Autore Topic: Casera Tuglia e rifugio Chiampizzulon  (Letto 11359 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline southernman

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.198
  • Sesso: Maschio
  • località di residenza: Dolo
Casera Tuglia e rifugio Chiampizzulon
« il: 09/07/2014 16:45 »
Sabato 5 e domenica 6 luglio uscita naturalistica in Carnia, accompagnati dal botanico Cesare Laser e dal geologo Lucio d'Alberto.
Partenza da Cima Sappada (1276) accanto agli impianti del Siera, per il sentiero 320, prima nel bosco, con molta calma, immersi nelle lunghe spiegazioni di Laser sulla particolarità della flora locale. Si sale in un bel bosco lentamente, il tempo prima bello sembra ingrigire. Affrontiamo un piccolo guado e successivamente raggiungiamo la carrareccia n. 230, che ci condurrà a Casera Tuglia (1597). Lì il paesaggio si apre, anche se il cielo è ormai coperto. Alla nostra destra a Sud il monte Cimon e le successive Creta della Fuina e Crete di Chiampizzulon. Pausa alla Casera Tuglia, aperta, gestita da una famigliola composta da un giovanotto, la sua fidanzata incinta e la madre di lui. Sono gentilissimi, al punto da permetterci di mangiare il nostro pranzo al sacco sotto le loro tettoie ed i loro ombrelloni. Li ricambiamo con acquisto di vino, caffè e ricotta. Durante la pausa pranzo piove, salvo poi a smettere non appena è il momento di ripartire. Ci incamminiamo lungo il sentiero 227 attraversando una torbiera e successivamente uno splendido pendio carico di ranuncoli. Visto che è un versante nord, attraversiamo anche tre nevai, non lunghi ma da percorrere con un minimo di attenzione. Il sentiero prima affronta dei saliscendi nel bosco che si dirada, poi sale decisamente fino a giungere ad un belvedere naturale a quota 1765, dove ci si apre una splendida vista sulle Alpi Carniche. Interessante apprendere dal dottor D'Alberto che l'Italia fa parte geologicamente del continente africano, e che la linea di confine è la Val Pusteria. Cominciamo a scendere e raggiungiamo il rifugio Chiampizzulon (1630), non prima di avere ammirato lungo il sentiero le scarpette della Madonna (o di Venere). Al rifugio siamo accolti splendidamente dalla signora Anna, che ci cucina una cena abbondantissima conclusa dalle sue celeberrime torte. In rifugio è una struttura nuova, molto accogliente, appena ristrutturato. Non è CAI, ma credo che sia di proprietà del comune di Rigolato (UD) e dato in gestione.
La mattina dopo ripercorriamo a ritroso il percorso, fino alla Casera Tuglia. Possiamo notare così dei coralli inglobati nelle rocce e riammirare i ranuncoli con una luce migliore. Altra sosta pranzo, altre quattro gocce di pioggia scampate e discesa verso Forni Avoltri per il sentiero 229, prima carrareccia poi sentiero, ingombro di alberi caduti. Il bosco ogni tanto si apre fino alla Casera Col Mezzodì bassa (1167) dove veniamo accolti da una mucca slinguazzante  ;D. L'ultimo tratto è una noiosa e ripida mulattiera a tratti cementata. La scorciatoia 229 è stata sconsigliata sia dal malgaro della Tuglia, che da un cartello "solo per esperti", per di più i capigita durante il sopralluogo l'avevano fatta e ritanuta non proponibile. Arrivo a Forni Avoltri (864), dove avevamo lasciato una macchina, subito dopo il ponte sul Degano. Purtroppo non c'è tempo per visitare il museo, ma è stata comunque un'esperienza riposante ed interessante.

Di seguito qualche foto

Primo giorno, sabato
http://www.marc1.altervista.org/foto1.php?fotoAttuali=Chiampizzulon-1_140705

1 Cima Sappada 2 Alpi Carniche 3 Fiori su roccia (se qualcuno lo sa cosa sono mi fa un favore, non me lo ricordo nonostante il botanico  :)) 4 Casera Tuglia 5 Le Crete 6 Alpi Carniche 7 Il sentiero verso il belvedere 8 Alpi Carniche 9 I fiori dell'estate 10 Alpi Carniche dal belvedere 11 la Scarpetta, pomeriggio 12 Il tramonto

Secondo giorno, domenica
http://www.marc1.altervista.org/foto1.php?fotoAttuali=Chiampizzulon-2_140706

1 Il Chiampizzulon 2 Appena svegliati 3 Scarpetta, mattina  4,5,6 Lungo il sentiero 7 di nuovo alla Tuglia 8 Panorama verso Cima Sappada 9 Inizia la discesa 10 Casera Con Mezzodì bassa (ultimo spazio aperto).

Chiedo scusa se non ho descritto i nomi delle cime delle Alpi Carniche, ma non le conosco a sufficienza.

Ciao!

Offline Oma

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1.495
  • Sesso: Femmina
Re:Casera Tuglia e rifugio Chiampizzulon
« Risposta #1 il: 09/07/2014 22:17 »
Ciao South!  :) Bella escursione e belle le foto! Il rifugio Chiampizzulon è una meta che ho in programma già dallo scorso anno non solo per aver l'occasione di conoscere un posto nuovo  ma anche per gustare una buona fetta delle ormai famose torte di Anna!  :D Avevo pensato di arrivarci salendo da Prato Carnico in Val Pesarina ma anche l'idea di partire da Sappada mi pare buona... l'ideale sarebbe disporre di due auto e fare una bella traversata!  :D
Il fiore della tua terza foto, se non mi sbaglio, è il rododenndro nano.
« Ultima modifica: 09/07/2014 22:48 da Oma »

Offline Theno

  • Full Member
  • ***
  • Post: 219
  • Sesso: Maschio
Re:Casera Tuglia e rifugio Chiampizzulon
« Risposta #2 il: 10/07/2014 09:20 »
La Carnia è secondo me sottovalutata... e comunque poco frequentata. E' anche soggetta a precipitazioni pomeridiane abbastanza sistematiche come mi confermava anni fa un pastore.Ricordo che mi disse che alle 15 da quelle parti piove sempre. Accidenti se era vero! :D In 4 giorni che sono stato li tutti i giorni effettivamente ha piovuto a quell'ora! Ecco spiegato il perchè di quel colore intensissimo della vegetazione.
Gran belle foto e bei luoghi South! Complimenti!

Offline radetzky

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4.890
  • Sesso: Maschio
Re:Casera Tuglia e rifugio Chiampizzulon
« Risposta #3 il: 10/07/2014 10:38 »
La Carnia è secondo me sottovalutata... e comunque poco frequentata.

quando che le pegore le va a destra.. mi vago a sinistra. e quando le va a sinistra mi vago a destra !

Offline edel

  • vif
  • *****
  • Post: 2.022
  • Sesso: Femmina
  • località di residenza: Vicenza
Re:Casera Tuglia e rifugio Chiampizzulon
« Risposta #4 il: 12/07/2014 22:27 »
Un gran bell'itinerario South e documentato da belle foto! Se poi si aggiunge la presenza di un esperto botanico e geologo l'escursione diventa ancora più interessante!
Ho girato un pochino in Carnia, ci sono luoghi veramente belli e ci si gode la vera montagna... il turismo di massa fortunatamente ancora non c'è...speriamo duri! ;)
Ciaoo