Autore Topic: [M. GRAPPA] Tuffo nel passato nei paesi fantasma di Carazzagno  (Letto 13326 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

La frazione abbandonata di Fumegai in Val Carazzagno

Dopo varie discussioni sui paesi "fantasma" ho deciso di andare a dare un'occhiata a questa famosa Val Carazzagno, sopra il Lago del Corlo (Arsié, BL). Prendo a prestito le belle parole del sito magicoveneto:

Carazzagno, una valle dimenticata e abbandonata, aggrappata sulle alte sponde del lago del Corlo, nasconde tesori della natura e contrade morte, dove la struggente tristezza e la nostalgia del tempo e del mondo perduto trafiggono il cuore. Un gruppo di case abbandonate da decenni, la vegetazione che cerca di riappropriasi di quei poveri spazi, un erboso sentierino che non percorre mai nessuno e la tristezza che ti sale lenta, ma sempre più profonda e stringente. E' un tuffo nella storia di fine ottocento e del primo novecento, fatta di pellagra e miseria, di lavoro gramo e menti annebbiate dal vino e dal fumo, ed anche di menti allenate all'intelligenza sopraffina necessaria per la dura sopravvivenza. Da qui partirono i giovani che emigrarono nelle Americhe e fecero fortuna con l'intelligenza ed il tanto lavoro, qui restarono solo pochi vecchi e poi non restò più nessuno.



Improponibile la nostra civiltà in un luogo così inaccessibile e fuori del mondo. Qui si sopravviveva in simbiosi con gli animali domestici, le mucche, le capre, i maiali e le galline. Ovviamente, ad aumentarne l'isolamento, non esisteva il ponte sospeso su corde ed il lago artificiale, opere del secondo dopoguerra. La contrada più vicina è Forzeleta, ora affacciata sul lago di Corlo. Un posto come questo ha la fortuna di essere rimasto intatto, anche se molto malconcio, e può restituirci l'emozione di toccare con mano quelle che sono le nostre radici autentiche e più profonde di essere Veneti.



Molte di queste contrade sorsero durante l'infuriare delle invasioni barbariche, chi si rifugiò in laguna, chi cercò scampo tra queste lande sperdute ed inaccessibili. E tra questi anfratti miseri di risorse e difficili per la sopravvivenza, sbocciò una civiltà che durò oltre un millennio. E' la nostra storia più autentica questa. Quando te ne vai da una contrada come questa l'unica sensazione che ti rimane dentro è il sentirti un povero orfano della tua storia e delle tue radici.
http://www.magicoveneto.it/Grappa/Corlo/Fumegai.htm

----











Dopo aver letto queste descrizioni, sono partito pieno di curiosità. Oltrepassato il ponte sugli orridi del Lago del Corlo, inizio a salire per la strada forestale che è carrozzabile e senza divieti. Arrivato al bivio per la val Carazzagno mi rendo conto che è tutta in ombra e praticamente un'infame ghiacciaia. Lascio perdere e provo a salire per la forestale di destra con l'auto, la strada diventa impegnativa con tratti ghiacciati e rampe sconnesse ma avendo un 4x4 non ho problemi. Salgo per diversi km e dopo 700 metri di dislivello  arrivo sulla strada asfaltata per il Grappa  ;D. Scendo quindi verso Caupo e poi Fonzaso: siccome era ora di pranzo, mi fiondo in pizzeria alla "Fenadora" ;D.





Dopo pranzo torno alla carica e mi riporto a Rocca al ponte del Corlo, vicino al cimitero. Lascio l'auto e parto per bel sentierino lastricato, molto probabilmente la vecchia via. Arrivo al bivio per Val Carazzagno e imbocco la stretta forestale invasa dal ghiaccio che si inoltra in una angusta e gelida forra. La temperatura precipita, con la mano mezzo congelata esenza guanti mi aggrappo a una rete per non scivolare sul ghiaccio e mi maciullo un dito su uno spuntone di fil di ferro  >:( Male bestia. Risalgo per la stradella passando accanto ad alcune case abbandonate, ma almeno finalmente esco dalla zona d'ombra e raggiungo il sole. Dopo qualche km abbandono la strada per seguire un bel sentierello senza indicazioni, che mi porta, con crescente emozione, alla frazione disabitata di Fumegai.







Intravvedo le prime case tra la vegetazione fitta, seguendo il sentiero che si inerpica tra due file di alberi contorti. La prima casa è quasi diroccata. Le porte sono aperte. Provo a entrare con circospezione, i pavimenti in legno potrebbero crollare. C'è una cucina con ammassate masserizie varie, mobili, sedie, roba fracassata, il grande camino per il fuoco. Sui muri vedo soprendentemente dei bei disegni, uno addirittura con scritte in arabo (quindi penso abbastanza recenti). Provo a salire al piano di sopra: ci sono le stanze da letto con letti malmessi, tendaggi smandrappati, infissi sfasciati. Qua e là qualche scarpa rotta.





