteristiche completamente diverse dalla valle della Restonica: è stretta nella parte bassa, mentre nella parte alta il paesaggio si apre e diventa più dolce (per quanto dolce possa essere l'aspro paesaggio corso).

Prendendo spunto da un bel report di edel sul lago di Nino (grazie!), troviamo la possibilità di salire finalmente una punta: saliti alla bocca a Stazzona per la seguiamo la cresta verso est. Il percorso è evidente ed anche segnato con ometti. Raggiungiamo così la cima di poco più di 2300 metri: nell'ultimo tratto siamo costretti ad andare a gattoni a causa del vento fortissimo. Scendiamo poi alla Bergerie des Inzecche e seguiamo il GR20 verso ovest fino alla bocca di San Pedru, chiudendo poi il giro alla Fonte di Poppagghia.
Meravigliose le foreste della parte bassa, mentre la parte alta ricorda molto le brughiere scozzesi.


Vista della valle del rio Colga, con il monte Cinto sullo sfondo


Gli ultimi, maestosi alberi si aggrappano alle rocce


Appare finalmente il lago di Nino


Salita verso la punta Artica


A pochi metri dalla cima, cercando di non farsi portar via dal vento


Verso nord, la stupenda valle di Travignano


La torbiera nei pressi del lago di Nino


Verso la bocca di San Pedru


Pino gigantesco

Capu Borba - valle d'Asco
 
La valle d'Asco è il punto di partenza classico per il monte Cinto. Noi abbiamo optato per una cima vicina di 2300 metri, Capu Borba, che ci permetteva di fare un percorso circolare.
Portate le bici a Haut Asco, siamo scesi di circa sei chilometri per la strada fino al ponte sul rio Manica, e abbiamo risalito tutta la val Manica. Ad una prima parte in una foresta stupenda, segue un tratto piuttosto monotono che permette di arrivare alla bocca Borba. Da qui saliamo il versante sud della cima. In discesa abbiamo seguito il percorso classico del monte Cinto, in un ambiente molto severo, fino ad Haut Asco, e poi in bici alla macchina.


Lungo il rio Manica


Pini larici di dimensioni enormi


Verrebbe da abbracciarli tutti


Betulle 'conserte'


La parte alta della salita è meno entusiasmante


Dalla sella, ecco la pietraia finale per Capu Borba


Il severo ambiente nella discesa comune con quella del monte Cinto, con la Tour Panchée


Poi si torna alla magnifica foresta


Sembra di essere in Yosemite walley


Pinzu Sordu – zona di Olmi-Cappella

Questa modesta elevazione sulla cresta a poca distanza dalla Bocca di a Battaglia, nell'entroterra dell'Ile Rousse era solo il pretesto per andare a vedere, in una giornata non bellissima, la zona del comune di Olmi-Cappella, un paese formato da una miriade di frazioni in una valle lontana da tutto, quella del rio Tartagine, chiamata anche valle Giussani.

Laciato il camper alla Bocca di u Prunu ci siamo addentrati in bici per una ventina di chilometri fino all'imbocco della val Malaja. Al ritorno siamo saliti alla Bocca di a Battaglia, per poi rientrare lungo cresta, in un giorno che purtroppo non offriva grande visibilità.
E' una zona che sicuramente merita di essere visitata anche a piedi, i vecchi tratturi che collegavano le frazioni devono essere spettacolari.


La chiesa di Olmi con, credo, la cima di San Parteo


Val Melaja e val Tartagine


La frazione di Forcili


L'itinerario in cresta


Questo dovrebbe essere il pese di Speloncato


Colori autunnali decisamente in anticipo, credo a causa della siccità
 
9
Racconti di montagna / Re:Il racconto di una valanga
« Ultimo post da yakopuz il Ieri alle 12:56 am »
Grazie Mauro e Nadia per avere voluto e trovato la forza di condividere momenti cosi intimi e drammatici. Mi ha toccato profondamente il vostro racconto. Ho rivissuto quello che mi è successo a Serodoli, non lontano da dove eravate voi, più di quindici anni fa. Purtroppo non a lieto fine. Non ho ancora trovato la forza di racccontalo se non a pochi amici.
10
Racconti di montagna / Re:Il racconto di una valanga
« Ultimo post da piesospinto il 17/11/2017 22:18 »
serve che se per sfiga vieni travolto mentre stai cercando un compagno, dopo un tot di tempo (quanto? non lo so...) in cui è immobile si commuta in trasmissione. Quello che mi pare strano è che si sia commutato da solo durante la ricerca e quindi in movimento...
L'ARVA (almeno il mio, ma credo sia un comportamento comune) commuta in automatico dopo 8 minuti che l'hai messo in ricerca, indipendentemente dal movimento. Poco prima (dovrebbero essere 30 secondi) emette l'allarme. Basta schiacciare il tasto e lui 'capisce' che non sei sepolto e rimane in ricerca. Dovrebbe essere un comportamento automatico di chi ricerca (uno dei tanti comportamenti automatici), è anche semplice perchè hai l'ARVA in mano e ti costa zero tempo schiacciare, ma io non sono mai arrivato ad 8 minuti in ricerche di prova, e non l'avevo mai sperimentato - come tante altre cose.
Pagine: [1] 2 3 ... 10