Autore Topic: TransLagorai, oltre 3,6 milioni di euro per riqualificare il percorso  (Letto 28004 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Alex Bear

  • vif
  • *****
  • Post: 871
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Non credo sia una bella notizia, almeno per me, vedremo fra circa 3 anni, a lavori ultimati, forse bastava molto meno, qualche aggiustamento si ma meno impattante lasciando il luogo il più selvaggio possibile.

http://www.ildolomiti.it/societa/2018/translagorai-oltre-36-milioni-di-euro-per-riqualificare-il-percorso-di-85-chilometri
Vado in montagna più per la paura di non vivere che per quella di morire.

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 291
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Quando vedo riqualificazione... valorizzazione... non leggo neanche, mi risparmio desolazione e mal di fegato! >:( :'(

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 312
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Il fatto di essere socio SAT mi fa un pochino vergognare, ma purtroppo o per fortuna, dipende da che si lato si guarda questa cosa e con gli occhi di chi, in questo momento siamo sotto votazioni come diciamo da queste parti e stranamente tutti i tagli fatti negli anni, portano la montagna di soldi da più parti.

Penso l'ultimo paragrafo della notizia, descriva idealmente bene ciò che comporta questa spesa, seppur 3 milioni sembrano tanti, tolte le singole spese, non sono molti, direi invece, come sempre spesi per interessi nascosti tra tante belle parole, a favore dei pochi col c....o dei molti, questo purtroppo non mi stancherò mai di dirlo.

Guardando il tracciato, è pensato, credo, per favorire le tre vallate (Fiemme, Primiero e Vanoi, Valsugana e Tesino), con qualche punto o più punti per veri alpinisti per soddisfare un pò tutti, ma prevalentemente immagino, per ripristinare l'uso delle strade forestali per portare gente alle malghe, in fondo quest'ultime ormai sono ristoranti e B&B in piena regola, con qualche vacca, capre,pecore e asini di contorno,per cui devono avere entrate se vogliono pagare affitto, baracca e burattini, e con chi poi va a fare la Translagorai, dubito ci vivano.

Ormai l'uso della malga in quanto tale, per lo scopo primo di monticare e fare buon latte è sempre più rado, visto son cambiati gli animali anche se si sta cercando di recuperare le razze; non parlo di pastori e famiglie perchè ho una mia visione che qui non riporto, ad ogni modo va tutto sparendo a favore del solito turista che va in malga per mangiare e/o dormire, pagando poco, e portarsi via il prodotto locale, formaggio di solito, questa è la Translagorai che vedo io in ultima istanza.
Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
A me pare che "la ciccia" del progetto sia su Malga Lagorai, guarda caso sul lato Fiemme, guarda caso vicinissima a Bombasel/Cermis già manomesso da impianti e tutto l'ambaradan.

Poi ci hanno messo un po' di contorno qua e la per confondere le acque... Il tutto poi coperto egregiamente dal pretesto del trekking, per il quale si spenderanno due lire, visto che la transalgorai esiste già da decenni ed è stata percorsa da migliaia di persone. Per agevolare veramente il trekking bastava 1 bivacco (UNO) nel tratto Biv. Mangheneti - Rif. Cauriol che è l'unico tratto sprovvisto. Finora tra l'altro non ho visto progetti dettagliati, solo annunci. Qualcuno ha visto il progetto nel dettaglio?
« Ultima modifica: 24/08/2018 15:31 da AGH »

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.439
Posso solo dire che,parlando col mio geometra,già dalla scorsa estate risultava un aumento dei valori attribuiti a baite ecc,interessate anche solo in parte da questo progetto.
Sicuramente aumenteranno quelle disponibili per affitti stagionali e fioriranno altre iniziative:la mia paura è che uno degli ultimi luoghi ancora relativamente selvaggi faccia la fine dei vari parchi gioco modello fassano...
Ci vuol poco ad immaginare che poi siano "indispensabili" collegamenti viari ed altre infrastrutture per rendere economicamente sostenibile tutto l'ambaradan.
Ma quando si presentano queste valorizzazioni,dove vanno a finire tutte le paure e psicosi per lupi ed orsi assassini?!

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 160
  • Sesso: Maschio
Speriamo che i posti letto previsti non diventino poi un pretesto per aprire le forestali al traffico, anche perché non si capisce se saranno gestiti come semplici punti di appoggio per gli escursionisti o come strutture simili-rifugio.
La variante del Sette Selle francamente non l'ho capita, il tracciato passa già
dal rifugio.

