Autore Topic: Inciviltà su cime e sentieri (lattine, cartacce, bucce di banana eccetera)  (Letto 10670 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.745
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Il vero montanaro è colui che non lascia alcuna traccia del proprio passaggio. Purtroppo però sui sentieri e sulle cime si incontra spesso ogni genere di rifiuti: lattine, cartacce, fazzoletti da naso, bottiglie, carte delle merendine e molti rifiuti organici come bucce di banana, bucce d'arancia, scorze di melone, gusci d'uovo eccetera.

La cosa più irritante è, riguardo ai fazzoletti da naso ed i rifiuti organici gettati per terra con noncuranza, sentire la frase "tanto sono biodegradabili".

Ma un fazzoletto di carta impiega minimo 6 mesi a dissolversi, le bucce d'arancia o di banana anche 2 anni, non parliamo dei gusci d'uovo. Se tutti ragionassero col motto "tanto è biodegradabile" cime e sentieri sarebbero ridotti a immondezzai (e in molti casi lo sono). A chi piace arrivare in vetta e sedersi ad ammirare il panorama in mezzo alle immondizie? E' inconcepibile che chi si porta la lattina di birra fino in vetta poi non senta il dovere di riportasela a casa ma la butti giù per il ghiaione o la "nasconda" tra qualche sasso :(

Al bivacco Moregna in Lagorai ho trovato qualche anno fa un bel manifesto che riporto mell'immagine qui sotto.

« Ultima modifica: 19/07/2013 10:59 da AGH »
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/

Mistaya

  • Visitatore
Ben detto.. io un anno fà ho portato giù dal Costalta un sacchetto pieno zeppo di lattine e scatolame vario, che poi erano tutte cose di anni e anni fà, ma possibile che nessuno prima di me si sia preso la briga di ripulire la cima da 'ste schifezze??? Ed è una cima molto frequentata.

E puntualmente, dopo ogni escursione, ritorno a casa con le tasche piene di carte di caramelle.

Bah...  :-\