Autore Topic: Cima Mandriolo  (Letto 6020 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Cima Mandriolo
« il: 07/06/2014 17:07 »
Abbiamo effettuato questa escursione domenica 1 giugno. In questo periodo dell’anno dedichiamo sempre un’uscita alla raccolta di spinaci montani in zona Vezzena.
Lasciamo la macchina nei pressi di quella che noi chiamiamo “zona monumenti”, poco prima della chiesetta di S. Zita prima del passo Vezzena.
Dopo aver passato Malga Postesina, attraversando prati fioriti di orchidee e genziana (fra gli altri fiori), c’incamminiamo verso Malga Costa di Sotto, dove ci dedichiamo alla raccolta, quest’anno veramente soddisfacente!
« Ultima modifica: 07/06/2014 17:24 da danj »

Offline trabuccone

  • vif
  • *****
  • Post: 1.368
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Verona
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #1 il: 07/06/2014 17:23 »
Brava Danj, anche io a volte raccolgo lo spinacio selvatico (anche se prediligo la raccolta funghi in questo periodo)
per sempre oppressi da desiderio e ambizione c'e' una fame non ancora soddisfatta,
i nostri occhi stanchi ancora vagano all'orizzonte sebbene abbiamo percorso questa strada così tante volte

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #2 il: 07/06/2014 18:10 »
Verso le 11 decidiamo di averne abbastanza e di raggiungere il Mandriolo. Prendiamo quindi una carrareccia che non abbiamo mai percorso e che ci porta a est di Malga Costa di sotto. Dopo qualche centinaia di metri, essa termina nei pressi di una vallecola che dovrebbe essere Valle Sparavieri dove passa giusto giusto il confine tra Veneto e Trentino. Intravediamo un traccia di sentiero che si tiene in dx orografica della valle. Il cammino si fa via via più faticoso perchè siamo costretti ad aggirare o scavalcare i numerosi alberi caduti che intralciano l’andare. Qui la neve ha veramente devastato il bosco! Inoltre, iniziano a comparire macchie di neve via via più estese che ci costringono a fare ulteriori allunghi per non rischiare di passare su tratti di neve non sufficientemente portante.
Dopo aver passato una bella vasca che raccoglie l’acqua (elemento prezioso nel carsico altopiano),  sbuchiamo sulla Via dei Forti” nei pressi di q. 1709, quota peraltro non segnata sulla mappa. Risulta invece segnalata una fonte denominata “Fontanone”, probabilmente la vasca incontrata precedentemente.
Attraversiamo la strada bianca e risaliamo il pendio, non ci sono sentieri, ma la direzione è intuitiva: si va sù! Qui siamo su terreno aperto, fuori dal bosco e nonostante, ci siamo alzati di quota, non c’è traccia di neve

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #3 il: 07/06/2014 18:13 »
Arriviamo in vista della croce del Mandriolo, anche se in realtà la cime è appena spostata verso est. Veniamo da tanti anni in questo periodo a raccogliere gli spinaci, ma così tanta neve residua in questa stagione non l’avevamo mai vista!
Mentre mangiamo, scambiamo 2 parole con una coppia di Trento che è salita da Sella per il sentiero 207 della Grotta di Costalta e ovviamente raccontano di aver attraversato canaloni ancora colmi di neve. Scenderanno per il sentiero 204 che passa da Porta Manazzo e ritorna in Valsugana. Noi invece ci dirigiamo verso ovest, seguendo il sentiero 205 e una volta raggiunta Bocca di Forno (impressionante spaccatura che precipita in Valsugana), per boschi e prati ci caliamo verso Malga Marcai di Sopra e poi verso la più piccola ma più carina Malga Marcai di Sotto..
Da qui, seguendo un ampio sentiero nel bosco, ci riportiamo in breve sulla strada bianca che sale da Malga Postesina e poi all’auto.
E alla sera, prelibata cena con gli spinaci!
 
« Ultima modifica: 07/06/2014 18:16 da danj »

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #4 il: 07/06/2014 18:19 »
Foto..
« Ultima modifica: 07/06/2014 18:21 da danj »

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #5 il: 07/06/2014 18:25 »
altre...

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #6 il: 07/06/2014 18:28 »
Ultime...

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.771
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #7 il: 07/06/2014 18:46 »
Oggi anch'io ho passeggiato sull'altopiano, da malga Basson a malga Camporosà. Un mare verde, molto riposante per lo sguardo, ma faceva caldo pure lassù.
Ci tornerò verso fine giugno per obblighi di "famiglia". A malga Fratte, sulla sinistra poco al di là del passo, ho "adottato" una mucca per la prossima estate e da buon padre andrò su a trovarla.

Solo due foto e scusate l'intrusione.



Online southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.198
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #8 il: 07/06/2014 19:41 »
Bella Danj, un bel giro tranquillo e anche panoramico. Io anni fa sono salito d'inverno fino alla Bocca da Forno.

Malga Camporosà è stata per tre anni il luogo del pranzo sezionale CAI. I dintorni in autunno sono mete ideali per riposanti passeggiate

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #9 il: 08/06/2014 21:58 »
Un bel giro Danj!  E belle anche le foto, sia dei panorami che dei fiori. Siamo spesso anche noi a camminare sull'Altopiano.  Avete unito l'utile al dilettevole con la raccolta degli spinaci!  :D Pensa che ho saputo da poco che esistono queste erbe selvatiche, ho tanto da imparare...ma cercherò di prestare attenzione se riesco a distinguerle ;)
Ciaoo!

Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #10 il: 09/06/2014 16:25 »
Oggi anch'io ho passeggiato sull'altopiano, da malga Basson a malga Camporosà. Un mare verde, molto riposante per lo sguardo, ma faceva caldo pure lassù.
Ci tornerò verso fine giugno per obblighi di "famiglia". A malga Fratte, sulla sinistra poco al di là del passo, ho "adottato" una mucca per la prossima estate e da buon padre andrò su a trovarla.

Solo due foto e scusate l'intrusione.
Malga Camporosà e malga Posellaro penso siano due delle più belle malghe dell'altopiano 7C, almeno di quelle che ho visto io.
Io di solito però ci arrivo dalla "vicentina" Valdastico per il sentiero detto "della Cingella", mi sembra ci sia un 3rd anche qui su GIM, penso di Gabi e/o Franz.
Mi piacerebbe fare il giro per malga Bisele o Croier e poi scendere passando per Luserna, ma non ci sono ancora riuscita!
Hai adottato una mucca? Ma non erano quelle del Lagorai??


Offline danj

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 297
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #11 il: 09/06/2014 16:30 »
Brava Danj, anche io a volte raccolgo lo spinacio selvatico (anche se prediligo la raccolta funghi in questo periodo)
Di solito troviamo anche qualche spugnola e gambasecca, ma quest'anno niente di niente! Sarà per la prossima volta, non siamo raccoglitori accaniti, ma solo se capita l'occasione!

Bella Danj, un bel giro tranquillo e anche panoramico. Io anni fa sono salito d'inverno fino alla Bocca da Forno.

Malga Camporosà è stata per tre anni il luogo del pranzo sezionale CAI. I dintorni in autunno sono mete ideali per riposanti passeggiate

Anch'io ci sono stata d'inverno qualche anno fa con le ciaspole, mi sembra nel 2009, c'era un sacco di neve, una giornata soleggiatissima ma con un vento di phon pazzesco!
In primavera e autunno è invece meta per la raccolta di spinaci e funghi!

Un bel giro Danj!  E belle anche le foto, sia dei panorami che dei fiori. Siamo spesso anche noi a camminare sull'Altopiano.  Avete unito l'utile al dilettevole con la raccolta degli spinaci!  :D Pensa che ho saputo da poco che esistono queste erbe selvatiche, ho tanto da imparare...ma cercherò di prestare attenzione se riesco a distinguerle ;)
Ciaoo!
Grazie, Edel! I fiori non mancano mai mie nelle foto, anche se li ho fotgrafati ormai più volte. D'altronde in montagna non c'è stagione che non abbia i suoi fiori, persino in inverno troviamo semore decine di ellebori, altro che giardini botanici!
Magari il prossimo anno  possiamo dedicarci insieme alla raccolta così ti mostro bene quali sono! La loro caratteristica principale è la presenza di una specie di polvere o farina nella parte inferiore delle foglie, infatti in alcune zone sono chiamati anche "farinei".
Ciao!!

« Ultima modifica: 09/06/2014 16:43 da danj »

Offline pianmasan

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.771
Re:Cima Mandriolo
« Risposta #12 il: 09/06/2014 18:23 »
Malga Camporosà e malga Posellaro penso siano due delle più belle malghe dell'altopiano 7C, almeno di quelle che ho visto io.
Io di solito però ci arrivo dalla "vicentina" Valdastico per il sentiero detto "della Cingella", mi sembra ci sia un 3rd anche qui su GIM, penso di Gabi e/o Franz.
Mi piacerebbe fare il giro per malga Bisele o Croier e poi scendere passando per Luserna, ma non ci sono ancora riuscita!
Hai adottato una mucca? Ma non erano quelle del Lagorai??
L'adozione della mucca (la mia si chiama "Golosa" :P) si può fare in gran parte delle malghe del Lagorai, ma solo sul versante della Valsugana. Per vicinanza geografica anche altopiano di Vezzena e Broccon offrono questa possibilità. Con 60 € - dei quali 10 vanno in beneficenza - adotti la mucca e hai diritto a ritirare presso la malga 50 € di prodotti tipici. Unico obbligo è recarsi almeno una volta durante la stagione a far visita alla mucca.
Per quel che riguarda il percorso che hai citato, non conosco i sentieri che collegano Luserna con la Valdastico.
Ti posso dire che un bell'itinerario ad anello, partendo da Luserna, è quello che passa da malga Campo (rinomato ristorante), raggiunge la malga Croiere scavalcando una facile dorsale boscosa, scende su strada forestale al ponte Rotto della val Morta e passa per la fiabesca conca del Bisele. Da qui, inoltrandosi in un magnifico bosco in dolce pendenza, si può puntare agli aperti spazi di malga Millegrobbe di sopra e far rientro a Luserna. Sono alla fin fine i tracciati invernali delle piste di fondo. In quest'ultimo tratto è possibile fare un'interessante deviazione di natura storica, salendo al ben conservato forte Campo Luserna. Ricordo che i pascoli e le proprietà delle diverse malghe sono recintati con filo spinato  >:( e quindi le divagazioni fuori sentiero obbligano ad diversi passaggi "acrobatici", specie per noi maschietti  ;D.