Ferrata Laurenzi

Autore Topic: Ferrata Laurenzi  (Letto 1356 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline mirko

  • Newbie
  • *
  • Post: 8
  • località di residenza: Trento (TN)
Ferrata Laurenzi
« il: 06/08/2015 09:18 »
Gita di domenica 19 luglio.
Dopo un bel po' di tempo passato solo a leggervi è tempo di buttarsi anche per me in un racconto.
Sfrutto questa bella gita con cui festeggiamo in pratica il ritorno in montagna: la ferrata Laurenzi.
La Laurenzi ce l'abbiamo in mente da qualche anno e finalmente quest'estate col suo meteo rovente ci fa decidere di affrontarla, per come lo abbiamo pensato è un giro bello lungo e serve un buon supporto meteo.

Alle 5 partiamo dalla piazza di Mazzin e risaliamo la bella Val Udai che in 3 orette ci porta al rifugio Antermoia.
Breve pausa per un dissetante succo di sambuco e per chiedere due dritte al rifugista visto che in rete ho letto che l'attacco da questo lato della ferrata non è evidentissimo e soprattutto non è segnato.

In breve ripartiamo e puntiamo al ghiaione che risale dietro la torre del lago circa un 200 metri dopo la fine del lago di Antermoia. In realtà non è difficile beccarlo, il ghiaione che risale è l'unico sulla destra quindi evidente, si vede anche una traccia che sale fra le pietre e bene o male si prende all'altezza di un palo della segnaletica posto sulla sinistra.

Risaliamo il ghiaione per metà e poi prendiamo l'evidente ramo che si stacca a sinistra ( individuato da un paio di ometti e più avanti da sbiatiti segni rossi). Si rimonta in pratica tutto il ramo e sulla destra si vedono evidenti i cavi di inizio ferrata.
La ferrata parte bella atletica per i primi quattro spezzoni, poi diventa piacevole.
Risaliti al primo dei Molignon si arriva al punto dove prestare più attenzione, perchè c'è un breve tratto di cresta molto aerea e per nulla protetta ( se servisse ho visto degli spit per eventuali assicurazioni), ma con la dovuta calma noi l'abbiamo superata tranquillamente.
Da lì in poi ci si muove su crestra e su tratti più verticali ma sempre attrezzati con il cavo.
Si arriva dopo 3 orette abbondanti al passo del  Molignon e da lì in poco al rifugio Alpe di Tires.
Pausa pranzo sui prati davanti al rifugio e poi via per il ritorno; noi optiamo per scendere parte della Val Duron per poi ricongiungerci alla val Udai per il passo Ciaregole e chiudere così un bel giro circolare.
Ritorno lungo ma tranquillo a parte la risalita al passo Ciaregole che ci taglia quel poco di gambe che ci restava :D.

Poco prima delle 17 siamo di nuovo alla macchina come si suol dire stanchi ma felici.
Se piacciono le scammellate consiglio questo giro per niente affollato tranne che nei dintorni del rifugio Alpe di Tires e in direzione del rifugio Sassopiatto, consiglio inoltre di effettuare il giro nel nostro senso, dopo averli visti sono stato contento di aver scelto di affrontare il pezzo più atletico della ferrata in salita e a inizio giornata.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 19.980
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Ferrata Laurenzi
« Risposta #1 il: 08/08/2015 08:53 »
Grazie per il report... Manco sapevo che esistesse questa ferrata...

Inviato dal mio LG-D802 utilizzando Tapatalk