Autore Topic: Anello da Serrada per la Forra del Lupo e il Dosso del Sommo  (Letto 7775 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Un bell'anello di notevole interesse storico e paesaggistico, che non presenta particolari difficoltà e pertanto può essere fatto, con un po' di attenzione,  anche da persone con ragazzini al seguito.
Pur frequentando spesso l'Altopiano di Lavarone e Folgaria, non avevo ancora percorso la Forra del Lupo, l'importante e ardita trincea di prima linea della Grande Guerra scoperta e portata alla luce solo un paio d'anni fa dopo un enorme e lungo lavoro da parte di tanti volontari. 
Questo giro era in nota da tempo e, cercando info, avevo riletto l'interessante topic di Agh che l'aveva esplorata in anteprima a lavori non ancora ultimati
       
http://girovagandoinmontagna.com/gim/altopiano-lavarone-vezzena-cima-dodici-90/trincee-della-forra-del-lupo-forte-dosso-delle-somme-werk-serrada/

Ci siamo stati una decina di giorni fa approfittando di una bellissima giornata con i primi colori autunnali che accendono il bosco, ancora un po' presto per i larici che diventeranno dorati nei prossimi giorni.
Partiamo da loc. Cogola di Serrada a mt. 1250. Il sentiero è il  137 e dopo un breve tratto nel bosco ci troviamo presto a salire all'interno di un lungo camminamento militare che percorre il crinale a picco sulla di Valle di Terragnolo, si vedono i piccoli paesini in fondo sotto di noi, si incontrano varie postazioni, spesso a strapiombo,  punti di osservazione nelle rocce  verso il massiccio del Pasubio,  proprio di fronte.   






la Valle di Terragnolo


il sentierino nel bosco





in trincea


bei colori autunnali



postazioni

Una serie di gradini in legno tra alte pareti roccia conduce all'interno della spettacolare quanto impressionante Forra del Lupo o "Wolfsschlucht", probabilmente chiamata così dagli austriaci per il verso che il vento provocava entrando nella caverna.     
Molto significative le foto o i dipinti lungo il percorso che rappresentano gli stessi luoghi durante il conflitto bellico a testimonianza di quanto fosse dura la vita dei soldati al fronte. 



si scende nella forra


all'interno
 

                                                                               








punto di osservazione sul Pasubio


Lasciamo la forra alle nostre spalle e proseguiamo ancora in trincea e su numerose scalette in pietra tra le rocce e poi usciamo all'aperto nel bosco, passiamo per la località Caserme (anche qui ruderi di guerra) e raggiungiamo i bei prati sotto il Dosso del Sommo.



l'uscita della Forra






loc. Caserme



prati sotto il Dosso del Sommo


E qua girovaghiamo un po' per il pianoro per ammirare gli ampi panorami che spaziano tutto intorno... il Carè Alto, la Presanella, il Gruppo del Brenta, catena del Lagorai e Cima d'Asta, e tutti i monti più vicini tra cui  Stivo, Cornetto, Spitz del Vezzena, Portule, Monte Maggio.
La giornata è calda e assolata, scegliamo l'ombra delle piante per una piacevole sosta e per mangiucchiare qualcosa.



vista sul Gruppo del Brenta



Lagorai



i prati e la trincea percorsa



zoom sul Carè Alto 



Monte Maggio e passo della Borcola





Ritorniamo sul sentiero e percorriamo una galleria con varie postazioni e feritoie e da dove si esce affacciandosi nel vuoto della valle sottostante, ( volendo si può evitarla salendo a sx per il sentierino indicato come “percorso facile” 137 )  poi con un breve tratto in salita raggiungiamo i resti del  Forte Dosso delle Somme a mt. 1660 da dove il panorama a 360° è veramente super. 






ultimo strappetto



il Forte Austroungarico Dosso delle Somme





E' ancora presto per tornare a casa, la giornata è splendida,  e così anzichè scendere subito dal Forte verso Baita Tonda, camminiamo un po' in cresta in direzione Passo Coe,  poi imbocchiamo un sentierino a sx che scendendo nel bosco ci fa sbucare sulla pista da sci e arriviamo a  Fondo Piccolo a mt. 1479.
Da qui prendiamo la rilassante strada forestale,  fatta tante volte, che in lieve salita conduce sulla Martinella e rif. Baita Tonda a mt. 1640.
Seguendo il sentiero 136, per un tratto a lato della pista da sci e poi nel  bosco  arriviamo al parcheggio chiudendo così l'anello.
   







il Cornetto di Folgaria



dalla Baita Tonda si costeggia la pista da sci









la traccia del ns percorso,  ca. 11 km e 600 mt. ca di dislivello 

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.603
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Wow giro splendido, poi col colori dell'autunno è ancora più spettacolare :)

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 267
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Bellissimo giro da fare in questa stagione. Colori bellissimi e tranquillita´.

Offline Oma

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.495
  • Sesso: Femmina
Molto bello questo giro!  :) Brava Edel ... spero di copiartelo presto!!  ;) Ciaoo

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Brava Edel ... spero di copiartelo presto!!  ;) Ciaoo

Grazie Oma, vi piacerà di certo! E  poichè anche voi amate la tranquilità in montagna, scegliete un giorno feriale visto che potete farlo ;) Ciao

Offline southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.198
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Mi piacerebbe farlo, ho mancato la gita questa primavera. Molto belle le vedute, non pensavo fosse così vicino al Brenta

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Mi piacerebbe farlo, ho mancato la gita questa primavera. Molto belle le vedute, non pensavo fosse così vicino al Brenta

... ed ora ci saranno anche tutti i larici dorati  :) importante trovare un bella giornata per i panorami!