Le Dolomiti si salvano con la ferrovia

Autore Topic: Le Dolomiti si salvano con la ferrovia  (Letto 3225 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.632
Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« il: 05/06/2017 17:10 »
Vi propongo questo intervento sull' "Adige" di oggi. Poi se ne discute.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.632
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #1 il: 05/06/2017 17:13 »
Forse così va meglio.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.236
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #2 il: 05/06/2017 19:07 »
Girardi è senza dubbio una persona tenace: il presidente del Comitato "Transdolomites" infatti non perde occasione per propagandare in ogni dove la sua idea di una nuova linea ferroviaria che colleghi Trento con Canazei, passando per la Val di Cembra. Shakesperare direbbe “C’è del metodo in questa follia.” Un’idea che è diventata una ossessione e, come tale, pericolosa. Perché gli impedisce di vedere la realtà: la sua è anzitutto un’idea antistorica.

Le ferrovie sono nate quando non esisteva letteralmente il trasporto di massa privato. Le ferrovie dell'epoca ancora esistenti, cioè che non sono state smantellate perché antieconomiche, vivacchiano robustamente sostenute dai quattrini pubblici. Sono nate in un contesto, circa un secolo fa, totalmente diverso da quello d’oggi. Intorno alla ferrovia locale dell'epoca, come nel vecchio West, si è sviluppato tutto il resto. Non risultano ferrovie costruite ex-novo in epoca moderna sulle Alpi, di tratta locale, che siano economicamente sostenibili. Pretendere ora di fare l’operazione inversa, cioè calare una ferrovia dall’alto in un territorio già ultra antropizzato, è follia pura, delirio patologico.

Significherebbe la distruzione ambientale e costi spaventosi del tutto insostenibili. Consideriamo infine che siamo in Italia, patria delle “magnadore” per antonomasia. Già "Metroland" è stata affossata, per fortuna, dai costi spaventosi prima ancora che dal buon senso e dalla logica. Nulla di buono può venire da una nuova ferrovia che collegi valli del tutto secondarie, Transdolomites compresa.

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 159
  • Sesso: Maschio
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #3 il: 05/06/2017 20:43 »
"3.2 Variante 2: Cavalese – Borgo Valsugana - Trento
L'insoddisfacente esito delle verifiche compiute sulla tratta Cavalese-Ora hanno
portato ad una generale riconsiderazione dei possibili tracciati a valle di Cavalese.
Un'ipotesi alternativa è Metroland, che prevede un collegamento a binario unico
Cavalese-Borgo Valsugana -Trento grazie alla realizzazione delle seguenti linee:
• Metroland Linea Bianca: 27,5 km di tunnel a binario unico tra Cavalese e
Borgo con un tempo di percorrenza di 11 minuti e un costo di circa 495 mi-
lioni di euro; inoltre 21,1 km di tunnel tra Soraga e Cavalese con un tempo
di percorrenza di 9 minuti e un costo di circa 380 milioni di euro.
• Metroland Linea Verde: 30,5 km di tunnel a binario unico tra Borgo e Tren-
to con un tempo di percorrenza di 17 minuti (con fermata intermedia a Per-
gine Valsugana) e un costo di circa 549 milioni di Euro
L'attuale tempo di percorrenza tra Trento e Borgo Valsugana è di 60 minuti, su
un percorso di 43 chilometri con 10 fermate intermedie.
A fronte di un costo complessivo di 1044 milioni di Euro, Metroland offrirebbe un
tempo di percorrenza di 28 minuti tra Cavalese e Trento su un percorso di 58 km.
Metroland ha indubbiamente il merito storico di avere ufficialmente riportato in
auge anche in Trentino il tema del trasporto ferroviario. Dimostra l'attenzione della
Provincia Autonoma di Trento verso il trasporto ferroviario e la disponibilitĂ  ad inve-
stire notevoli risorse per il suo rilancio.”

