Autore Topic: [VALLE AURINA] Cima Mattina m. 3073, Cima dell’Acqua m. 3135  (Letto 6446 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline DDT

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • località di residenza: Breganze (VI)
12/08/2023

Uscita top nella recondita Valle di Rio Molino / Muhlbachtal: facile la salita a Cima Mattina / Morgenkofel, un po’ più impegnativa ma stupenda la traversata di cresta fino a Cima dell’Acqua / Wasserkopf.
Parcheggio appena a monte del paesino di Rio Molino / Muhlbach, poi si sale lungamente su stradina sul SV 2 passando per varie malghe.
Arrivati alla Malga della Vanga di Sopra / Oberwanger Alm la pendenza si accentua, si oltrepassano gli ultimi alpeggi e i primi macereti. A quota m. 2570 si lascia il sentiero principale diretto al Giogo di Rio Molino / Muhlbacher Jochl e si devia a N su sentiero segnato ma non numerato (indicazione Morgenkofel su una roccia).
Si continua facilmente attraversando gli ultimi verdi, poi su macereti e sfasciumi si raggiunge facilmente la vetta di Cima Mattina / Morgenkofel m. 3073.
Per proseguire verso Cima dell’Acqua / Wasserkopf ci si dirige verso O, seguendo gli ometti e quel che resta di un incredibile sentiero scalinato dei primi del ‘900, costruito dal DOAV per accrescere l’offerta turistica del neonato Further Hutte (ora Rifugio Vedrette di Ries).
Si rimane spesso in cresta, aggirando qualche spuntone a N.
Poco oltre la metà della cresta c’è un passaggio un po’ più impegnativo, da superare seguendo una cengia in discesa sul versante N o in alternativa arrampicando sullo spuntone.
La cuspide finale sembra inarrivabile escursionisticamente, ma la traccia la aggira a N per poi salire in vetta alla Cima dell’Acqua / Wasserkopf m. 3135.
Panorami super dalla cima ma anche durante tutta la traversata!
Rientro rigorosamente a ritroso dalla via di salita.


Foto:



Le malghe nella parte passa della valle


Prima dello strappo finale per Cima Mattina


Da Cima Mattina: a sx il gruppo Monte Nevoso - Monte Magro - Collalto, a dx la Croda Nera


La cresta verso Cima dell’Acqua (a dx), sullo sfondo a sx le Cime della Finestra




In cresta, si notano i pietroni appositamente sistemati più di 100 anni fa


Il passaggio più esposto, la cengetta


L’alternativa alla cengia, arrampicare sul gendarme (fatto al ritorno in discesa)


La cuspide finale che si aggira sulla destra


Croce di vetta di Cima dell’Acqua


In primo piano la cresta percorsa, dietro la Croda Nera


Cime della Finestra


Monte Nevoso, Monte Magro e Collalto


 La traccia: 17,5 Km, D+ 1750 mt circa

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.888
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Bellissimo giro, complimenti! Posti che non conosco ma magnifici. Certo la cengetta dalla foto sembra veramente brutta! Ma sotto com'è?
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/

Offline DDT

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • località di residenza: Breganze (VI)
Bellissimo giro, complimenti! Posti che non conosco ma magnifici. Certo la cengetta dalla foto sembra veramente brutta! Ma sotto com'è?
Non è così brutta, è esposta perchè sotto c'è un salto di una decina di metri, ma gli appoggi sono solidissimi.
Nel caso c'è la possibilità di fare sicura con la corda.
Dovessi consigliare direi di fare la cresta all'andata e la cengia al ritorno, in modo da affrontare il passaggio entrambe le volte in salita.