Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta

Autore Topic: Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta  (Letto 4268 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.227
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Riporto qui la notizia del nuovo bacino per innevamento artificiale ipotizzato a La Bassa, tra Panarotta e Fravort. Inutile dire che sarebbe l'ennesimo scempio di un luogo bellissimo, oltretutto aggravato dal fatto che la stazione di sci delle Panarotta è decotta da tempo e perennemente coi conti in rosso. Di recente è stata addirittura "nazionalizzata" dalla Provincia.

Il giorno dopo è uscito un altro articolo dove sindaco e vicesindaco di Novaledo, sul cui territorio ricade La Bassa, smentivano categoricamente tale ipotesi. Sembrerebbe quindi la solita sparata elettorale, ma di certo la cosa non può lasciare tranquilli, perché sembra follia continuare a investire nello sci coi soldi pubblici, tra l'altro in stazioni decotte e con piste a bassa quota. Eppure è quello che si sta continuando a fare tranquillamente (Folgaria docet)

« Ultima modifica: 05/10/2017 09:00 da AGH »

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.227
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #1 il: 05/10/2017 08:57 »
Osservo che il bacino potrebbe essere realizzato non a La Bassa ma nella conca poco più in basso che sembrerebbe adatta, e che ricadrebbe sotto il Comune di Frassilongo

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.227
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #2 il: 05/10/2017 19:38 »
sono stato facile profeta...  >:(

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 388
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #3 il: 06/10/2017 18:14 »
Speriamo che la zona de La Bassa venga risparmiata.
Facendo due conti, un bacino da 30 mila metri cubi con una profondità media di 5 metri (che non è poco) è un cerchio di quasi 100 metri di diametro...  :(
Mauro

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.227
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #4 il: 06/10/2017 18:23 »
considera anche lo sfacelo di camion e ruspe per mesi  >:(

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.422
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #5 il: 06/10/2017 20:22 »
Più gli scavi per le condotte,i pozzetti di derivazione,i lavori per la rete elettrica.....il tutto per una attività ormai in asfissia e senza un progetto globale di rilancio della montagna sulle quattro stagioni:gli idioti al potere!!

Offline alpe

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 76
  • località di residenza: Trento
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #6 il: 12/10/2017 23:19 »
interessante che gli amministratori di Novaledo abbiano dapprima agevolato l'idea, pensando alle opportunità riservabili alla loro struttura appena sotto la Bassa, ovvero Malga Masi, e poi rifiutata una volta portata l'informazione in paese ed in particolare al gruppo dei cacciatori locali

dalle idee di rilancio della Panarotta ai veti dei cacciatori

FANTASTICO

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.227
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #7 il: 12/10/2017 23:47 »
quindi si sarebbero opposti per la contrarietà dei cacciatori?

Offline alpe

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 76
  • località di residenza: Trento
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #8 il: 13/10/2017 07:57 »
sembrerebbe

Offline yakopuz

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 51
Re:Nuovo bacino innevamento a La Bassa in Panarotta
« Risposta #9 il: 13/10/2017 17:05 »
sembrerebbe
I cacciatori diventano involontariamente ambientalisti quanto le opere in montagna vanno contro gli interessi delle loro prede. :)