Inviato dal mio WIM Lite utilizzando Tapatalk


Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Speriamo che i posti letto previsti non diventino poi un pretesto per aprire le forestali al traffico, anche perché non si capisce se saranno gestiti come semplici punti di appoggio per gli escursionisti o come strutture simili-rifugio.
La variante del Sette Selle francamente non l'ho capita, il tracciato passa già
dal rifugio.

ci sono molte cose che non tornano, la ristrutturazione di malga valsolero e malga cadinello per esempio, la deviazione a s. martino di castrozza (che cavolo c'entra). Mi pare evidente che non saranno semplici bivacchi ma strutture ricettive simil-rifugio. Ma poi perché il progetto non è pubblicato? Non si sa nulla di preciso di quel che vogliono fare. Ma è una cosa seria?

Offline Alan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3.883
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Caden
A me pare che "la ciccia" del progetto sia su Malga Lagorai, guarda caso sul lato Fiemme, guarda caso vicinissima a Bombasel/Cermis già manomesso da impianti e tutto l'ambaradan.

Poi ci hanno messo un po' di contorno qua e la per confondere le acque... Il tutto poi coperto egregiamente dal pretesto del trekking, per il quale si spenderanno due lire, visto che la transalgorai esiste già da decenni ed è stata percorsa da migliaia di persone. Per agevolare veramente il trekking bastava 1 bivacco (UNO) nel tratto Biv. Mangheneti - Rif. Cauriol che è l'unico tratto sprovvisto. Finora tra l'altro non ho visto progetti dettagliati, solo annunci. Qualcuno ha visto il progetto nel dettaglio?
Non credo serve aggiungere altro!! La penso esattamente come te!

Le malghe non hanno nessun bisogno di essere qualificate, l'accesso a queste, neanche.
Ci sono miliaia di persone che hanno fatto la Translagorai, con tende e tutto e di più, credo proprio che l'anima vera di questa traversata sia proprio quella di farsela in 5 giorni facendo campeggio (ma lungi da me dire cosa deve essere fatto o no)
Chiedete alla gestrice della Malga Conseria se gli serve avere gente o no.... Ci sono state domeniche questo febbraio/marzo che io andavo su e c'era la fila da fuori.... Vada per il posto ristoro, ma per dormire ...... non sò.... non mi convince!!
Le altre malghe come dice Agh sono stranamente tutte sul versante Fiemme, non capisco perchè non si sia parlato del bivacco di Malga Cazorga, a mio avviso un ottimo punto ristoro per la notte, e che come dice Agh è proprio posizionata (seppur con la necessità di abbassamento di quota) a metà tra Sadole e Manghen per intenderci.


Se io avessi 3 milioni di euro farei questi lavori:
- Rifacimento Bivacco Aldo Moro
- Rifacimento del sentiero che da Forc. Canzenagol scende verso il Rif. Cauriol
- Rifacimento Bivacco Malga Cazorga e Bivacco ANA
- Presa in considerazione di rifacimento Bivacco Stellune o rifacimento della Malga Stellune (avere una malga funzionante vicina al Lago Stellune mi sembra una valida mossa)
- Rifacimento e messa in sicurezza del tratto che precede e segue la zona di Forcella Cunella
E ce ne sarebbero altre!!!

IMHO Ovviamente!!

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.439
Alan ha sicuramente ragione,salvo sul discorso nuove malghe o riattivazione di quelle in disuso.
Il problema è la scarsa remuneratività di queste attività,la difficoltà a trovare operatori qualificati e legati al territorio: in quasi tutte le malghe c'è manodopera slava o nordafricana,bravi pastori che però non credo possano tramandare i valori culturali di attività così tradizionalmente legate ai luoghi ed alla storia.Poi ci sono i mille inutili vincoli operativi posti dall'europa e dai nostri fatiscenti ministeri dell'agricoltura...
Temo che gli intenti siano quelli di creare strade e strutture esclusivamente turistiche,spacciate come malghe o punti tappa.
Anche in Vezzena le malghe che producono reddito sono quelle tipo Le Fratte,ormai diventata una specie di gardaland.
Ovvio che queste sono le sole strategie,al momento,con cui l'allevatore può vedere remunerate le proprie fatiche e gli investimenti;l'alternativa è una svolta culturale che faccia accettare al consumatore prezzi più alti per i prodotti dell'alpeggio,il reale accorciamento della filiera,il riconoscimento agli operatori di un "valore" per il lavoro di presidio e conservazione dell'ambiente montano (come avviene in AA ed in Tyrol).
Insomma non mi meraviglierei se venisse "valorizzata" la strada di Passo Cinque Croci,tanto per dirne una.
 

