Riserva, riserva controllata, riserva integrale, parco e nuove piste

Autore Topic: Riserva, riserva controllata, riserva integrale, parco e nuove piste  (Letto 2509 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.596
Ecco qua. Non tutto quel che vien detto, secondo me, è da condannare, soprattutto nella parte in cui si parla di indotto.
Ma questo passaggio: "Gli impiantisti sono visti da molti come i distruttori del paesaggio senza però ricordare quanta attenzione questi pongano alla cura del territorio che utilizzano, vedi sistemazioni piste, inserimento paesaggistico dei bacini di accumulo idrico, nuove stazioni degli impianti etc " mi lascia alquanto perplesso. E' la stessa sensazione che provo quando descrivono i cacciatori come amanti della natura.

http://www.ladige.it/territori/valsugana-primiero/2014/12/03/fare-turismo-serve-skiarea

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.041
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localit√† di residenza: Brusago (Altopiano di Pin√©)
Ma questo passaggio: "Gli impiantisti sono visti da molti come i distruttori del paesaggio senza però ricordare quanta attenzione questi pongano alla cura del territorio che utilizzano, vedi sistemazioni piste, inserimento paesaggistico dei bacini di accumulo idrico, nuove stazioni degli impianti etc " mi lascia alquanto perplesso. E' la stessa sensazione che provo quando descrivono i cacciatori come amanti della natura.

c'è un altro passo che non convince: "ma è anche vero che ad oggi i numeri per il sostentamento del turismo montano li fa solo lo sci".

Eccerto, per 40 anni si è investito quasi tutto sullo sci, ora ci si sveglia e si scopre che non ci sono alternative praticabili. Forse bisognava pensarci prima... Ora diventa difficilissimo fare conversioni, o studiare alternative.
C'è poi da dire che quasi tutti gli impianti sono in rosso, da anni, se non ci fosse l'ente pubblico avrebbero chiuso da un pezzo. Hanno tirato su un modello di turismo ultra-assistito per decenni, senza pensare ad altro. E ora coi problemi di crisi e clima trovare una via d'uscita è difficile, forse impossibile, e saranno comunque lacrime e sangue
« Ultima modifica: 04/12/2014 06:47 da AGH »

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.358
Tutto il settore sci da pista è in forte contrazione almeno da 5 anni.Resiste lo snowboard,peraltro snobbato da molte stazioni sciistiche se non osteggiato.I bilanci sono sempre in deficit e niente prova che avvenga come in passato quando,pur perdendo sugli impianti,si recuperava sull'indotto.
Lo scempio del territorio renderà impossibile riciclare l'attività secondo il trend attuale che vede in risalita l'escursionismo,le ciaspole,lo sciturismo (fondo fuori pista) e l'alpinismo.Si può parlare di riserve intese come riserve di voti per politici locali e di affari sulle spalle del pubblico per i pochi imprenditori ben inseriti nel circuito della corruzione e delle amicizie politiche.
Sarebbe almeno da includere nei contratti e permessi per gli impianti l'obbligo di ripristino al naturale quando dismessi,ovviamente ad esclusivo carico delle società proprietarie o gerenti.

Offline miki

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.156
  • Sesso: Maschio
  • Miky
Eccerto, per 40 anni si è investito quasi tutto sullo sci, ora ci si sveglia e si scopre che non ci sono alternative praticabili. Forse bisognava pensarci prima... Ora diventa difficilissimo fare conversioni, o studiare alternative.

In val di mello i fricchettoni hanno fatto il miracolo, ma √® un caso pi√Ļ unico che raro.. ci hanno fatto una bella puntata di un programma  http://www.deejay.it/news/fino-alla-fine-del-mondo/403759/

inserimento paesaggistico dei bacini di accumulo idrico

La scorsa settimana per fare un po' di gamba ho risalito la pista che da campiglio risale lo spinale a metà percorso è spuntato un laghetto.

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.596
... a metà percorso è spuntato un laghetto.

√ą ben inserito paesaggisticamente?

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.041
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localit√† di residenza: Brusago (Altopiano di Pin√©)
è il nuovo bacino di Montagnoli, non proprio un "laghetto": qui è visto dal sentiero Costanzi




Offline Renzo

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 403
  • localit√† di residenza: Civezzano (TN)
"Gli impiantisti sono visti da molti come i distruttori del paesaggio senza però ricordare quanta attenzione questi pongano alla cura ..."

