Autore Topic: [LAGORAI] Malga Ziolera col brivido (m 1926) (scialpinismo)  (Letto 5642 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.740
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)

Poco sotto Malga Ziolera, sullo sfondo Cima del Bortolo

Escursione col brivido sabato scorso. Tempo spettacolare, non una nuvola, caldo africano. L'idea era di raggiungere l'alta Val Ziolera, e magari salire a Valpiana o il Ziolera stesso. Sapendo che il bollettino valanghe era tutt'altro che rassicurante, siamo partiti con l'idea di decidere il da farsi una volta valutata la situazione sul posto.

Partenza poco sopra Malga Baessa, ci siamo inoltrati dapprima per la forestale poi per l'incasinato sentiero nel bosco fitto, che conoscevamo bene per averlo fatto diverse volte in estate. Ma con quasi 2 metri di neve, sono tutte gobbe enormi e insormontabili, il budello nel bosco, già tracciato alla meno peggio, impone di salire con tratti ripidi e zig zag malagevoli. Dopo un'oretta di marcia, la prima brutta sorpresa: usciamo dal bosco e scopriamo che una valanga ha "falciato" la foresta con un fronte largo circa 100 metri. La lunghezza visibile è oltre mezzo km, la parte alta è nascosta da un salto di roccia: per scendere con questa forza dev'essere partita parecchio in alto. La valanga comunque non è recente, il pendio appare scarico quindi attraversiamo rapidamente il vallone che appare decisamente "lunare" con tutte le piante sradicate e scarventate alla rinfusa verso valle.   

Continuiamo a salire nel bosco che diventa sempre più stretto e ripido, fino a superare l'ultimo strappo che sbuca finalmente sui pascoli della Val Ziolera, sepolti di neve. Scorgiamo da lontano la malga, decidiamo di raggiungerla e di lì osservare la situazione. I pendii sotto la malga sembrano ben assestati, vediamo qualche sciatore che scende sul versante sud est del Ziolera, secondo noi tutt'altro che sicurissimo.

Alla malga ci rifocilliamo e, mentre prendiamo il sole con un caldo meraviglioso, un boato squassa la tranquillità della valle: una valanga dalla cima del Ziolera si stacca dalle rocce assolate e precipita a valle con un rombo terrificante dopo un salto di roccia di 80 metri, infiilandosi rumorosamente nel canalone. Rimaniamo impietriti ad osservare quello spettacolo selvaggio e affascinante. Per fortuna la valanga non è enorme e si esaurisce dopo circa 1 minuto nel lungo canalone. Ci rimettiamo a mangiare quando, poco dopo, un altro boato ci fa saltare in piedi come molle: stavolta è un canalone più a sud, vediamo la colata di neve invadere il bosco e disperdersi nella piana, a non più di 100 metri da una vecchia traccia di salita. Il caldo è notevole, la neve sul tetto della malga gocciola in continuazione, poco dopo un altro "tuono" rimbomba nella valle, stavolta la valanga è sul lato sud est, si stacca con violenza e si infila fragorosamente in una gola. Ci guardiamo in faccia un po' perplessi, forse è meglio fermarci qui, pensiamo.. Mezz'ora dopo un altro boato tremendo ci fa scattare sull'attenti, un'altra valanga precipita sulle rocce nello stesso posto della prima.

Ok ragazzi, si torna a casetta!  ;D Per fortuna abbiamo potuto ossevare le valanghe da un posto sicuro, altrimenti sarebbe stata fifa blu! Torniamo quindi a valle per la stessa via dell'andata, con selvaggio ravanage nel bosco insciabile, fino alla forestale e quindi con gradevole sciottata fino all'auto. Tutto sommato non è andata così male. In serata apprendiamo la tragica notizia della morte dei due forumisti di Overthetop in Val Martello, Paolo Chiti e Michele Bellini  :(

« Ultima modifica: 05/03/2009 13:40 da Claudia »
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/

donkey71

  • Visitatore
Re: [LAGORAI SCIALPINISTICA] Malga Ziolera m 1926
« Risposta #1 il: 02/03/2009 20:48 »
Era proprio un caldo africano, ma che giornata di sole incredibile... 8) - ora ci aspetta qualche giorno di brutto tempo, speriamo per il fine settimana...

Offline JFT

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.930
  • Sesso: Maschio
Stando al sicuro deve essere uno spettacolo davvero notevole. Però ad essere in giro c'è da farsela sotto....  :-\
"La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli."
Friedrich Nietzsche

Offline PassoVeloce

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 5.825
  • Sesso: Femmina
Cavolo che paura!  :o :o

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.740
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Stando al sicuro deve essere uno spettacolo davvero notevole. Però ad essere in giro c'è da farsela sotto....  :-\

dipende :) Lì a Malga Ziolera si era al sicuro perché c'è un grande vallone che separa il versante che scaricava, certo se eravamo al di là e avessimo sentito "l'esplosione" della valanga che partiva sopra la testa, era veramente da panico... Anche se non sono molto grandi, fanno un boato abbastanza terrificante...
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.740
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
incredibile, osservando meglio le foto delle valanghe da cima Ziolera scattate sabato, mi sono accorto che sopra c'erano due sciatori (due cretini) che avevano appena attraversato il costone!

(qui si vede meglio nella foto)
http://img25.imageshack.us/img25/9707/fessi2.jpg

« Ultima modifica: 03/03/2009 13:24 da AGH »
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/

Offline JFT

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.930
  • Sesso: Maschio
incredibile, osservando meglio le foto delle valanghe da cima Ziolera scattate sabato, mi sono accorto che sopra c'erano due sciatori (due cretini) che avevano appena attraversato il costone!

Pazzi furiosi...  :o
"La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli."
Friedrich Nietzsche

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.740
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
ho provato a mettere lo spezzone della valanga, purtroppo non si vede una ceppa perché la macchinetta filma solo in tutto grandandolo :( La valanga si stacca poco sotto la cima e precipita nel vallone con un salto di roccia di almeno 80 metri... Non si vede però si sente il rumore  ;D
Se i due tizi che si vedono in foto fossero stati travolti, avrei fatto lo scoop. Meglio così dai :)

http://www.youtube.com/watch?v=92EGXiOFPk4
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/

Offline PassoVeloce

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 5.825
  • Sesso: Femmina
La valanga si stacca poco sotto la cima e precipita nel vallone con un salto di roccia di almeno 80 metri... Non si vede però si sente il rumore  ;D
A vederli sembra stiano scendendo....e sembra quasi che si sia staccata dove sono passati o sbaglio?

Offline JFT

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2.930
  • Sesso: Maschio
 :-\ mmmm... l'unico commento che mi viene è: VENDESI SCI DA ALPINISMO E SCARPONI MOD.....
"La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli."
Friedrich Nietzsche

Online AGH

  • Administrator
  • *****
  • Post: 20.740
  • Sesso: Maschio
  • AGH
  • località di residenza: Brusago (Altopiano di Piné)
Re: [LAGORAI SCIALPINISTICA] Malga Ziolera col brivido (m 1926)
« Risposta #10 il: 03/03/2009 13:22 »
A vederli sembra stiano scendendo....e sembra quasi che si sia staccata dove sono passati o sbaglio?

sicuramente stanno scendendo (in una foto successiva si vede che hanno perso quota). Sono passati di li', poco sotto le rocce della cima Ziolera, per non dover scendere dal versante est, che inizialmente è assai ripido. La valanga si è staccata proprio dove sono passati, magari l'hanno staccata essi stessi. Comunque se osservi nelle foto, ci sono molte tipiche valanghe da caldo (non a lastroni ma con la tipica forma "a pera") che si staccano in prossimità delle rocce (che si scaldano al sole e quindi provocano il distacco). Quel costone che fa da catino, è pieno di tracce simili. Se per disgrazia venivano trascinati in basso, gli toccava il salto nel vuoto assieme alla valanga... :(
Blog di Montagna
https://www.fotoagh.it/