Cani in montagna, nostri e dei pastori

Autore Topic: Cani in montagna, nostri e dei pastori  (Letto 3998 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Artic

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 81
Re:Cani in montagna, nostri e dei pastori
« Risposta #15 il: 10/10/2014 11:14 »
l'orso non c'entra, stiamo parlando di cani... Ad esempio ho pensato di portare Maya (il cane dei vicini che porto a spasso) in montagna ma ho subito rinunciato all'idea. Primo perché pare sia obbligatorio portarlo al guinzaglio, sicché l'escursione diventerebbe un incubo. Ma chi tieni i cani la guinzaglio quando si va in montagna? Mi pare davvero una assurdità e anche pericoloso su certi sentieri..
Io generalmente il cane lo lascio quasi sempre libero, certo studio itinerari e percorsi adatti e preferibilmente poco frequentati così da ridurre drasticamente i rischi di incontri potenzialmente critici e presto molta attenzione al fatto che il "mio amico" non si allontani troppo dal sottoscritto( guinzaglio sempre a portata di mano). Un cane tenuto al guinzaglio su sentieri stretti ed esposti è certamente pericoloso,ricordo che una volta, salendo al xxII Apostoli(con un Alaskan M. e uno schnauzer per fortuna nano) ho incrociato ,nel punto più critico del sentiero, altri escursionisti che scendevano con 3 cani di taglia medio grande e quindi, obbligatoriamente, ho dovuto mettere il guinzaglio al malamute e ho ficcato la schnauzerina nello zaino, "l'incrocio", già di per se  problematico è diventato oltremondo rischioso a causa dell'aggressività manifestata da uno dei 3 cani che scendevano( dovuta quasi sicuramente alla mancanza di spazio di fuga) fortunatamente sono riuscito, mettendo una mano sugli occhi del mio cane, ad evitare una reazione dello stesso che sarebbe risultata, stante la situazione, pericolosissima.
Allego 2 foto di quel giorno.

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.830
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Cani in montagna, nostri e dei pastori
« Risposta #16 il: 10/10/2014 11:24 »
Infatti, poi sui sentieri stretti il cane può tirare, avere uno scarto strano e farti perdere l'equilibrio

Offline bandurko

  • Full Member
  • ***
  • Post: 136
  • Sesso: Maschio
Re:Cani in montagna, nostri e dei pastori
« Risposta #17 il: 10/10/2014 13:06 »
Ad esempio ho pensato di portare Maya (il cane dei vicini che porto a spasso) in montagna ma ho subito rinunciato all'idea. Primo perché pare sia obbligatorio portarlo al guinzaglio, sicché l'escursione diventerebbe un incubo. Ma chi tieni i cani la guinzaglio quando si va in montagna? Mi pare davvero una assurdità e anche pericoloso su certi sentieri..
Giusto,  parliamo di cani (faccio riferimento al commento autocensurato). Forse sarebbe opportuno preoccuparsi anche dell'effetto che hanno i cani sugli altri. Mi figlia, 5anni, mentre correva sul prato del rifugio Potzmauer è stata rincorsa e buttata per terra da un cane.  Non ci sono state conseguenze perchè sono intervenuto immediatamente. Conseguente battibecco con i padroni per i quali non era avvenuto nulla di rilevante..  Probabilmente erano della scuola di pensiero secondo la quale l'applicazione del decalogo comportentale in caso di aggressione canina avrebbe potuto  evitare l'accaduto.  Forse dovrei sentirmi in colpa come genitore per non averle spiegato che avrebbe dovuto parlare con tono fermo,  non piegare la testa etc, etc. invece di avere una naturale e istintiva paura (cosa che troverei del tutto normale anche negli adulti).  Tutti ritengono che la maggior parte delle regole siano superflue per il proprio cane ma nel mezzo c'è chi si sbaglia e allora non si possono fare dei distinguo,  un po'come avviene per le persone: se tutti fossero rispettosi del prossimo potremmo evitarci leggi e regole ma non essendo così dobbiamo adeguarci e questo lo dovrebbero fare anche i padroni dei cani.