Autore Topic: Traversata Monte Tomatico 1595 - Monte Grappa 1778 per l'Alta Via degli Eroi  (Letto 14228 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.460
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Alba sul Monte Tomatico


Inizio traversata: Monte Puerna a sx, Sassuma a sx

Traversata Monte Tomatico - Monte Grappa - Alta vie degli Eroi.

Anzitutto è doveroso un ringraziamento ad Angela, che mi ha suggerito questo giro -che assolutamente non conoscevo- e che poi mi ha accompagnato rivelandosi ottima compagna di gita ed esperta “navigatrice”.

Sveglia alle 3, alle 3.45 parto per Fonzaso dove abbiamo fissato il ritrovo alle 5. Il giorno prima Angela ha portato una macchina in cima al Grappa al Rifugio Bassano 1718. Partiamo dunque per Porcen ma qui abbiamo una bruttissima sorpresa: all’inizio della stradella che sale verso Casera Salina c’è un cartello di divieto di transito! Attimo di panico: siamo appena a 400 metri di quota e una tabella indica “Monte Tomatico 4 ore”! Decidiamo di impiparcene del divieto e salire alla Casera Salina come da programma. La strada è asfaltata ma stretta, lunga ed erta con vari tornanti. Dopo una ventina di minuti arrivati ad uno slargo, la strada è sbarrata  da una stanga. Altro momento di disappunto, guardiamo l’altimetro che però segna m 1180, ovvero vicinissimi alla meta prevista.

Parcheggiamo l’auto e dopo pochi minuti, con la luce delle frontali troviamo subito il sentiero, ben segnato e facilmente percorribile. Saliamo di buon passo mentre inizia lentamente a rischiarare, arrivati alla Casera del Ton intravediamo la valle invasa dalle nuvole,  in alto è tutto sereno. Qualche decina di minuti dopo raggiungiamo il crinale e quando ci affacciamo sul versante verso la pianura rimaniamo a bocca aperta, estasiati da un’alba meravigliosa sopra a un mare sterminato di nuvole. Con noi due cacciatori stanno anche loro assistendo a quest’alba spettacolare. Peccato che abbiano un fucile in braccio. Raggiungiamo quindi velocemente il Monte Tomatico 1595, dove ammiriamo il sole che sorge illuminando gradualmente l’immensa distesa di nuvole. Il panorama è immenso. La distesa di nuvole aumenta la sensazione di grandiosità. Vediamo le cime a noi famigliari da una angolazione insolita, le cime della Valsugana, il Lagorai, le cime più alte delle Pale di S. Martino, a nord le cime ignote dell’Agordino. Mi pare di riconoscere il Pelmo, ma non sono sicuro, le altre cime, e non sono poche, non le conosco proprio. Mi riprometto un controllo sulle carte.

Dopo circa mezz’ora di sosta si parte. Incontriamo un altro cacciatore il quale, saputo che abbiamo intenzione di andare al Grappa sbotta “Ma adesso? E quando avreste intenzione di arrivare?”. “Prima che faccia buio” ribattiamo. Non risponde, ma l’espressione molto scettica che traspare dalla faccia è un grosso “Mah!”, rafforzata da un roteare d’occhi. Salutiamo ed acceleriamo il passo. Non scendiamo verso le Stalle di Paoda ma ci manteniamo sulla dorsale. Il sentiero corre facile fino al Monte Santo 1538, quindi il crinale si fa più affilato. Fa impressione vedere i crinali che dovremo affrontate con notevoli saliscendi. Lontanissimo si intravede il Monte Grappa, la nostra mèta. Si transita in cima a ripidi costoni erbosi fino al Monte Sassuma 1510. Qui il sentiero, che pure è una variante dell’Alta via degli Eroi, si perde nel bosco ripido. Torniamo indietro per controllare di non aver saltato un bivio ma non troviamo niente, salvo un ripido e umido canalone erboso dove basta uno scivolone per farsi di gran carriera 200 metri di dislivello in pochi secondi. Ritorniamo sui nostri passi e caliamo per il bosco malagevole seguendo vaghe tracce. Intercettiamo un sentiero non segnato sulla carta, che ci riporta sul crinale dove c’è una traccia ripida che cala verso forcella Alta 1222.

Vediamo in alto su dei rocciosi due lontani camosci che sembra ci guardino incuriositi. Si cambia versante e, incredibilmente, anche clima: sul fianco nord il bosco, invaso da una inquietante nebbiolina, gocciola letteralmente di umidità, sembra quasi che piova. Sul sentiero uno strato di fogliame fradicio impone molta attenzione a non pigliare scivoloni. Arriviamo alla forcella Bassa 1044, quindi affrontiamo il Monte Puerna. C’è un tratto attrezzato con cordino, ma non è niente di che, è una cengia a sbalzo su un costone boscoso quasi verticale.

