ESCURSIONI IN MONTAGNA > Escursioni estive in Trentino

Problemi coi cani in montagna

(1/4) > >>

Gino61:
Cani in montagna
Forse è o.t., ma vorrei condividere e confrontarmi con voi su quello che per me ormai è un problema.
Vado regolarmente in montagna con il mio cane di media taglia, tranquillo, un po' tonto che non farebbe male a nessuno.
Credo però che si possa sempre incontrare qualcuno che ne abbia paura, per questo vedo di averlo a vista e all'occorrenza richiamarlo e metterlo al guinzaglio, per non creare problemi ad altri escursionisti, prima di incontrarli.
Ritengo questo sia il minimo di educazione per un conducente di cani.
Il problema che vorrei affrontare nasce dal fatto che io ed il mio cane abbiamo subito ben due aggressioni da parte di cani condotti da persone non in grado di gestire i loro animali.
Il primo si è verificato in Marzola: un cane di grossa taglia, forse un San Bernardo, libero, apparentemente tranquillo con vicino il suo padrone. Legato il mio cane, ho chiesto al padrone se il suo fosse tranquillo, risposta: "tranquillo nol fa nient". Ci siamo allontanati di una trentina di metri e ho rilasciato il mio cane. Un minuto dopo mi sono trovato in mezzo ai due cani che ringhiavano, naturalmente il San Bernardo,  più grosso, aveva già azzannato il mio povero Pepo, il padrone fermo che non sapeva cosa fare.
A quel punto, l'amico che era con me ha preso in mano un ramo di abete ed ha dato una grossa botta al cane. Così il cane assieme al suo padrone se ne sono andati, senza nemmeno chiedere scusa. Il mio "poro Pepo" ha  zoppicato per due giorni e via. Da quel giorno ho avuto sempre più paura dei cani.
Oggi con mia moglie ed il mitico Pepo andiamo a fare il classico giro sul Rujoch partendo da malga Stramaiol verso l'ormai ex rifugio Tonini, per poi scendere verso passo Polpen e rientrare al parcheggio. Ed è proprio poco sopra il passo che vedo un cane di grossa taglia che risale il sentiero, mi fermo, metto al guinzaglio il mio cane e aspetto che il padrone faccia altrettanto col suo.
Grossa illusione perché a risalire il sentiero erano una coppia con altri due cani, un più grosso dell'altro, naturalmente lasciando libero il terzo, più grosso e rognoso, che si è avvicinato e ringhiando ha attaccato il mio. Mi sono trovato proprio nel mezzo, col mio cane legato ed i padroni degli altri cani inermi che non sapevano cosa fare.
A forza di urla e qualche calcione ho allontanato la bestia.
Mi aspettavo da parte di quei due im........ delle scuse, ma mi hanno detto che se fossi stato tranquillo il loro cane non avrebbe fatto niente.
Certo che sfido chiunque a stare tranquillo in questa situazione!
Tutto questo per dire che, se avete un cane e andate in montagna, l'animale va tenuto sotto controllo.
Adesso io ho paura di qualsiasi cane possa incontrare, cosa che non mi era mai successa prima!
Grazie per l'attenzione.

kobang:
Ho condiviso quasi tutto con i miei cani,fin da piccolo.Non mi spaccio per esperto,ma alcune cose le ho osservate e capite.
Un cane legato ed uno sciolto: si  crea una situazione di squilibrio emotivo tra i due animali e potenziale pericolo.
Il cane percepisce l'emotività dell'umano:innervosirsi , mostrare paura o incertezza è un'altra occasione di pericolo.
In genere,come hai verificato,il problema non è il cane,ma l'umano che lo conduce...e la sua educazione o cafonaggine.

AGH:
Ora non ricordo bene (cito a memoria), ma avevo letto il parere di un addestratore di cani in cui si diceva che prendere in braccio il cane quando arriva un cane estraneo è un comportamento sbagliato (anche se viene istintivo per proteggerlo). I cani devono avere la possibilità di "studiarsi" o minacciarsi a vicenda, per stabilire una gerarchia. Il più delle volte dopo un po' di abbaiamenti e ringhi non succede nulla. Anche io penso che il comportamento del padrone influisca molto sul comportamento del suo cane e dei cani altrui. Forse sarebbe bene consultare un esperto di cani per farti consigliare sul corretto comportamento.

kobang:
Solo su sentieri molto esposti lego la Maya,non vorrei che incontrando un'altro cane potesse scartare all'improvviso e volare giù.
E' abituata a rispondere anche solo al gesto di stare al piede o meglio dietro di me;in questo modo non devo sgolarmi per richiamarla e magari innervosire l'altro cane.

SPIDI:
Il cane di mio fratello era buonissimo non faceva male ad una mosca, l' anno scorso è stato attaccato  e morso sulla schiena nel prato vicino a casa  da un Maremmano lasciato libero dal suo padrone.  Dopo quella brutta esperienza attaccava  tutti i cani che incontrava, non riuscendo a correggere la sua aggressività hanno dovuto portarlo in una scuola per cani per correggere il suo comportamento.
Ora va meglio ed è più tranquillo. Chiedi ad un professionista ti saprà consigliare al meglio  :)   

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva