Autore Topic: [MARMOLADA] Col de Bousc m 2494 e le fantastiche Marmitte di Ciamorciaa  (Letto 3318 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.345
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Da Ciamorciaa verso Marmolada e Gran Vernel

Un itinerario poco conosciuto, sul versante nord della Marmolada, visto tante volte sulla carta ma mai fatto. Rompo dunque gli indugi perché ci sono molti elementi che mi attraggono: l’Avisio nascente, la Grande Guerra, i paesaggi glaciali, la meraviglia naturale delle Marmitte di Ciamorciaa.


Dove nasce l'Avisio

Paesaggi spettacolari sul letto dell'Avisio

Risalito il greto del rio, inizio ad alzarmi di quota

Voglio fare un anello con salita al Col de Bousc m 2490, poco sotto il Pian dei Fiacconi, dove c’era un presidio militare della Grande Guerra con una teleferica che portava in quota sul ghiacciaio gli approvvigionamenti. La spianata di Pian Trevisan in basso era un presidio strategico per le retrovie austriache che riforniva di materiali i soldati sul fronte della Marmolada e alla “Città di Ghiaccio”.


Il torrente Avisio in secca

La mulattiera segue una cengia sotto le rocce a picco

Parcheggio sul grande spiazzo lungo la strada che sale a Fedaia, e scendo in pochi minuti al Pian Trevisan, a monte della cava. Abbandono subito il sentiero e raggiungo l’alveo del fiume Avisio, una grande spianata di ghiaia dove scorrono pochi rivoli d’acqua. Risalgo il letto del torrente, dove sorprendentemente l’acqua scompare e proseguo per il “fiume di ghiaia” che si inoltra nel bosco con scorci spettacolari. In alto sono sovrastato dalle colossali bastionate rocciose del Gran Vernel che incombono quasi minacciose.


Gran Vernel e Roda de Mulon

Da Ciamorciaa

Dopo alcuni km la valle si biforca e intercetto il sentiero 619 che sale per la vecchia e bellissima mulattiera militare austriaca della Grande Guerra, realizzata dai prigionieri russi, con muri a secco e grosse massicciate nei tornanti. Si arrampica con larghi zig zag con pendenza costante su un grande spallone roccioso, percorrendo anche alcune cenge un po’ esposte. Circa a metà c’è una grossa targa dell’epoca degli artefici della spettacolare mulattiera.


Mulattiera della Grande Guerra realizzata dai prigionieri russi

Sguardo verso valle, con Penia in basso sovrastata dalla Crepa Neigra e a dx il Gruppo del Catinaccio

Roda del Mulon

Inizio delle Marmitte di Ciamorciaa

Rimontata la grossa dorsale la mulattiera spiana in una radura, il Pian de Scalet m 2032, dove c’era un accampamento militare dove arrivava una teleferica da pian Trevisan. Proseguo e in breve sono a Ciamorciaa (camosciaia in ladino), un valloncello con un piccolo torrente. Poco sopra una (brutta) briglia che convoglia l’acqua tramite i canali di gronda che vanno alla diga, si apre una meraviglia naturale: le Marmitte di Ciamorciaa, un fenomeno erosivo creato dall’acqua del ghiacciaio che ha scavato nel calcare un piccolo ma lungo canyon punteggiato di pozze d’acqua limpidissima come cristallo. Costeggio a lungo le marmitte, che sono a pochi metri dal sentiero, in alcuni tratti sono profonde anche 7-8 metri e bisogna sporgersi con prudenza: sul fondo tra una pozza e l’altra e scivoli d’acqua, scorre un piccolo rio che gorgoglia tra le rocce. Bellissimo.




Le marmitte di Ciamorciaa

Giunto a un colossale macigno le marmitte si esauriscono, la mulattiera fa una decisa svolta verso est, dove ci sono i resti di un altro grande accampamento militare con una piccola fontanella con l'acqua che sgorga dalla roccia: anche qui arrivava una teleferica da Pian Trevisan, che poi si diramava per il Gran Poz più in basso e verso il Col de Bousc in alto. Nella grande depressione del Gran Poz c’era un grosso acquartieramento militare, che nel 1916 fu travolto da una enorme slavina che fece 300 morti.


Vista su Sassolungo e Sella

Cime della Marmolada

Roda de Mulon, vista dal traverso per il Col de Bousc

Proseguo per il sentiero 619 in uno scenario epico, con la gigantesca Roda del Mulon 2883 a ovest, le cime della Marmolada verso sud. A monte del Col dele Baranchie il sentiero si biforca, un ramo scende verso il Gran Poz, io prendo quello alto che con un traversone su roccia attraversa dei magnifici paesaggi glaciali con una vasta placconata rocciosa con tratti di sentiero attrezzato (facili).


