[MARMOLADA] Giro dei Baiti Alti in Val S. Nicolò e salita con anello al Sas Porcel 2490

Autore Topic: [MARMOLADA] Giro dei Baiti Alti in Val S. Nicolò e salita con anello al Sas Porcel 2490  (Letto 1148 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)

Val S. Nicolò

Sempre alla ricerca di nuovi spunti escursionistici, stavolta mi sono concentrato nell’esplorazione di un versante che conoscevo poco: ho deciso infatti di esplorare quello settentrionale della Val S. Nicolò. Su varie foto satellitari e carte ho notato che a mezza costa a circa quota 2000 c’era un gran numero di baite. Un richiamo irresistibile andare a vedere questi posti sperduti fuori dai soliti percorsi battuti. Ho pensato che era molto probabile che anticamente questi piccolo insediamenti in alta montagna fossero collegati da sentieri. Così ho deciso di andare a cercare le vecchie tracce.


Il punto di partenza in Val S. Nicolò
 
Prevedendo ravanate fuori traccia, non ho messo in conto di fare delle cime: ma ho ipotizzato che, se non avessi perso troppo tempo nella ricerca, avrei potuto forse fare un anello salendo per un tratto sulle creste del Sentiero Pederiva. Ma questo lo avrei potuto decidere solo in corso d’opera. Ho risalito dunque in auto la Val S. Nicolò fina quota 1770, e parcheggiato nei pressi di un gruppo di baite. Trovo subito la vecchia mulattiera che sale verso l’impluvio, ma inizia subito male: lo stradello si infogna ben presto nella boscaglia ostruito da cespugli e alberi che indica che non viene più percorso da nessuno da anni. Strano, penso. Infatti scopro più a monte uno stradello che si congiunge alla mulattiera principale, ben visibile e percorribile, che sale con zig zag il versante ripido fino al gruppo di baite sotto al Culaut.


La vecchia mulattiera nel bosco è ancora ben visibile

Primo di gruppo di baite sotto il Culaut

La baita principale, in un posto panoramico pazzesco su un poggio naturale a picco sulla valle, è purtroppo crollata. Poco distante, lungo un costone in una valle laterale, ci sono altre tre baite. Non le raggiungo perché non si vedono vie d’uscita e preferisco concentrarmi sul traversone che ho intenzione di compiere per raggiungere il gruppo di baite di Majonade verso ovest.


La baita principale purtroppo è crollata

Il baitello ormai pericolante, in alto il costone che scenderò a ritorno

Vista verso le grandi pareti di roccia verticale

Veduta sul fondovalle punteggiato di baite

Il magnifico sentiero, senza indicazione né segnature, che si inoltre verso ovest

Vista verso Cima Uomo a sx

Trovo subito uno splendido sentiero in costa, pressoché pianeggiante, che attraversa il versante per un bel bosco rado di cirmoli. Il sentiero poi scende leggermente, oltrepassa vari canalini fino ad arrivare alla splendido gruppo di baite di Majonade o Masonade, a quota 2170. Una baita è ridotta in ruderi ma le altre sono state recuperate e ristrutturate. Che posto meraviglioso, cosa darei per poter osservare come vivevano qui i montanari 50 o 100 anni fa!


Il bellissimo sentiero taglia tutto il versante

La spettacolare micro-frazione di Majonade

Majonade

Majonade dall'alto

Poco distante, più in quota, raggiungo altre tre piccole baite: il proprietario attuale, trovato su Facebook, mi riferisce che una di esse aveva sull'architrave la data del 1795! Cerco una traccia che traversi in costa ma il sentiero si perde in un canalone ripido, impossibile proseguire senza correre il rischio di accopparsi giù per i costoni ripidi. Torno giù e scendo un tratto per il ripido stradello, sperando di non perdere troppa quota. Trovo fortunatamente una deviazione, una piccola traccia che traversa nel bosco e la seguo senza indugio. Come avevo intuito permette di ricongiungermi col sentiero che sale da sotto. Quindi riprendo a salire, passo un canalone e arrivo ad un altro spettacolare poggio naturale di Vanolins, dove sorgono altre 5 baite. C’è una vecchia teleferica in disuso, che serviva per portar giù il fieno. Anche qui alcune baite sono state recuperate.


Vista sulla Valle S. Nicolò

Le baite di Valolins

Come proseguire ora? Di salire fuori traccia non se ne parla, troppo ridipo: quindi cerco la vecchia traccia segnata su alcune mappe (IGM, Kompass) per scendere, in modo da evitare di tornare indietro dalla stessa via di salita. Trovo infatti il vecchio sentierino che scende lungo la spalla del canalone: la traccia è appena visibile ma si intuisce abbastanza bene. Trovo un baitone isolato: è l’unico ad avere un locale aperto (tutti quelli che ho incontrato sono chiusi da robusti chiavistelli), un rustico ricovero di emergenza. C’è il libro delle firme: a parte una recente di un mese prima, quella precedente risale addirittura all’anno scorso, firmata da un fantomatico “Re delle Majonade”.