Salgo ancora per una stretta scala in legno ai piani superiori: altre stanze, poi la soffitta con vecchi attrezzi. Scendo, esco e vado incontro a un gruppo di case un poco più in alto, alcune sono crollate. Entro con molta attenzione, i muri pieni di crepe sembrano assai pericolanti e non c'è da fidarsi troppo. Entro in cantine invase da attrezzi e mobili vecchi, vecchie stalle con ancora le mangiatoie.





C'è una cucina col grande camino, vecchie riviste buttate in un angolo: ne sfoglio qualcuna, ad occhio avranno una trentina d'anni. Buttato in un angolo, un pezzo di libro, evidentemente usato per accendere il fuoco:  "Diario della fame" di A. Frescura (scoprirò su internet che la prima edizione è del '32). Cerco di immaginare chi abitasse queste sperdute contrade, e come vivesse in questi luoghi isolati da tutto. Continuo l'esplorazione del piccolo borgo fantasma. C'è una vecchia fontana senz'acqua, con incisa una data: 1900.





Una casa mi colpisce in particolare, con un bel ballatoio invaso da edere rigogliose. Ancora vecchie cucine semidistrutte, masserizie sfasciate, stanze da letto con materassi sventrati, stalle e cantine ingombre di vecchi attrezzi fracassati. Salgo inerpicandomi per una ripida e scricchiolante scala in legno. Con molta prudenza mi avventuro sul ballatoio in legno, sperando che regga. Tra sinistri scricchiolii mi affaccio infine su una stanza dove rimango a bocca aperta: è tutta decorata con scritte e disegni! Non sembrano vecchissimi, ma sono molto belli, con uno stile molto naïf, e danno a quella strana stanza un'atmosfera quasi magica. Forse quei disegni sono di quei "figli dei fiori" che si dice abbiano abitato qui, abusivamente, per qualche tempo tra gli anni '60 e '70.



Proseguo il cammino abbandonando l'antica contrada per salire per un'erta valle invasa da una vegetazione lussureggiante e anzi invadente. Qua e là altri ruderi ormai sepolti nel bosco fitto, e c'è da chiedersi chi diavolo abitasse in posti simili, e per fare che cosa. Il sentiero si perde mentre cerco di di raggiungere i Casoni Bassani, altra frazione abbandonata. Prendo vari sentierelli che si perdono nella boscaglia o vanno nella direzione sbagliata. Taglio su per il bosco, il sentiero non c'è più, fatico come una bestia su per il bosco ripido e intricato. Arrivo sotto a Contrada Bassani (così credo, invece sono salito fino a Rorat come mi accorgerò poi a casa guardando la traccia gps) ma ci sono dei terrapieni con muri a secco alti due metri e rovi dappertutto. Alcuni muri riesco a superarli, altri li devo aggirare con giri viziosi e faticosi. Raggiungo finalmente il gruppo di case, che però presentano lavori di ristrutturazioni in corso. Non c'è nessuno in giro ma sicuramente qualcuno ci viene di frequente.







Non ci sono strade, solo sentieri. Ci sono altre case sparse lungo i costoni della valle, più o meno abbandonate, ma ormai sono già le 16.00 ed è ora di rientrare. Prendo un bel sentierello che mi riporta sul sentiero n 7 che scende alla Forzeleta. Quindi discesa rognosa, col buio incombente, su uno scomodo sentiero sassoso coperto da un letto di foglie alto 30 cm. Con molta prudenza calo di quota fino alla passerella che supera la gola sulle acque ghiacciate del lago di Corlo, riportandomi alla macchina che è ormai buio. Bel giro, non lungo (circa 12 km) e con dislivello modesto (circa  600), una specie di tuffo nel passato che fa riflettere.
 

immagini a schermo intero
http://picasaweb.google.com/116989451028654413444/Carazzagno1501122127#slideshow/5697967720737303634
« Ultima modifica: 18/04/2016 11:49 da AGH »

Offline danieled

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.480
  • Sesso: Maschio
  • Daniele
Cavoli che tuffo nel passato Agh!!!

Sembra che gli abitanti se ne siano andati dalla sera alla mattina...

O forse le comuni Hyppie che vi hanno risieduto per qualche tempo non erano particolarmente ordinate  ::)


mi è piacito: "ci sono più fiori nel mio cuore per voi che in tutti i giardini del mondo"
bellissimo!
Non abbiamo ricevuto questo pianeta in eredità dai nostri padri, ma in prestito dai nostri figli.

Offline angela

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 381
  • Sesso: Femmina
Però, ci arrivava anche la corrente elettrica! Pensavo che quelle zone fossero state abbandonate precedentemente. Perchè fare una linea elettrica e non strade di accesso? Oppure quella foto dove ho visto un interruttore era di un luogo abbastanza vicino all "civiltà"?
"i fiori, la musica e i bambini sono i gioielli della vita"
Pyotr Ilyich Tchaikovskj

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Però, ci arrivava anche la corrente elettrica! Pensavo che quelle zone fossero state abbandonate precedentemente. Perchè fare una linea elettrica e non strade di accesso? Oppure quella foto dove ho visto un interruttore era di un luogo abbastanza vicino all "civiltà"?

ho fatto caso anche io alla presenza di corrente elettrica. E' probabile che nel dopoguerra ci fosse ancora qualcuno e avessero tirato una linea elettrica... C'è un'unica stradina di accesso che si ferma però alla Forzeleta. Fumegai si raggiunge solo con una stretta stradella. Il resto della valle è selvaggio e pressoché irraggiungibile se non a piedi per gli antichi sentieri. C'è una forestale su versante nord, che è quella che ho risalito in auto e che raggiunge la strada per il Grappa. Il fondovalle, dove ci sono alcune case, prende pochissimo sole. Per il resto non capisco di cosa vivessero lassù. Non ci sono malghe quindi sono esclusi pascoli. Ci sono piccole stalle, forse per asini (trasporto legname) e qualche capra. Ho visto diversi muri a secco nel bosco (cresciuto dopo, evidentemente), forse coltivavano qualcosa ma non saprei cosa...

Laccoro

  • Visitatore
I tuoi lavori sono sempre molto godibili.
Grazie... anche per aver aperto la strada, sono anni che mi riprometto di andare in zona, buona occasione per rimetterla in cima alla lista. Puoi pubblicare il tracciato su ET o metterlo qui?

Offline Selvagem

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 675
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Povo
Agh, hai visto o notato tracce di animali selvatici?
Più ne hai meno ne perdi

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Agh, hai visto o notato tracce di animali selvatici?

si ho visto in una radura degli ungulati che scappavano a gambe levate... avevano il sedere bianco, non sono riuscito capire cosa fossero perché li ho intravisti per pochi secondi...

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
I tuoi lavori sono sempre molto godibili.
Grazie... anche per aver aperto la strada, sono anni che mi riprometto di andare in zona, buona occasione per rimetterla in cima alla lista. Puoi pubblicare il tracciato su ET o metterlo qui?

si poi lo posto ciao

Offline Selvagem

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 675
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Povo
A quelle quote è più facile trovare caprioli che hanno il biancore del...deretano più accentuato e sono delle gazzelle di montagna :D
Più ne hai meno ne perdi

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.813
  • Sesso: Femmina
Luoghi affascinanti ed inquietanti allo stesso tempo...un'atmosfera emozionante...un tuffo nelle origini della nostra civiltà...una realtà semplice ma molto dura. Questi posti mi hanno catturato ed ammagliato...devo assolutamente andare a visitarli! Complimenti per lo splendido reportage!  :D

P.S.: le scritte in arabo sono la trascrizione, anche se un po' imprecisa e non sempre facile da decifrare, di nomi propri italiani: Ada, Bruna, Claudio, Danila, Mario, Elisabetta.
« Ultima modifica: 16/01/2012 14:06 da Franz »

Offline danieled

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.480
  • Sesso: Maschio
  • Daniele
Luoghi affascinanti ed inquietanti allo stesso tempo...un'atmosfera emozionante...un tuffo nelle origini della nostra civiltà...una realtà semplice ma molto dura. Questi posti mi hanno catturato ed ammagliato...devo assolutamente andare a visitarli! Complimenti per lo splendido reportage!  :D

P.S.: le scritte in arabo sono la trascrizione, anche se un po' imprecisa e non sempre facile da decifrare, di nomi propri italiani: Ada, Bruna, Claudio, Danila, Mario, Elisabetta.

Wow Franz mi stupisci... conosci l'Arabo??? ?
Non abbiamo ricevuto questo pianeta in eredità dai nostri padri, ma in prestito dai nostri figli.

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
P.S.: le scritte in arabo sono la trascrizione, anche se un po' imprecisa e non sempre facile da decifrare, di nomi propri italiani: Ada, Bruna, Claudio, Danila, Mario, Elisabetta.

e tu come lo sai? :)

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.813
  • Sesso: Femmina
Ho avuto la "pazza" idea di laurearmi in arabo ormai 13 anni fa, in quel di Venezia  :)
« Ultima modifica: 16/01/2012 19:05 da Franz »

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.309
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
I tuoi lavori sono sempre molto godibili.
Grazie... anche per aver aperto la strada, sono anni che mi riprometto di andare in zona, buona occasione per rimetterla in cima alla lista. Puoi pubblicare il tracciato su ET o metterlo qui?

nel messaggio iniziale ho messo la mappa con foto e percorso gps
qui a pieno schermo, ciao
http://www.everytrail.com/fullscreen.php?trip_id=1420081&code=c47dbf96906330cea017ca230bb198d0

Offline SPIDI

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.381
  • Sesso: Maschio
Interessante il giro! Sarebbero posti ideali per chi vorrebbe viverci in pace. Per sempre....    :o ;D
Bisogna andare dove pochi sono andati per vedere   
ciò che pochi hanno visto