Prima escursione di primavera....da Bassano del Grappa a Rubbio di Conco

Autore Topic: Prima escursione di primavera....da Bassano del Grappa a Rubbio di Conco  (Letto 9033 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Ro76xxx

  • Visitatore
Uauuuuuu Franz!Sono davvero contenta x te hai trovato una comitiva davvero speciale ed ammirevole,avete letteralmente "masticato"chilometri ma nulla vi ha tolto il sorriso sulle labbra.....prima o poi verremmo anche noi a far un giretto,se possiamo eh? ::)che bei posti.....bravissimi TUTTI! :-* :)

Offline Claudia

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 6.721
  • Sesso: Femmina
Ahi ahi ahi... Passoveloce stà attenta, che la Franz tra un po' ti soffia il primato di turbodonna!
Complimentissimi Franz, sembra proprio un megagiro.  ;)

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.811
  • Sesso: Femmina
eccellente mix di sport, etnografia, cultura ed enogastronomia, il massimo x stare in piacevole compagnia !
Però una foto della vista da Rubbio manca....
P.S. è presto x il risotto con gli asparagi di Bassano ?
[/quote/]

Purtroppo in giro per mercati al momento si trovano solo gli asparagi spagnoli....ma tra un po' arrivano anche quelli di Bassano! Gnam gnam! ;D ;)

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.811
  • Sesso: Femmina
Grazie grazie grazie infinite a tutti e a tutte! :-*

Naturalmente siete tutti e tutte invitati ad unirvi alla superciurma!

Un salutone,
Franz
« Ultima modifica: 24/03/2009 13:58 da Franz »

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Bella camminata, Franz...e bella la via del tabacco. Mi fa piacere parli del nostro territorio veneto. E pure della tappa al Ruben's Stube Fest serale, che conosco bene e di cui confermo la buona cucina (locale frequentatissimo il fine settimana). A me piacciono anche i sentieri che salgono verso Luserna e quelli che salgono a Rotzo da Pedescala e dintorni. Camminate facili di fine autunno con gli amici, da concludersi con immancabile castagnata e caraffe di rosso. In semplicità... :)

Ciao Donkey! Se ti piacciono i sentieri della montagna vicentina "povera", ti consiglio un bellissimo libro di Liverio Carollo, "Sui sentieri della Val d'Astico - Guida escursionistica con note storiche e naturalistiche" - Danilo Zanetti Editore. Contiene 98 descrizioni di sentieri (alcuni segnati Cai, altri no) che partono dalle zone in cui scorre l'Astico, appunto, dalle sue sorgenti (Sommo Alto, Plaut, Bocca di Vall'Orsara) fino a quando arriva in pianura. Inoltre, ciascuna descrizione di escursione contiene una serie di note storiche, naturalistiche, indicazioni di altri collegamenti...Poi prendendo spunto da esse, si vaga, si cerca, si gira... Per esempio, 10 giorni fa ho fatto una interessantissima escursione sul Summano, partendo da Meda di Velo d'Astico, su una vecchia mulattiera di guerra, parallela a Costa La Rancina, non segnata, anzi purtroppo in stato di abbandono e molto inerbata e quasi imboscata che porta a rovine di una incredibile fortificazione quasi sospesa su Velo d'Astico e poi a tutta una serie di postazioni di guerra... bellissimo, inutile a dire che non ho trovato nessuno!!!
Livero Carollo è un grande conoscitore e appassionato di queste mie montagne vicentine "povere", forse povere anche di paesaggi spettacolari come si possono trovare sulle Dolomiti, ma ricche di preziose tracce storiche (ci sono decine e decine di resti della Prima Guerra Mondiale), naturalistiche, antropologiche... Tutto purtroppo non valorizzato, i soldi vanno solo per le piste da sci!

donkey71

  • Visitatore
Ciao Danj e grazie della segnalazione, non può che interessarmi. Oltre ad itinerari di impegno, mi piace ogni tanto anche rilassarmi con due (meglio, quattro) passi. Se conosci questi posti, immagino tu sia della zona. Fortunata, direi. So che il noto professore che mi citi, è diventato cittadino onorario di Posina, e credo se lo meriti per la sua profonda cultura del ambiente locale (ma non solo).

Io amo da sempre frequentare la montagna povera, e soprattutto fuori stagione quando non prediligo itinerari in alta quota. Mi piace parlare con la gente, soprattutto. E' questo il bello, parlare con chi abita la montagna dove non cade la neve firmata Armani o Versace tanto cara agli sciatori della domenica. Mi piacerebbe certo aver molto più tempo per coltivar maggiormente l'arte di andarmene a zonzo ad esplorare certe contrade...ne ho tante segnate nella mia Moleskine. Ogni volta che vado a zonzo, trovo sempre sorprese. Piccole contrade come Laghi, per me, son posti davvero stupendi. Sembrano mondi lontani, e lo sono per davvero!  :) Priaforà, Novegno e Summano li ho tutti saliti più volte. In Altopiano di Asiago, pure, son di casa. Anche lì, ci con tanti bei posti che la gente non conosce. Solo pochi appassionati, credo conoscano e frequentino infine la zona zona Arsiero. Giusto in ottobre scorso ho percorso il Rapàro, sentiero degli antichi contrabbandieri che parte da Pedescala. Ed il bello, oltre al percorso tutto da ricercare, è stato parlare con certi vecchi della zona...sarei stato là delle ore ad ascoltare della guerra e delle sue tristezze. C'è vera storia nella parole della gente, ho parlato con gente che ha assistito a dei genocidi di massa. Allucinante, sai.  :o

Spostandoci poco in là, Posina/Colle Xomo è una altra parte di montagna alquanto selvaggia e poco frequentata...è quella a sud del Pasubio, come tu sai. Difficile trovar qualcuno che sappia di certi "vori" nascosti da queste parti. E la Bocchetta Sgralaite, credo sia un altro luogo davvero poco conosciuto....giusto per citar qualcosa. Andar per questi posti, vuol dire veramente essere SOLI. Bisogna anche far attenzione, talvolta.

Mi raccomando, non smettere di frequentare questa montagna meno famosa ma non meno bella di altre. La montagna TUTTA ha bisogno soprattutto di NON ESSERE DIMENTICATA, ha bisogno di noi...gente "resistente". Appena mi libero da questa estate di impegni più in alto e di livello diverso, mi farò un giro dalle tue parti. Il libro dovrei trovarlo, qui a Padova c'è una libreria molto fornita dove solitamente trovo tutto. 

Ciao!   ;)
« Ultima modifica: 28/03/2009 21:25 da DONKEY »

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.811
  • Sesso: Femmina
Ciao Donkey! Se ti piacciono i sentieri della montagna vicentina "povera", ti consiglio un bellissimo libro di Liverio Carollo, "Sui sentieri della Val d'Astico - Guida escursionistica con note storiche e naturalistiche" - Danilo Zanetti Editore. Contiene 98 descrizioni di sentieri (alcuni segnati Cai, altri no) che partono dalle zone in cui scorre l'Astico, appunto, dalle sue sorgenti (Sommo Alto, Plaut, Bocca di Vall'Orsara) fino a quando arriva in pianura. Inoltre, ciascuna descrizione di escursione contiene una serie di note storiche, naturalistiche, indicazioni di altri collegamenti...Poi prendendo spunto da esse, si vaga, si cerca, si gira... Per esempio, 10 giorni fa ho fatto una interessantissima escursione sul Summano, partendo da Meda di Velo d'Astico, su una vecchia mulattiera di guerra, parallela a Costa La Rancina, non segnata, anzi purtroppo in stato di abbandono e molto inerbata e quasi imboscata che porta a rovine di una incredibile fortificazione quasi sospesa su Velo d'Astico e poi a tutta una serie di postazioni di guerra... bellissimo, inutile a dire che non ho trovato nessuno!!!
Livero Carollo è un grande conoscitore e appassionato di queste mie montagne vicentine "povere", forse povere anche di paesaggi spettacolari come si possono trovare sulle Dolomiti, ma ricche di preziose tracce storiche (ci sono decine e decine di resti della Prima Guerra Mondiale), naturalistiche, antropologiche... Tutto purtroppo non valorizzato, i soldi vanno solo per le piste da sci!



Conosco il libro. E' fantastico! :D

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Se ascoltassi solo il mio cuore, mi sarei già trasferita in una di queste contrade di mezza montagna, ma fino ad adesso ha finito per prevalere la ragione: qui a Vicenza ho il lavoro, gli amici, la famiglia.. e quindi sono ancora qui in pianura. Una coppia di miei amici l'ha fatto: si è trasferita da Vicenza in una delle più remote contrade di Laghi, sono molto più sereni e un po' li invidio, alla fine in me prevale la "pigrizia" e quindi mi "ciuccio" tutta la nostra bella (?) pianura. Per consolarmi, penso che in 3/4 d'ora di macchina sono ad Arsiero o a Caltrano e da lì posso salire, almeno fine a che non inizia a fare troppo caldo. A proposito di Arsiero, vi segnalo un'opera militare straordinaria e pressochè sconosciuta, si tratta di una galleria elicoidale che percorre la Cima Neutra che è la cima che sta in mezzo tra il Caviòio e il Cimone di Tonezza. Parte alla base dello sperone roccioso di Cima Neutra a circa quota m. 1060 e lo risale a gradoni all'interno per circa 90 m. di dislivello (indispensabile al torcia elettrica) fino a sbucare alla sommità per poi riprendere il sentiero che porta al Cimone. E' stata costruita dagli italiani naturalmente durante la PGM per "spiare" gli austriaci che si trovavano sul Cimone.
Vi avverto però che appena l'aria inizia a scaldarsi queste sono zone infestate dalle ZECCHE, io le ho prese sempre e solo qui 4 o 5 volte, quindi attenzione...però si incontrano anche molti ungulati che spesso e volentieri incrociano il nostro cammino!
Poi, volendo, si riescono a fare anche 4 bei passi con più di 1000 m. di dislivello, ad esempio se si sale sul Pasubio dal versante di Posina (la Val Sorapache, la Val del Pruche e la Val Caprara, tutte selvagge e meravigliose) o sempre da Posina verso il Monte Maggio o dalla zona di Lastebasse verso i Fiorentini (anche se adesso le splendide Val delle Lanze e Val dei Tre Sassi sono state rovinate da assurde piste da sci).
Forse dalle mie parole traspare il mio grande amore per queste terre, forse perchè mia nonna era di Asiago, forse perchè la famiglia del mio compagno è di Lastebasse, ma io amo queste montagne più di ogni altra e tra loro mi sento a casa.

P.S. Grazie agli amici trentini che lasciano spazio anche per parlare di "altre" montagne!!

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.811
  • Sesso: Femmina
Se ascoltassi solo il mio cuore, mi sarei già trasferita in una di queste contrade di mezza montagna, ma fino ad adesso ha finito per prevalere la ragione: qui a Vicenza ho il lavoro, gli amici, la famiglia.. e quindi sono ancora qui in pianura. Una coppia di miei amici l'ha fatto: si è trasferita da Vicenza in una delle più remote contrade di Laghi, sono molto più sereni e un po' li invidio, alla fine in me prevale la "pigrizia" e quindi mi "ciuccio" tutta la nostra bella (?) pianura. Per consolarmi, penso che in 3/4 d'ora di macchina sono ad Arsiero o a Caltrano e da lì posso salire, almeno fine a che non inizia a fare troppo caldo. A proposito di Arsiero, vi segnalo un'opera militare straordinaria e pressochè sconosciuta, si tratta di una galleria elicoidale che percorre la Cima Neutra che è la cima che sta in mezzo tra il Caviòio e il Cimone di Tonezza. Parte alla base dello sperone roccioso di Cima Neutra a circa quota m. 1060 e lo risale a gradoni all'interno per circa 90 m. di dislivello (indispensabile al torcia elettrica) fino a sbucare alla sommità per poi riprendere il sentiero che porta al Cimone. E' stata costruita dagli italiani naturalmente durante la PGM per "spiare" gli austriaci che si trovavano sul Cimone.
Vi avverto però che appena l'aria inizia a scaldarsi queste sono zone infestate dalle ZECCHE, io le ho prese sempre e solo qui 4 o 5 volte, quindi attenzione...però si incontrano anche molti ungulati che spesso e volentieri incrociano il nostro cammino!
Poi, volendo, si riescono a fare anche 4 bei passi con più di 1000 m. di dislivello, ad esempio se si sale sul Pasubio dal versante di Posina (la Val Sorapache, la Val del Pruche e la Val Caprara, tutte selvagge e meravigliose) o sempre da Posina verso il Monte Maggio o dalla zona di Lastebasse verso i Fiorentini (anche se adesso le splendide Val delle Lanze e Val dei Tre Sassi sono state rovinate da assurde piste da sci).
Forse dalle mie parole traspare il mio grande amore per queste terre, forse perchè mia nonna era di Asiago, forse perchè la famiglia del mio compagno è di Lastebasse, ma io amo queste montagne più di ogni altra e tra loro mi sento a casa.