Dopo aver oltrepassato il Monte Puerna iniziano le “montagne russe”: uno sfiancante e tortuoso saliscendi su roccioni e forcellette. Parte del sentiero è attrezzato con un cordino sottile, che però è quasi un impiccio. L’erba e il sentiero sono scivolosissimi e questa è decisamente la difficoltà maggiore. Superiamo il Monte Paione 1170 con una rampa micidiale e scivolosa nel bosco, aiutati dal cordino. Poi con vari traversoni su costoni ripidi boscosi raggiungiamo il Colle Croda Rotta 1149, superato il quale finalmente il sentiero migliora parecchio e attraversa splendide faggete. Ora il sentiero diventa stradella e procede quasi in piano, poi cala fino al Sasso delle Capre 1101 dove c’è la Stalla Val Dumela, col suo caratteristico tetto di paglia. Qui riprende il sentiero che sale con discreta pendenza e traversa il versante orientale del Monte Fontana Secca.

Si sale fino a 1500 metri di quota, quando il sentiero finalmente (un po’ di stanchezza comincia a farsi sentire) si inoltra a mezza costa nella bella Val Cinespa lungo ripidi e erbosi costoni assolati. Fa un caldo eccezionale nonostante siamo ormai a fine ottobre. Qui facciamo la prima sosta “seria”, sono circa le 13 e siamo in marcia da ormai 7 ore. Dopo mezzora (meglio non perdere troppo tempo, ci sono ancora tanti km da fare),  ripartiamo, raggiungendo le Stalle di Fontana Secca. Saliamo alla forcella a ovest del monte Valderoa, quindi il sentiero sale ancora (fanculo!) verso il Monte Salarol 1670. Panorama grandioso che ci fermiamo per forza ad ammirare. Ripartiamo iniziando un eterno traversone che cala gradualmente per il Col dell’Orso 1670, il M. Casonet 1614, quindi fino alla Croce dei Lebi 1526. Ora si sale di nuovo (e daje!), per stradella facile che con un altro traverso leggermente in salita guadagna gli ultimi 250 metri di dislivello che ci separano dal Rifugio Bassano a 1730 metri.

Alle 16.20, sono circa 10 ore che siamo in marcia, arriviamo sul piazzale del rifugio. Ce l’abbiamo fatta, con un’ora di anticipo sul buio. Facciamo una visita rapida al monumentale Ossario dove sono sepolti oltre 24.000 soldati, in gran parte senza nome. Già che ci siamo e vista l’ora, ci godiamo anche lo splendido tramonto, che conclude degnamente una splendida giornata molto piena, che non dimenticheremo. Sviluppo 25 km, disl. circa 1550.


mappa con foto - vedi a tutto schermo http://www.everytrail.com/fullscreen.php?trip_id=1345414&code=bfdc491d2bdf158e6c73e678e653b808

Traversata Monte Tomatico - Monte Grappa at EveryTrail
« Ultima modifica: 25/03/2015 20:57 da AGH »

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.689
Racconto stringato e piacevole, foto superbe: pienamente ricreata l'atmosfera dell'escursione.
Encomio con lode a tutti e due! ;) :D :)

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.394
  • Sesso: Maschio
I complimenti per la mega traversata  li ho gia fatti, le foto del alba e del tramonto sono tutte da incorniciare !! Veramente belle  :o  8)
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline Gianca

  • Full Member
  • ***
  • Post: 161
  • Sesso: Maschio
Super!!!!!!!
 Complimenti x tutto, giro e foto. Troppo forti.

Offline angela

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 381
  • Sesso: Femmina
Io devo ringraziare Agh di avermi resa partecipe della sua impresa, perchè il mio era solo un pensiero buttato là, pescato fra le tante ipotesi di escursioni possibili. Senza la sua decisione ci avrei pensato ancora per parecchio, anche perchè bisognava premeditare e scomodare qualcun' altro per farsi recuperare agli antipodi di dove si partiva.

Sono contenta di come è andata, perchè non ci sono stati imprevisti, e la camminata si è fatta con relativa calma, padroni anche di fermarsi spesso ad ammirare il panorama. Che era superbo. Con le condizioni molto buone di visibilità, avvalorata da quell' immenso mare di nuvole su cui svettavamo.
Con la copertura mediatica gratuita (salvo fattura in arrivo fra un mese, ma mi sono ben guardata dal lasciargli gli estremi per l' intestazione) di un maestro, come si può ben vedere dalle foto qui pubblicate.