Cumulo di rovine di un appostamento militare con vista su Sassolungo e Sella

Sguardo verso le cime della Marmolada

Il traversone finale al Col de Bousc con tratti di cordino

Foto dell'epoca dal Gran Poz verso Col de Bousc: nel 1916 una valanga travolse il villaggio militare uccidendo 300 soldati

Sono finalmente alla base del Col de Bousc, coi ruderi delle fortificazioni militari. Da qui partiva l’ultimo tratto della teleferica che riforniva i trinceramenti in quota e soprattutto gli approvvigionamenti della incredibile “Città di Ghiaccio” scavata nelle viscere del ghiacciaio fino sotto Serauta e Cima Rocca.


Lo sperone del Col de Bousc

Foto d'epoca con le postazioni e l'arrivo della teleferica

In questa immagine 3D ho provato a ricostruire con Google Earth le gallerie e il sistema di teleferiche. Provo a salire alla cima, sono meno di 100 metri di dislivello ma c’è un traverso, breve ma esposto col solito ghiaino dolomitico, dove bisogna prestare attenzione. Superato questo ostacolo salgo per prati ripidi fino alle caverne di guerra della cima del Col de Bousc m 2494 con vista strepitosa verso tutto il ghiacciaio della Marmolada, purtroppo ridotto ormai al lumicino.


In azzurro le gallerie della Città di Ghiaccio, in blu le teleferiche da Pian Trevisan

Attenzione perché il versante est è un precipizio verticale da far paura. Dopo le foto di rito, visto che il tempo non è un granché, scendo alla base dove faccio una sosta panini. Chiaramente da questa parte sono svaniti il silenzio e la solitudine perché  c’è un discreto via vai di turisti verso il Pian dei Fiacconi che sale e scende.


Dalla vetta del Col de Bousc verso le cime della Marmolada

Le postazioni alla base del Col de Bousc

Dalla cima verso Cima Undici e Dodici e Pian dei Fiacconi

Postazione sulla cima con vista verso la Mesolina

Dalle postazioni di vetta verso il bacino di Fedaia

Vista verso il Sassolungo

Vista verso il Sella

Ruderi della Grande Guerra al Col de Bousc

Si scende a valle

Scendo per il sentiero spaccagambe su placche di roccia fino alla partenza della cabinovia, quindi cerco il sentiero 618 che si infila nella ripida valle sotto la diga di Fedaia, la Val de Ciampié. Arrivato sul fondovalle, guado l’Avisio ridotto a un piccolo rio che fa quasi tenerezza, e proseguo sull’altro versante per il bel sentiero 605 che procede in costa fino alla caratteristica Cappella sotto il Colmer con la statua del “Crist de Fedaa”. Quindi giù con ripida discesa gradinata fino al “Rif. Villetta Maria” (in realtà è un albergone che ha preso il nome della costruzione precedente, andata distrutta in un incendio). Di qui ritorno sul greto dell’Avisio e torno alla macchina per la stessa via dell’andata.


Il bel sentiero 618 che cala ripidi nella Val di Ciampié a valle della diga di Fedaia

Rieccomi a valle, ultimo sguardo in alto

La ripida discesa verso Pian Trevisan

Torno sul greto dell'Avisio asciutto

Ed eccomi a Pian Trevisan, sano e salvo anche stavolta :)

Bellissimo giro, abbastanza facile, nei maestosi panorami glaciali della Marmolada. Splendide anche le Marmitte di Ciamorciaa. Consigliato! Sviluppo 14 km, dislivello 900 metri. 


Il percorso

Offline Dellas

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 59
  • località di residenza: Cles (TN)
Bello come sempre, complimenti mi piacciono questi giri creativi e formativi :)

Noto che il ghiacciaio marmolada è abbastanza coperto da neve. Ci sono stato a inizio luglio e pensavo che in agosto sarebbe stato nudo, invece o ha nevicato da poco o ha resistito.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.345
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Veramente a me non ha fatto una bella impressione :(

Offline prabolin

  • Newbie
  • *
  • Post: 22
  • località di residenza: tesero tn
Buondì Ale, complimenti, Ti invidio sempre la qualità di "saper vedere"con gli occhi della macchina fotografica oltre a tutto il resto, naturalmente...
Giro fatto l'anno scorso con i popetti; noi abbiamo l'abitudire di partire prendendo prima un caffè, ragion per cui abbiamo parcheggiato alla villetta Maria e di lì ci siamo inerpicati sullo splendido sentiero.
Allego alcune immagini della giornata, lo sai che sono un pellicolaro e quindi sono bianco/nero, fatte subito dopo le marmitte verso la roda del Mulon e a pian dei Fiacconi, variante d'obbligo per la merenda dei marmocchi prima della discesa a valle (non con l'impianto naturalmente). Altra sosta da segnalare è la visita a quelle che erano trincee con le cucine, ancora visibili i resti dei grandi fuochi per le pentolone, che si trovano al passo Fedaia in pratica alla base del col de Bousc assieme ad una enorme caverna che serviva di riparo agli austriaci quando i "nostri" gli scatenavano da porta Vescovo tiri d'artiglieria.
Come già hai detto, è un'escursione altamente consigliata non fosse solo per la bellezza delle marmitte, ma per la maestosità delle cime che fanno da corona alla regina Marmolada.

roberto

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 237
  • località di residenza: Breganze (VI)
Complimenti per la scelta dell'itinerario, molto interessante!

Offline fililu

  • Full Member
  • ***
  • Post: 230
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Bellissimo in tutti i sensi. Ho sempre salito la Marmolada dalle vie "tipiche", questo giro è veramente fuori dal comune passaggio di folla, e non per questo meno interessante. Anzi direi ottimo.
Grazie come sempre per le foto e per gli spunti.....
Sicuramente da fare.

Offline Davidik

  • Newbie
  • *
  • Post: 3
  • località di residenza: treviso
Ciao, è disponibile il file GPS del tracciato?
grazie
Davide

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.345
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
certo, eccolo in allegato

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.345
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Come già hai detto, è un'escursione altamente consigliata non fosse solo per la bellezza delle marmitte, ma per la maestosità delle cime che fanno da corona alla regina Marmolada.
roberto

mi sono chiesto come sarebbe proseguire fuori traccia da sopra Ciamorciaa, dove c'è il grosso macigno e il sentiero svolta a sx. Non pareva proibitivo, si dovrebbe riuscire a intercettare il sentiero più in quota che va verso forcella Marmolada...

Offline Davidik

  • Newbie
  • *
  • Post: 3
  • località di residenza: treviso
certo, eccolo in allegato

Gentilissimo come sempre!

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 399
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Grazie AGH per l'ottima segnalazione.
Ieri abbiamo fatto questa bella escursione con qualche variante.
Guardando le tue foto e leggendo la tua considerazione sulla possibilità di collegarsi con il sentiero di forcella Marmolada, mi è venuto in mente che d'inverno per superare lo zoccolo roccioso si passa (generalmente in discesa) per il famoso canyon, e mi è venuta la voglia di vedere se si riesce a salire d'estate... Si può! O, meglio, trattandosi di un canyon, è opportuno dire che ieri si poteva.
Poi in discesa siamo passati a ovest del col dei Bousc, seguendo tracce militari radenti alla sua parete (resti di cucina austriaca), rientrando alla Fedaia per la condotta (sv 618).
Dato che il meteo reggeva e la gamba anche, siamo risaliti al Rifugio Viel dal Pan dalla parte opposta, scendendo poi per il vecchio sentiero sotto il rifugio, che passa per le baite della Palacia e per forestale, a breve distanza dall'auto.
In questo modo da un giretto è diventato un girone, di grandissima soddisfazione!
Mauro

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.345
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Guardando le tue foto e leggendo la tua considerazione sulla possibilità di collegarsi con il sentiero di forcella Marmolada, mi è venuto in mente che d'inverno per superare lo zoccolo roccioso si passa (generalmente in discesa) per il famoso canyon, e mi è venuta la voglia di vedere se si riesce a salire d'estate... Si può! O, meglio, trattandosi di un canyon, è opportuno dire che ieri si poteva.

anche io mi ero chiesto se in estate si passa per il canyon... hai qualche foto? :)

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 399
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
anche io mi ero chiesto se in estate si passa per il canyon... hai qualche foto? :)

Eccole:

Il canyon si presenta come una fessura diagonale


A vederlo ci è sembrato percorribile. L'incognita era però l'eventuale presenza di terreno malagevole all'interno, e soprattutto l'uscita


All'inizio siamo saliti tra blocchi e sassi di medie dimensioni. Nulla di difficile.


A metà circa ci siamo trovati di fronte ad una cascata, superabile a fatica sulla destra su ghiaie ripide e friabili. Subito dopo iniziava la neve


L'uscita sulla sinistra sarebbe stata laboriosa: un salto di 3-4 metri ed una cascatella


Per fortuna che poco oltre c'è una seconda uscita con una colata di ghiaia che permette di ridurre lo scalino su cui si deve arrampicare.


Lo stesso salto in primavera


E, in primavera, l'uscita alla base: tutta un'altra cosa!
Mauro