Autore Topic: Scaldare casa in montagna  (Letto 32289 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.691
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Scaldare casa in montagna
« il: 10/10/2013 20:16 »
Chi vive in montagna conoscerà le difficoltà, alle volte, di scaldare casa. Questo inverno vorrei spostare i pc in una stanza di sopra, evitando di riscaldare inutilmente il grande ambiente che sta sotto che difficilmente riesce ad arrivare a 18° anche riscaldando a tutta forza (gasolio), a meno di non ricorrere all'accensione supplementare della stufa a legna.

Quindi riscalderei di meno sotto e sopra vorrei mettere nella stanza (4x4) un radiatore ad olio. Qualcuno li ha mai provati?
Funzionano bene? Ho una stufetta alogena ma non mi convince molto... poi ho idea che consumi parecchia elettricità rispetto a un radiatore ad olio... o no?

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.890
  • Sesso: Maschio
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #1 il: 10/10/2013 20:31 »
Quindi riscalderei di meno sotto e sopra vorrei mettere nella stanza (4x4) un radiatore ad olio.

vanno bene ma sono lenti a scaldare e la stanza (4x4) non è piccola; meglio un termoconvettore elettrico che è molto + veloce grazie alla circolazione forzata da una ventolina
quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.691
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #2 il: 10/10/2013 21:20 »
vanno bene ma sono lenti a scaldare e la stanza (4x4) non è piccola; meglio un termoconvettore elettrico che è molto + veloce grazie alla circolazione forzata da una ventolina

ma anche i radiatori che ho visto io hanno una ventola... o mi sono sbagliato?
« Ultima modifica: 11/10/2013 12:31 da AGH »

Offline P52

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 421
  • Sesso: Maschio
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #3 il: 10/10/2013 23:47 »
Radiatore o ventilconvettore quello che conta è la potenza. Di solito, quelli elettrici in vendita nei supermercati, non superano i 1500-2000W, per scaldare una stanza fredda oltre che all'aria si devono riscaldare le strutture e quindi ci vuole tempo. Una stanza di 40-45 m3 mediamente isolata, per compensare le perdite di calore verso l'esterno, abbisogna di circa 1-1,5 kW ma partendo da una situazione fredda la potenza necessaria è molto superiore. Il corpo umano percepisce la temperatura dell'ambiente che lo circonda per 2/3 tramite il calore irradiato e solo per 1/3 per convenzione, ovvero per la temperaura dell'aria che lo circonda. Questo spiega perchè in una giornata di sole si può avere una situazione di comfort anche con una temperatura dell'aria molto bassa mentre in una casa con pareti/pavimenti/soffitti freddi si avrà una sensazione sgradevole anche se il termometro segna temperature dell'aria di 20°C.
Per questo motivo se l'ambiente ha un utilizzo saltuario conviene utilizzare una stufa ad infrarossi posizionandola ad una distanza dal corpo che non crei disagio. La trasmissione del calore per radiazione decresce con il quadrato della distanza ed aumenta con la potenza quarta del differenziale assoluto delle temperature.
Ma visto che si parla di casa di montagna perchè non considerare una bella classica stufa a legna?

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.691
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #4 il: 11/10/2013 08:59 »
Ma riguardo al consumo elettrico? È lo stesso? Chiaramente la casa è riscaldata quindi la stufetta non parte da zero ma usata come rinforzo. Un`altra cosa che non ho mai capito (anche se non c'entra col discorso stufetta ma visto che mi sembri ferrato in materia... :) è se si risparmia chiudendo i termosifoni di una stanza che non si usa

Inviato dal mio V370 con Tapatalk now Free
« Ultima modifica: 11/10/2013 09:00 da AGH »

Offline nantes

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.465
  • Sesso: Maschio
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #5 il: 11/10/2013 10:02 »
io ci metterei una stufa a pellet; scalda subito ed è automatica; il risparmio è significativo rispetto al riscaldamento elettrico.
certo che il costo iniziale è maggiore.

in merito ai termosifoni, se non riscaldi una stanza consumi di più nelle stanze attigue perchè aumenta il salto termico; se il volume complessivo è ben isolato conviene scaldarlo tutto;
piuttosto conviene tenere le stanze che non utilizzi a temperatura inferiore di qualche grado (circa 15-16°) in modo da ridurre la dispersione attraverso le pareti confinanti.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.691
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #6 il: 11/10/2013 10:33 »
io ci metterei una stufa a pellet; scalda subito ed è automatica;

ma no, è solo una stanza 5x4 in mansarda, che ha già un termosifone, la stufetta serve come rinforzo. Il problema è che prima, stando sotto in un ambiente enorme, stavo sempre al freddo a meno di non riscaldare a tutta forza (a gasolio) e spendendo un'ira d'iddio. Ora stando in un ambiente più piccolo dovrei riuscire a risparmiare (almeno spero).

Offline climbalone

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 335
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Trento
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #7 il: 11/10/2013 11:28 »
Citazione da: AGH
Ma riguardo al consumo elettrico? È lo stesso?...

100 W di potenza elettrica producono esattamente 100 W di calore.
(e fanno aumentare l'entropia dell'universo, ma tanto quella aumenta sempre e comunque  ;) )
Le differenze possono essere nell'efficienza della convezione (ventola), che incide sul modo in cui il calore viene distrubuito nell'ambiente, e nell'utilizzo di stufe che lavorino più per irraggiamento o più per convezione, per i motivi che ha ben spiegato nantes.

Offline Pistacchio

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 678
  • località di residenza: Madrano
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #8 il: 11/10/2013 13:12 »
Nantes e climbalone santi subito!
La scelta tra termosifone ad olio, convettore o infrarossi la fai in base all'utilizzo che ne fai.
Stai al PC 4 o più ore? Stufa ad Olio. Vai li sono 1 ora o anche meno? Infrarossi. Il convettore è per una via di mezzo.
Spostando i PC di sopra hai modo di fare qualche lavoretto? Potresti mettere sul pavimento qualcosa di isolante sughero o altro e rivestirlo con quel parquet fintolegno che vendono ovunque.
Altra cosa, (ma devi essere capace) se vuoi economizzare e ti arrangi potresti mettere dei pannelli di cartongesso distanziandoli dal muro di 1Cm circa, il top sarebbe mettere dell'isolante dietro ma poi lo spessore aumenta molto.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.691
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #9 il: 11/10/2013 13:46 »
La scelta tra termosifone ad olio, convettore o infrarossi la fai in base all'utilizzo che ne fai.
Stai al PC 4 o più ore? Stufa ad Olio. Vai li sono 1 ora o anche meno? Infrarossi. Il convettore è per una via di mezzo.
Spostando i PC di sopra hai modo di fare qualche lavoretto? Potresti mettere sul pavimento qualcosa di isolante sughero o altro e rivestirlo con quel parquet fintolegno che vendono ovunque.
Altra cosa, (ma devi essere capace) se vuoi economizzare e ti arrangi potresti mettere dei pannelli di cartongesso distanziandoli dal muro di 1Cm circa, il top sarebbe mettere dell'isolante dietro ma poi lo spessore aumenta molto.

niente lavori, sono in affitto e tra due anni mi tocca smammare. Quindi solo soluzioni "light". Quindi meglio radiatore a olio invece di stufetta a infrarossi? (sto parecchio al pc)

Offline kobang

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.669
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #10 il: 11/10/2013 14:45 »
Un bel gattone ronfante sulle ginocchia ed un cagnone accucciato vicino ai piedi!
Si scherza,ma in realtà molto dipende dall'isolamento termico del locale. P52 da vero tecnico ti ha fatto un quadro completo,poi è evidente che i limiti ti vengono dal fatto che non puoi fare certi lavori e nemmeno ti conviene per una locazione in scadenza.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.691
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #11 il: 11/10/2013 15:20 »
Infatti sono esclusi lavori onerosi. Gattoni ne ho già 4, mancherebbe il cane :)

Inviato dal mio V370 con Tapatalk now Free
« Ultima modifica: 11/10/2013 15:23 da AGH »

Offline Artic

  • Full Member
  • ***
  • Post: 103
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #12 il: 11/10/2013 18:59 »
Potresti valutare anche i pannelli radianti(400W),io ne ho uno della econo heat, che utilizzo nella casa lì in Trentino e complessivamente ne sono soddisfatto.

Offline Pistacchio

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 678
  • località di residenza: Madrano
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #13 il: 11/10/2013 19:23 »
niente lavori, sono in affitto e tra due anni mi tocca smammare. Quindi solo soluzioni "light". Quindi meglio radiatore a olio invece di stufetta a infrarossi? (sto parecchio al pc)

Se ci stai tanto direi proprio a olio, se poi costa troppo ripiega su di un classico convettore.

Offline southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.203
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Re:Scaldare casa in montagna
« Risposta #14 il: 11/10/2013 20:19 »
Anni fa ho usato una stufa a paraffina; scalda in men che non si dica e non fa fumo