[DOLOMITI DI SESTO] Giro della Croda sora i Colesei dalla val Grande

Autore Topic: [DOLOMITI DI SESTO] Giro della Croda sora i Colesei dalla val Grande  (Letto 371 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 377
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
L'ultimo giorno di bel tempo di ottobre siamo stati in Comelico per fare questa bella escursione all'ennesima cima secondaria.
Lo scopo era visitare alcune vestigia della Grande Guerra ed uno dei bunker del vallo Alpino, fatto costruire da Mussolini tra le due guerre per proteggersi da Hitler, di cui non si fidava. Molte delle opere, anche in questo settore, furono poi riutilizzate nel secondo dopoguerra, ai tempi della contrapposizione dei blocchi.

Si tratta di un giro breve, con un dislivello di meno di 1000 metri, ma con di tutto un po': bei sentieri, un tratto un po' più ruvido di salita in un canalone, molto panoramico a dispetto dell'esiguità della quota raggiunta. Ovviamente se si vuole visitare il bunker bisogna avere la torcia.

Se poi lo si fa in una giornata spaziale d'autunno come è capitato a noi, e si trova pure il mare di nuvole, è una meraviglia.

Fa un po' male pensare che solo due giorni dopo la nostra visita l'intera zona è stata devastata dal maltempo.

Partiti dal rifugio Lunelli in val Grande con un tempo grigio ed uggioso, siamo saliti alla vicina cima dei Colesei, sbucando progressivamente dalle nuvole. Dalla cima il panorama si apre verso la catena di confine.


Iniziamo ad uscire dalle nubi


Cima Bagni alle nostre spalle


Dalla forcella Pian della Biscia verso la Croda sora i Colesei


Dalla cima dei Colesei, mare di nubi sul Comelico


Panorama verso la catena di confine, con il col Quaternà

Abbiamo seguito la carrareccia militare verso la parete della Croda sora i Colesei. La strada si ferma contro la parete rocciosa, dalla quale spuntano le torrette in cemento armato dell'”opera 10” dello sbarramento del passo di monte Croce Comelico. L'ingresso era murato ma vi è stato praticato un comodo varco. All'interno, due corridoi paralleli corrono per 400 metri. Da questi si dipartono scale e corridoi laterali che portano alle varie postazioni di artiglieria e di vedetta. Gli intonaci sui muri sono ancora perfetti, e numerose frecce segnaletiche permettono di ritrovare facilmente l'uscita, anche se l'orientamento è comunque semplice.


Verso l'ingresso dell' Opera 10


Torretta che guarda il passo di monte Croce Comelico


Porta blindata


Salendo verso la forcella Popera, con le torrette sul lato nord

Usciti dal bunker, abbiamo aggirato la base della parete senza perdere troppa quota, e d abbiamo risalito il canalone che porta alla forcella Popera. Qui iniziano le postazioni e le trincee della prima guerra mondiale, che ci hanno accompagnato in tutta la parte alta del percorso. Siamo saliti alla Croda sora i Colesei (2321) in un bell'ambiente carsico.


Nei pressi di forcella Popera, feritoia e trincea della Grande Guerra, sullo sfondo la nostra cima


Postazione verso Sesto; sullo sfondo la zona delle vedrette di Ries


In basso il rifugio Berti sta per essere inghiottito dalle nuvole

Croce di vetta, Pala di Popera e Croda Rossa


Peralba, Coglians, Torrione e crode dei Longerin. In mezzo c'è la val Visdende


Croda sora i Colesei con le gallerie di vetta


In discesa dalla cima

Scesi seguendo i vecchi camminamenti di guerra abbiamo ritrovato poco più sotto il sentiero che segue lo spallone del Creston Popera fino all'ex rifugio Sella, nascosto al riparo del crinale, che ospitava il comando di settore durante la grande guerra. Di qui ci siamo rituffati nelle nuvole per scendere al rifugio Berti e poi al Lunelli.


Panoramica sul vallon Popera: cima Undici, passo della Sentinella, Croda Rossa, Pala di Popera, Triangolo, forcella Popera


Torniamo nelle nuvole


L'ex comando, risistemato, ora ospita un piccolo museo.


In val Grande; anche all'ombra i larici fanno la loro figura.


A grandi linee, il percorso.
Mauro

Offline DDT

  • Full Member
  • ***
  • Post: 203
  • località di residenza: Breganze (VI)
Bella scelta, la zona la conosco bene ma non ho mai visitato il bunker.
L'effetto mare di nuvole da solo vale l'escursione!

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.373
  • Sesso: Maschio
Bel giro … grazie per la condivisione e per le note storiche  :) Complimenti per le foto... veramente belle  :)
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.030
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
molto bello, grazie per la condivisione!

Offline piesospinto

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 377
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Grazie a voi!
Mauro

Offline fililu

  • Full Member
  • ***
  • Post: 216
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Bellissimo giro e molto interessante. Le foto sempre al top. Noi in zona abbiamo fatto la ferrata Roghel dal rif, Berti e il monte Popera, ma dall'altro versante. Grazie.