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Ragazzi, è molto peggio di quel che sembra. L'edilizia regna sovrana...
In particolare sarà distrutta la magia di uno dei luoghi più belli di tutto il Lagorai: a malga lagorai è previsto servizio ristorazione per 40 persone!!!

Qui il progetto più dettagliato, non l'ho ancora approfondito ma già appaiono delle assurdità, come l'intervento a Valsolero: 700.000  euro per fare un simil rifugio con ristorazione e 20 posti letto... Ma perché uno che sta già in quota al Bivacco Mangheneti dovrebbe scendere per 300 m di dislivello per andare a Valsolero? E' una cosa ridicola...

Propongo a tutto il forum di gim di esaminare il documento e tirare fuori tutte le magagne e incongruenze..
https://drive.google.com/file/d/1LpC_LmP7MdNDq_Nbs1YdzLviRdrfSO3V/view?usp=sharing


Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 312
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
Malga Valsolero rientra nel tracciato "variante", per cui i lavori ovviamente vanno a favore del Comune di Telve, beneficiario poi della gestione, in questo caso lì vicino ci sono gli impianti sciistici di Val Calamento, per qanto ppoco attrezzati, probabile creeranno poi progetti ad hoc per "sparare neve" e valorizzare case vacanze e albergo rimesso a nuovo, se non ricordo male ex Albergo Calamento, oggi ha cambiato nome, ma non mi ricordo quale.

- Nel PDF -


Facendo la pura somma delle ripartizioni dei lavori sulle strutture (edilizia)nel pdf a me viene 3.029.240 euro, nel grafico a torta parla di 3.029.300, si son già pappati 60 euri, presumo marche da bollo.

La somma complessiva dice 3.681.100 Euro di cui 2.970.740 Euro a non si sa chi, non specificato nel pdf, visto sopra non corrisponde.

Miglioramento telecomunicazioni, gestite da chi? TIM? Vodafone?

Comunicazione, parla di una app creata dalla PAT, gestita da APT?

Manutenzione sentieri ne so già qualcosa.

Ma gli animalisti su queste cose, quando servono, non ci sono?

Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
I disgraziati che scendono a valsolero, come tornano poi in quota? Lungo la strada provinciale? Assurdo. Parlano di ripristinare un vecchio sentiero, ma non si capisce quale, ergo altro prevedibile sfacelo nel bosco. Tutto per assecondare una deviazione senza senso!

Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 312
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
I disgraziati che scendono a valsolero, come tornano poi in quota? Lungo la strada provinciale? Assurdo. Parlano di ripristinare un vecchio sentiero, ma non si capisce quale, ergo altro prevedibile sfacelo nel bosco. Tutto per assecondare una deviazione senza senso!
Forse salgono a Valsolero di sopra e poi vanno a Passo Cadinello, non lo so, comunque sentieri ce ne sono, anche che tagliano i tornanti per Passo Manghen, ma resta il problema che di fatto stravolge il tratto originario.
Comunque è la solita bella fetta di soldi dove molti, non tutti, mettono la testa sotto la "palta".
Libero come il software che uso.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.340
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Forse salgono a Valsolero di sopra e poi vanno a Passo Cadinello, non lo so, comunque sentieri ce ne sono, anche che tagliano i tornanti per Passo Manghen, ma resta il problema che di fatto stravolge il tratto originario.

ma è già valsolero di sopra! Ma per tornare in quota non ci sono sentieri, solo tracce che tagliano i tornanti, non è proprio il massimo. Secondo le loro intenzioni vorrebbero fargli saltare il manghen e mandarli a Malga Conseria! E' una cosa ridicola

Offline simonegirar

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 312
  • Sesso: Maschio
  • Su co le récie in montagna!!!!
  • località di residenza: Scurelle (TN)
ma è già valsolero di sopra! Ma per tornare in quota non ci sono sentieri, solo tracce che tagliano i tornanti, non è proprio il massimo. Secondo le loro intenzioni vorrebbero fargli saltare il manghen e mandarli a Malga Conseria! E' una cosa ridicola

Io ho guardato il PDF, e parla di Malga Valsolero, che sta più sotto, poi tutto è possibile per i tracciati.
Libero come il software che uso.