P.S. Grazie agli amici trentini che lasciano spazio anche per parlare di "altre" montagne!!



Come ti capisco! Io sono nata ai piedi del "mio" amato Pasubio e ci vivo da sempre. I miei genitori si sono conosciuti sul Pasubio...il mio destino è con il Pasubio. Non potrei fare a meno delle "mie” amate montagne! Sono per me linfa vitale. Ogni giorno, prima di partire per il lavoro, le guardo con occhi pieni di felicità ed un sorriso incantato. Poi do loro un bacio e ringrazio Dio di averle create.

Vivo in una contrada da quando son nata e da 9 anni a questa parte mi sono trasferita nel cuore di questa contrada. E' un altro stile di vita. Prevale il senso della comunità, della solidarietà. Sono valori che purtroppo stanno andando persi, ma che ancora esistono e devono perciò essere coltivati e mantenuti vivi.



P.S.: quest'estate dobbiamo assolutamente organizzare un'escursione in compagnia sulle "nostre" amatissime montagne! :D

Offline Franz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.811
  • Sesso: Femmina
Vorrei, a proposito, citare un paio di siti Internet con delle bellissime escursioni in Veneto:

http://www.occhidigatto.com/escursionismo/escursioni-in-veneto

http://www.magicoveneto.it/

grazia

  • Visitatore
A proposito di Arsiero, vi segnalo un'opera militare straordinaria e pressochè sconosciuta, si tratta di una galleria elicoidale che percorre la Cima Neutra che è la cima che sta in mezzo tra il Caviòio e il Cimone di Tonezza. Parte alla base dello sperone roccioso di Cima Neutra a circa quota m. 1060 e lo risale a gradoni all'interno per circa 90 m. di dislivello (indispensabile al torcia elettrica) fino a sbucare alla sommità per poi riprendere il sentiero che porta al Cimone. E' stata costruita dagli italiani naturalmente durante la PGM per "spiare" gli austriaci che si trovavano sul Cimone.


mmm interessante e dove si possono trovare ulteriori info??

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
mmm interessante e dove si possono trovare ulteriori info??

Ciao Sal! Appena ho un po' più di tempo ti spiego bene bene. Nel frattempo chiedo a qualcuno di spiegarmi PASSO PER PASSO come inserire le foto. Pensavo di provare a mettere una foto della cartina della zona. Ciao!

grazia

  • Visitatore
Ciao Sal! Appena ho un po' più di tempo ti spiego bene bene. Nel frattempo chiedo a qualcuno di spiegarmi PASSO PER PASSO come inserire le foto. Pensavo di provare a mettere una foto della cartina della zona. Ciao!
grazie danj :)
Sal

grazia

  • Visitatore
Nel frattempo chiedo a qualcuno di spiegarmi PASSO PER PASSO come inserire le foto. Pensavo di provare a mettere una foto della cartina della zona. Ciao!

qui http://girovagandoinmontagna.com/forums/index.php/topic,260.0.html

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.261
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)