Da incorniciare, √® come dire che un serial killer √® meno colpevole perch√® mette in pose aggraziate le sue vittime, se sporca pulisce e ha molta cura delle sue armi...  ::)

Su "ma √® anche vero che ad oggi i numeri per il sostentamento del turismo montano li fa solo lo sci"  penso ci sia poco da dire perch√® √® cos√¨. (E provocatoriamente aggiungo anche per fortuna, perch√® se la gente si riversasse sui monti con gli stessi numeri con cui frequenta le spiagge, e senza concentrarsi negli impianti sciistici, agli "orsi" come noi resterebbero ben pochi spazi...)
Su 100 turisti pi√Ļ di 30 vanno al mare 20 nelle citt√† 10/15 in montagna il resto terme/laghi/collina.
La montagna turisticamente non √® "efficiente" perch√® per attrarre i grossi numeri dovrebbe snaturarsi (o non essere pi√Ļ quella che noi speriamo) e perch√® proprio perch√® di nicchia non √® economicamente alla portata di tutti.

PS. Ma il fondo del bacino di Montagnoli non si poteva farlo "verde erba"?

Offline Man

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 725
  • Sesso: Maschio
Spesso leggo per primo l'ultimo messaggio nel thread e quando ho visto questa citazione da Pian
Citazione da: pianmasan - 03/12/2014 18:19
"Gli impiantisti sono visti da molti come i distruttori del paesaggio senza però ricordare quanta attenzione questi pongano alla cura ..."
pensavo che fosse impazzito  :D
Da 'esterno', mi colpisce che una conseguenza di puntare tutto sullo sci su pista e' che stagionalizza drammaticamente e senza bisogno la montagna. La fa diventare come il mare: pienone in stagione, fiacca appena finisce. Prendiamo questi weekends di tardo autunno. Il turista tipo condiziona TUTTO al meteo. C'e' neve? Tutti partono. Non c'e' neve? Tutti a casa. Ma almeno la media montagna e' per sua natura attraente 365 giorni all'anno. Un flusso constante sarebbe, a naso, compatibile sia con un buon ritorno economico di indotto, sia con la conservazione del territorio e l'assenza di sovraffollamento.

Aut tace aut loquere meliora silentio (taci o di' cose che siano migliori del silenzio)

Offline Renzo

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 403
  • localit√† di residenza: Civezzano (TN)
...Un flusso constante sarebbe...

... impossibile? Pensionati a parte non è che tutti possono prendere ferie quando vogliono. Senza contare che al mare o in montagna uno ci va quando il tempo, meteorologicamente parlando, è migliore. Gente contenta di farsi 2 settimane sotto la pioggia a novembre non penso ce ne sia molta. :)
Perchè la montagna fa un terzo dei turisti del mare? Facciamo qualche ipotesi?
E' tranquilla -> ci vanno gli anziani -> non ci sono svaghi notturni -> non attira le ragazze e di conseguenza i ragazzi -> quel poco che c'è costa uno sproposito -> ci vanno le famiglie che sono già state al mare (quelle che possono permettersi entrambi) -> in estate che fai? Cammini? Oppure? -> hai dei figli? Devi inventarti qualcosa, al mare basta una paletta, un secchiello e un salvagente e hai risolto... Continuo?
Perchè in montagna si punta solo sullo sci? Perchè è quello che ha di esclusivo. Perchè a sciare o ci vai in montagna o non ci vai. Perchè se hai i soldi per tuta, sci, scarponi e stagionale probabilmente li hai anche per albergo, cene, aperitivi e feste in "rifugio". Nulla a che fare col "barbone" escursionista che parcheggia, cammina per 10 ore bevendo gatorade e panini portati da casa e la sera torna a dormire nel suo letto.
   

Offline Pistacchio

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 676
  • localit√† di residenza: Madrano
Al ponte dell'immacolata nonostante il tempo pessimo e le piste per la maggior parte chiuse Campiglio ha fatto il pieno di turisti. Quindi forse non sono gli impianti (o non solo quelli) ad attirare la gente.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.041
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • localit√† di residenza: Brusago (Altopiano di Pin√©)
bisognerebbe fare una stima pi√Ļ completa, magari a fine stagione, inutile farsi irretire dal pienone natalizio (di chi, dei russi o dei polacchi?)

Offline miki

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.156
  • Sesso: Maschio
  • Miky
Al ponte dell'immacolata nonostante il tempo pessimo e le piste per la maggior parte chiuse Campiglio ha fatto il pieno di turisti. Quindi forse non sono gli impianti (o non solo quelli) ad attirare la gente.

Campiglio è nota anche per la sue serate mondane ::)..
..ma secondo me Campiglio e il tonale hanno fatto il pieno proprio perchè erano tra le poche ad avere impianti accesi..
poi spendere soldi per fare un ora di coda e 10 minuti di discesa schivando persone io non lo concepisco.. ma faccio parte dei barboni di cui parlava renzo ;D