Questo è tratto dal progetto dal progetto sul loro sito. Credo siano superflui ulteriori commenti sia sui costi (ok essere abituati  a ricevere soldi a palate, ma in questo caso  ci vorrebbe quasi una finanziaria ad hoc), ma soprattutto sull'impatto ambientale che ne deriverebbe.


Inviato dal mio PULP 4G utilizzando Tapatalk


Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.632
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #4 il: 05/06/2017 20:55 »

... Credo siano superflui ulteriori commenti sia sui costi (ok essere abituati  a ricevere soldi a palate, ma in questo caso  ci vorrebbe quasi una finanziaria ad hoc), ma soprattutto sull'impatto ambientale che ne deriverebbe.


Ammettiamo per un momento che i soldi saltino fuori  ::)... rimane il secondo punto a rendere impossibili questi progetti utopistici.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.236
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localitĂ  di residenza: Brusago (Altopiano di PinĂ©)
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #5 il: 06/06/2017 08:23 »
Marco Ponti, professore di Economia al Politecnico di Milano ed ex consulente per i trasporti della Banca Mondiale, non usa mezzi termini: "Queste societĂ  sono un incubo, una follia gestionale: nessuno dice che il problema principale che ci sono troppi pochi viaggiatori"

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk


Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 233
  • localitĂ  di residenza: Breganze (VI)
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #6 il: 06/06/2017 08:45 »
Marco Ponti, professore di Economia al Politecnico di Milano ed ex consulente per i trasporti della Banca Mondiale, non usa mezzi termini: "Queste societĂ  sono un incubo, una follia gestionale: nessuno dice che il problema principale che ci sono troppi pochi viaggiatori"
Direi che ha centrato perfettamente il problema.

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.883
  • Sesso: Maschio
  • localitĂ  di residenza: Caden
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #7 il: 06/06/2017 10:56 »
Ma anche se i viaggiatori corrispondessero a quanto richiesto da un ipotetico piano di fattibilitĂ , i trilioni di motociclisti secondo loro vengono su in treno per fare i passi dolomitici???

Online kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.422
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #8 il: 06/06/2017 22:17 »
Vero.Oppure servono amministratori autorevoli e forti capaci di vietare l'accesso a posti particolari se non con i mezzi pubblici.In molti Paesi seri lo hanno fatto,in Europa  e per quanto visto di persona in Nuovazelanda;da noi con le numerose e agguerrite lobbies,con l'abitudine a fare leggi lacunose costruite per essere aggirate e via cantando,la vedo una cosa irreale.

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.883
  • Sesso: Maschio
  • localitĂ  di residenza: Caden
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #9 il: 07/06/2017 08:40 »
Vorrei ricordare solo una cosa, in Austria esiste una bellissima strada che come motociclista sono andato a percorrere, si chiama GlossGlockner Strasse, si paga un pedaggio, è più pulita di casa mia, il traffico c'è ma è regolamentato, tutti convivono bene...
Perchè noi non riusciamo mai a fare qualcosa di serio???
Il giro dei passi è un circuito, come lo è quello in Austria, ricreare una cosa qui da noi es sul Sellaronda??

Fine OT perchè sto un pò sforando!!!


Offline Xtreme

  • Full Member
  • ***
  • Post: 115
  • Sesso: Maschio
  • localitĂ  di residenza: Padova
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #10 il: 09/06/2017 04:23 »
Non mi sembra la stessa cosa, i passi del Sella mettono in comunicazione 4 valli con i loro paesi.
GlossGlockner Strasse mi sembra piĂą paragonabilea a passo Rombo

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.883
  • Sesso: Maschio
  • localitĂ  di residenza: Caden
Re:Le Dolomiti si salvano con la ferrovia
« Risposta #11 il: 09/06/2017 09:17 »
Certo, non sono la stessa cosa, ma io non mi riferivo alla necessitĂ  di allacciare paesi, servizi ecc, ma solo alla regolamentazione del traffico, come appunto sarebbe l'obbiettivo di questa ipotetica "Ferrovia"