E' stata una escursione interessante anche per la varietà delle zone attraversate. Prima una salita in un ripido bosco di alti faggi, poi la conquista della prima cima in ambiente di malghe d' alta quota. Dopo, il lungo crinale fino al Sassuma, ugualmente ripido da entrambi i lati, ma se la parte esposta al sole era completamente erbiva, esattamente dalla cima del crinale e su tutto il versante nord esplodeva una fitta faggeta. Continuando ci siamo abbassati in mezzo al bosco traboccante di tutte le sfumature autunnali possibili, per un po' con la misteriosa compagnia di una umidissima nebbia
(era impossibile che le gocce che scendevano fossero di pioggia, data l' indiscutibile limpidezza del cielo). E di un fondo calpestabile a cui prestare la massima attenzione. Poi abbiamo recuperato quota salendo in un bel bosco alto e pulito di faggi e abeti per sbucare successivamente ancora in prati d' alta quota in un continuo saliscendi, con i boschi al di sotto che facevano grande sfoggio di colori, fino a guadagnare con un ultimo strappo di dislivello l' arrivo alla cima del monte Grappa.  

Da come sembra di capire, nonostante le mie lamentazioni, Agh risulta essere un uomo paziente che ha sopportato senza estemi contraccolpi la mia presenza e la mia compagnia. Gli sono sicuramente tornata utile come sagoma vivente. Gratis, se non mi arriva la sua fattura.
« Ultima modifica: 31/10/2011 18:49 da angela »
"i fiori, la musica e i bambini sono i gioielli della vita"
Pyotr Ilyich Tchaikovskj

Offline ciano

  • Full Member
  • ***
  • Post: 210
  • Sesso: Maschio
  • Salve a tutti sono Luciano (Ciano)
Bravi davvero,io lò sempre fatta a spezzoni data la difficoltà e la durezza,forse ...ma dico forse avete fatto qualche su e giù di troppo,ma l'importante è la conclusione felice dell'escursione,(e viste le foto)un briciolo d'invidia vedendo la giornata bella che avete avuto c'è lò..complimenti ancora.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.460
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Da come sembra di capire, nonostante le mie lamentazioni, Agh risulta essere un uomo paziente

ma quali lamentazioni scusa? :)

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.460
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Bravi davvero,io lò sempre fatta a spezzoni data la difficoltà e la durezza,forse ...ma dico forse avete fatto qualche su e giù di troppo

ci è rimasto un po' sul gozzo il non aver salito la Fontana Secca (variante): osservandolo poi da sud, il crinale sembrava bello e ben camminabile....
E col senno di poi, forse avremmo evitato cima sassuma con la sua discesa rognosa.... mezzo km prima avevamo visto una traccia che tagliava il versante e che probabilmente scendeva direttamente alla forcella alta...comunque va bene lo stesso :)
« Ultima modifica: 31/10/2011 19:16 da AGH »

Offline ciano

  • Full Member
  • ***
  • Post: 210
  • Sesso: Maschio
  • Salve a tutti sono Luciano (Ciano)
ci è rimasto un po' sul gozzo il non aver salito la Fontana Secca (variante): osservandolo poi da sud, il crinale sembrava bello e ben camminabile....
E col senno di poi, forse avremmo evitato cima sassuma con la sua discesa rognosa.... mezzo km prima avevamo visto una traccia che tagliava il versante e che probabilmente scendeva direttamente alla forcella alta...comunque va bene lo stesso :)

Da buon montanaro hai capito perfettamente dove sei sceso (facendo una fatica terribile) per poi risalire,da Fontana Secca per la dorsale dei Solaroli avresti fatto quasi tutto in quota con leggeri su e giù fino al Rifugio...magari il prossimo anno..

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.460
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Da buon montanaro hai capito perfettamente dove sei sceso (facendo una fatica terribile) per poi risalire,da Fontana Secca per la dorsale dei Solaroli avresti fatto quasi tutto in quota con leggeri su e giù fino al Rifugio...magari il prossimo anno..

magari in primavera in senso inverso, e stavolta stando sempre in cresta :)

Offline angela

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 381
  • Sesso: Femmina
ma quali lamentazioni scusa? :)
Poche, ma sentite lamentazioni: quel meraviglioso ossimoro di Fontana Secca!
"i fiori, la musica e i bambini sono i gioielli della vita"
Pyotr Ilyich Tchaikovskj