Autore Topic: Cima Dodici e Cima Ortigara  (Letto 22688 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« il: 18/10/2016 15:09 »
15 agosto, per non trovare troppo casino scegliamo un itinerario che pensiamo sia poco o nulla frequentato. Era da un po'che volevamo fare qualcosa sulla “Catena cima Dodici Ortigara”, vista anche la giornata non del tutto soleggiata scegliamo un luogo vicino a noi. Salire a cima Dodici dalla Valsugana e poi decidere in base al meteo. Decidiamo di salire dal Vallon delle Dodici poi eventualmente scendere dalla laterale parallela Val delle Trappole.
Partenza a piedi dal secondo tornante della strada che da Olle entra in val di Sella.
Si prede la stradina asfaltata che sale a tornanti in alcune baite, poi a destra il sentiero entra nel bosco e subito si viene avvertiti da due cartelli che il percorso non è per tutti.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #1 il: 18/10/2016 15:11 »
Infatti dopo un primo tratto di bel sentiero, la traccia si fa meno battuta e parecchio più ripida. Si attraversano tratti di bosco , di cespugli fitti e si percorrono tratti di ghiaioni. Anche se non molto battuto il sentiero è molto ben segnato lungo tutto il percorso ed è quasi impossibile perdere la traccia.
Si arriva al bivio tra i due valloni, noi scegliamo a destra il vallon delle Dodici, considerato più difficile per poi fare la val delle Trappole più “facile” in discesa.
Anche se prima non era pianeggiante, qui il sentiero fa sentire subito il suo carattere e comincia a salire per bene, anche se poi ci sono dei traversi nel bosco, che ci portano proprio nel cuore del vallone.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #2 il: 18/10/2016 15:14 »
Si sale proprio nel solco della valletta con le alte pareti ai lati, qualche semplice tratto attrezzato qualche roccetta e tanti ghiaioni. Anche qui gran lode ai volontari che segnano e mantengono un sentiero veramente difficile da gestire vista la pendenza e la varietà del terreno, per fortuna i segnali sono abbondanti anche perchè non è sempre intuitiva la direzione da seguire.
Si sale fin dove il canale si stringe e si deve “ravanare” su un lungo e stretto ghiaione, portandosi poi verso sinistra, sotto la parete fino ad entrare in uno stretto canalino che con quache passaggino su comode rocce ci porta alla base di un salto di alcuni metri attrezzato con cordino.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #3 il: 18/10/2016 15:14 »
FOTO
« Ultima modifica: 18/10/2016 15:17 da fililu »

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #4 il: 18/10/2016 15:17 »
foto
« Ultima modifica: 18/10/2016 15:22 da fililu »

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #5 il: 18/10/2016 15:20 »
foto

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #6 il: 18/10/2016 15:24 »
Dopo il passaggio attrezzato, un ripido tratto erboso ed infine l'ultimo ripido canalino di ghiaia e sassi. Qui si vede molto chiaramente la parete verticale a nord e anche la grande croce di vetta di cima 12. Adesso si deve fare un lungo giro per aggirare la parte rocciosa e che ci porterà alla selletta sul sentiero di “cresta” n211 per arrivare alla cima Dodici (Ferozzo) 2336m . Purtroppo si avvicinano delle nuvole scure, e appena arriviamo in cima comincia a piovigginare, ci copriamo aspettiamo e vediamo cosa fa il tempo. Miracolosamente smette quasi subito di piovere, le nuvole si allargano velocemente e sembra preannunciare un pomeriggio di sole. Mangiamo i nostri panini e facciamo due chiacchiere con una famiglia (nostri compaesani) trovati li in vetta solo per puro caso. Sono partiti da Malga Cima Larici e hanno percorso il sentiero di cresta.
Visto il miglioramento della giornata ci dispiace scendere subito, quindi decidiamo di arrivare fino al monte Ortigara. Aggiriamo cima Dodici dal lato opposto e ritorniamo al sentiero n211, ci avviamo verso il bivacco Buse delle Dodese, dove troviamo uno dei volontari SAT di Borgo che ci da un sacco di spiegazioni sui sentieri circondanti e sulla difficoltà della manutenzione.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #7 il: 18/10/2016 15:26 »
foto

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #8 il: 18/10/2016 15:28 »
foto

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #9 il: 18/10/2016 15:32 »
Passiamo sotto a cima Undici, cima del Pra, monte Castelnovo (cima Dieci) e arrivamo al monte Ordigara. Qui le testimonianze della guerra sono ovunque, trincee gallerie e postazioni in ogni punto si guarda. Alcune foto di rito vicino alla Colonna Mozza e un attimo di preghiera pensando alle migliaia e migliaia (forse 15/20.000) di giovani mandati a morire su questa montagna durante la prima guerra mondiale.
Ci dirigiamo al Cippo Austriaco e scendiamo attraverso le vecchie trincee al Passo dell'Agnella.
Qui, anche se con difficoltà, troviamo una traccia di sentiero che va a collegarsi col sentiero della Caldiera n206.
Un vecchio sentiero di guerra ci porta, prima ad una sorgente con fontanella poi passiamo vicino ad un cimitero di guerra Austroungarico tenuto in modo impeccabile, ed infine arriviamo al passo della Caldiera e al Baito del Medo.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #10 il: 18/10/2016 15:33 »
foto

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #11 il: 18/10/2016 15:35 »
Si scende molto rapidamente lungo il sentiero, ci sono ancora parecchie testimonianze della grande guerra, si cammina ancora dove i soldati hanno scavato e sudato per preparare le vie di accesso al fronte.
Si cammina piacevolmente in mezzo al bosco adesso che il sole scalda parecchio, fino ad arrivare alla testata di una gola abbastanza stretta con delle alte pareti ai lati. La pendenza del canale è elevata e si pensa subito ad una faticosa discesa su un ghiaione instabile. Invece appena si guarda giù si scopre che è stato fatto un enorme lavoro di sistemazione del vallone, sistemando tutto il sentiero con delle “zete” artificiali costruite con tavole e travi in legno.
Ognuno potrà dire la sua su questo lavoro (sia in positivo che in negativo), comunque l'impatto visivo secondo noi è stato bello, e anche la discesa è molto comoda.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #12 il: 18/10/2016 15:36 »
foto

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #13 il: 18/10/2016 15:38 »
Finita la discesa nel vallone si arriva in un bellissimo bosco di faggi, non siamo ancora a valle e si percorrono le lunghe esse fino ad arrivare alle prime baite e prati. Il sentiero finisce e ci incmminiamo lunga la strada asfaltata verso l'abitato di Olle.
La strada non è accessibile a tutti ma solo ai proprietari di terreni o a chi ha il permesso di transito. Noi pensavamo di cercare un passaggio da Olle, invece di li a poco passa un signore in macchina che si ferma e ci porta fino al paese. Da Olle ci avviamo a piedi verso la val di sella, il traffico è veramente poco anche perchè sono ormai passate le 18 e quasi tutti rietrano e vanno nel senso opposto al nostro. Tenendo fuori il dito ad ogni rara macchina che passa la fortuna ci viene da dietro, una signora vedendoci con gli zaini, ed essendo persona di montagna, si ferma e ci porta fino alla macchina. Ci ha risparmiato qualche bel km di odioso asfalto.
Bellissimo giro, circa 17km a piedi e 1900m di dislivello.

Offline fililu

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 290
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Besenello
Cima Dodici e Cima Ortigara
« Risposta #14 il: 18/10/2016 16:00 »
foto