Il baitone isolato, con vista sul Col Ombert

Il libro della firme con la firma "Dal Re de Majonade"

I colori dell'autunno sono ancora vividi
 
Proseguo la discesa lungo il sentierino, ma non mi accorgo del bivio e scendo troppo. Quando me ne accorgo, sono sotto ormai di 100 metri di dislivello più del dovuto. Torno su e riprendo la direzione giusta, il sentiero ora è segnato e sale a ridosso delle grandi parete rocciose a picco sulla valle. Devio brevemente per salire al punto panoramico Maerins 2163 che si trova proprio sulla vetta della parete, con spettacolare vista sulla vallata.


Val S. Nicolò con Cima Col Ombert e Cima Uomo sullo sfondo

Il sentiero sale in costa verso il roccione del Maerins

Le impressionanti pareti verticali del Maerins, sulla cui cima c'è un punto panoramico con panchina
 
Faccio il punto sulla situazione: l’ora non è ancora troppo tarda e la gamba è ancora buona: decido dunque di salire per raggiungere la cresta e fare un tratto del Sentiero Lino Pederiva. Dalla Baita Cuz, tra le orrende ferraglie degli impianti senza neve, risalgo un tratto di pista fino al Col de Valvacin 2372, dove arrivano gli impianti, quindi per bella e panoramica cresta raggiungo per il vecchio sentiero della Grande Guerra il Sass de Adam 2430.


Dai pressi di Baita Cuz vista sul Catinaccio

Eccomi sul Col di Valcacin, rivedo l'immenso versante che ho appena attraversato

Spuntano Gran Vernel e Marmolada

Ancora un piccolo sforzo per salire in vetta al Sas de Adam 2430, per il tortuoso sentiero di guerra

In vetta al Sas de Adam: sotto il gruppo della Marmolada la sella Brunech, dove sono diretto

Un camoscio osserva placido i miei movimenti, gli arriverò a soli 50 metri di distanza

Con un traversone raggiungo quindi la Sela del Brunech 2428, da dove risalgo brevemente in vetta al Sas de Porcel 2490, il punto più alto dell’escursione. Il paesaggio è spettacolare: sono affacciato sulla Val Jumela da una parte (purtroppo sconciata dagli impianti), e sulla Val S. Nicolò dall’altra. All’orizzonte svetta la sagoma grandiosa della Marmolada col Gran Vernel. Il Sassolungo spunta dietro il Col Bel, mentre il Gruppo del Sella si staglia in tutta la sua magnificenza verso nord.


In vetta al Sas Porcel 2490, vedo il costone che devo discendere

Zoomata sulla Marmolada

Il Sassolungo spunta dietro al Dos Bel

In marcia verso Sela Brunech, al centro il Sas de Porcel 2490 ultima salita

Affretto un po’ il passo perché voglio trovare prima del tramonto il nuovo sentiero che cala a valle. Percorro l’affilata cresta a tratti un po' esposta, fino alla forcelletta dove si stacca il sentiero (cartelli), che scende con un traversone per i ripidi costoni del Roseal, fino ad una baita isolata (chiusa) di costruzione recente. Qui faccio la prima sosta della giornata, con panozzi, sacrosanto brick di vinello bianco e sigaro finale, per una completa beatitudine mentre contemplo la luce meravigliosa del tramonto.


Ecco il mio sentiero di rientro!

Le tabelle al bivio

Sguardi indietro durante la discesa, al piccolo baito isolato

Tramonto dal Roseal scendendo verso la Val S. Nicolò

Ultimo gruppo di baite durante la discesa

Ultime luci!

Appena il sole scompare dietro le montagne diventa subito freschino, mi rimetto in marcia per il bel sentiero (complimenti per il recupero!) che mi riporterĂ  verso il fondovalle, dopo aver raggiunto un altro gruppo incantevole di baite. Arrivo all’auto ad ore 19.30, sano e salvo. Un’escursione perfetta, direi :) Disl. 1260, sviluppo 16 km. 


Tramonto sul Col Ombert e Cima Uomo

Il percorso
« Ultima modifica: 06/11/2017 22:12 da AGH »

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.346
  • Sesso: Maschio
  • localitĂ  di residenza: Verona
Complimenti Agh! Devo ancora percorrere i sentieri della Val San Nicolò, sembrano ideali nella stagione autunnale. Ormai se ne parla l'anno prossimo però  :) Foto da urlo, neanche a dirlo!
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline poalpina

  • Newbie
  • *
  • Post: 4
  • Sesso: Maschio
  • localitĂ  di residenza: Povo - Trento
Bello, ottime idee !
M.teo

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)
Complimenti Agh! Devo ancora percorrere i sentieri della Val San Nicolò, sembrano ideali nella stagione autunnale. Ormai se ne parla l'anno prossimo però  :)

Sì la Val S. Nicolo è magnifica, ci sono dei giri davvero spettacolari, in autunno direi che è il periodo migliore per evitare le bolge estive (è presa d'assalto, il fondovalle perlomeno)

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.456
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)
Bello, ottime idee !

grazie, oltretutto ora ci sono un bel po' di sentieri che ho mappato :)