Autore Topic: [FILM] L'eco del silenzio (ascensione parete nord dell'Eiger del 1936)  (Letto 4007 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.306
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
L'eco del Silenzio
L'alpinista Joe Simpson ripercorre una delle tragedie più epiche dell'alpinismo, quella del 1936 in cui Toni Kurtz con altri tre compagni provò a conquistare per primo l'inviolata parete Nord dell'Eiger. La narrazione della strenua lotta di Kurtz per la sopravvivenza, parallelismi esperienziali, ricordi poetici e pure dolorosi fanno sì che Simpson affronti alcuni suoi interrogativi fondamentali sulla passione per l'arrampicata o, meglio, sul senso profondo delle cose. Evitando gli occasionali scivoloni nel melodramma de La morte sospesa, Louise Osmond crea una storia straziante e carica di umanità.
Tratto dal libro omonimo dello stesso Joe Simpson, protagonista del film di straordinario successo "La morte sospesa".

« Ultima modifica: 26/03/2013 09:48 da AGH »

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.367
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
L'avevo visto quando è uscito! La ricostruzione è interessante e lui è molto bravo secondo me. Tra l'altro è uscito in contrapposizione al film sullo stesso argomento (NordWand). Anche il film (nonostante le romanzate) è fatto bene (altro che Kakka 2  ;D ). Speriamo di vederne altri!  ;)

http://www.youtube.com/watch?v=71nUn2FcZDw
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.306
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
L'avevo visto quando è uscito! La ricostruzione è interessante e lui è molto bravo secondo me. Tra l'altro è uscito in contrapposizione al film sullo stesso argomento (NordWand). Anche il film (nonostante le romanzate) è fatto bene (altro che Kakka 2  ;D ).

esattamente! :D E' la dimostrazione che fare buoni film in montagna si può! E forse era anche più difficile di girare sul finto K2, perché le riprese in parete le devi fare comunque!  ;D